A la filhe de boune mizoun
la tsamize pòse lë ganatsoun.
(La ragazza di buona educazione porta la camicia più lunga della sottana).

A mità furìa,
mità ta palhe e mità toun fenìa,
doua pars dâ tsavilhìa,
tou farè mitìa.
(A metà febbraio, metà paglia e metà fieno, due terzi del pane: tutto tornerà utile -poiché lungo sarà ancora l'inverno-).

A vese quë mort, corde courte.
(A can che morde, corto guinzaglio -non dar cioè confidenza a chi ti potrebbe danneggiare-).

Aigue pasô mouline pâ mai.
(Acqua passata non macina più).

Abrìël tsaut e mòi freit
ramplison la gròndze e lë teit.
(Aprile caldo e maggio freddo riempiono il fienile e la stalla -sono forieri di un ottimo raccolto di fieno che favorirà l'allevamento-).

Aboù lâ feulha d' lâ roza
la së fai pâ dë grònda tsoza.
(Con le foglie delle rose non si fanno grandi cose).

Bien dë guepa e bien d'oulagna,
bien dë néu su lâ mountagna.
(Molte vespe e molte nocciole, molta neve sulle montagne).

Aboù dë pòn e aboù dë vin
en pò arsèbbre soun vezin.
(Con del pane e con del vino si può ricevere il proprio vicino).

Cant la feulhe ee â bouisoun,
la feie s' nen fout dë soun patroun.
(Quando la foglia spunta sul cespuglio, la pecora può fare a meno del padrone).

Cant lë boshou feulhotte,
la feie malhòtte.
(Quando il cespuglio mette le prime foglie, la pecora mangiucchia -infatti è primavera e l'erba spunta nei prati dove le pecore vengono portate al primo pascolo).

Aprê l'aure lë barlet.
(Dopo il vento, il barilotto -cadrà la pioggia-).

Cant lë blà ipìa,
nau semòna e pèi en lë lhìa.
(Quando la segala mette la spiga, nove settimane e poi la si lega -cioè è ora della mietitura-).

Cant lë fioun flurî
la feie s'ardzouvî.
(Quando il trifoglio montano fiorisce, la pecora ne gioisce).

Cant lë fioun nai,
la feie s'arfai.
(Quando spunta il trifoglio montano, la pecora si rifà).

Cant lë grouzlìa flurî,
l'abeulhe së nurî.
(Quando il cespuglio -di uva spina- fiorisce, l'ape si nutre).

Cant la lengue travalhe bèn,
lâ môn fòn pâ rèn.
(Chi ha la lingua sciolta può lasciar riposar le mani).

Aigue manètte lòve pô.
(Acqua sporca non lava).

Cant la luno intro din soun bel,
din tree dzours lh'a dë nouvel.
(Quando la fase lunare inizia col bel tempo, entro tre giorni ci saranno novità -ovvero il tempo cambierà-).

Cant en vèn velh, en pert lë melh.
(Quando s'invecchia si perde il meglio).

C'ma la fai lë dzourn d' la Ramoulive
tou l'òn la n'arsalive.
(Come fa la domenica delle Palme se ne risente tutto l'anno).

Courte avene, artse piene.
(Corta avena, arca piena -buon raccolto-).

Couzin segount,
ou quë la së pert ou quë la s'arfount.
(Cugino di secondo grado, la parentela si perde o si rinsalda).

Feie quë bezelle pert lë boucoun.
(Pecora che bela perde il boccone).

Dâ farmashèn tâtà pâ rèn,
e dâ ferìa toutsà pâ rèn.
(Dal farmacista non assaggiate nulla, e dal fabbro non toccate nulla -ammonimento di chiaro significato-).

Din la vitte la vente avalô amòr
i icupî doû.
(Nella vita bisogna ingoiare amaro e sputar dolce).

Din loû doulours e din louz acsiden
l'ee melh un amic quë sent paren.
(Nei dolori e negl'incidenti è meglio un amico che cento parenti).

Encé â quinze d'aut fene tsi vò,
aprê fene tsi pò.
(Fino al quindici agosto fiena chi vuole, dopo fiena chi può).

L'arlevô d' la bâs-oure
l'ee la milhoure.
(La rasserenata del tardo pomeriggio è la migliore).

La dzent il icoute pô lâ clòtsa
cant î counoui pô tsi là soune.
(La gente non ascolta le campane quando non conosce chi le suona).

La fenne vertiouze
î fai soun leit e pèi î s' coudze.
(La donna virtuosa fa il proprio letto e poi si corica).

L'ipìa qu'a pâ ren
l'ee iquelle qu'ause la tete.
(La spiga vuota è quella che alza il capo).

Lâ malatìa lâ venon a cavòl
e lâ s' nen vòn a pè.
(Le malattie vengono a cavallo e se ne vanno a piedi -fanno presto a venire, ma sono lente ad andarsene-).

La tartareie î malhe le blà
fin din l'entremeie.
(La coda di volpe danneggia la segale fin nelle griglie del ventilabro).

La vòl mai plagnre lh'autri
qu'esre plònch.
(E' meglio compiangere che essere compianti).

La vente paz anô aboù un sop
së ou voulà paz aprenne a soupiô.
(Non bisogna andare con uno zoppo se non si vuol imparare a zoppicare).

La vente paz anô ve' l' moulinìa
së ou voulà pâ vouz enfarinô.
(Non bisogna andare dal mugnaio se non volete infarinarvi).

La vente venî velh për vee
tree mee d'abrìël bau.
(Bisogna invecchiare assai per vedere tre mesi d'aprile belli).

L'arlevô dë la nèut
î dure ancé quë lë dinô sòi quèut,
iquelle d' la matin
encé qu'a sòi din lë tupin.
(La rasserenata della notte dura fin che la colazione sia cotta, quella del mattino fin che essa sia nel tegamino).

L'amour al ee plû fort que lë
b roû.
(L'amore è più forte del formaggio fermentato).

Lë Boun Diou noû prezerve d' la néu dezembrine,
dâ mee dë moi la brine e dë Sen Jouôn l'isutine.
(Il Signore ci preservi dalla neve dicembrina, dalla brina di maggio e dalla siccità di San Giovanni).

L'ee melh lë vin pëchot quë l'aigue grose.
(E' meglio il vino piccolo dell'acqua grossa).

L'ee melh un marì acort qu'une boune sentense.
(E' meglio un cattivo accordo che una buona sentenza).

L'ee pâ la pene d'aguee une tete për fô c'ma volon lh'autri.
(Non serve avere una testa se poi si fa come vogliono gli altri).

Lë tribunòl, la galere e l'enfern
i soun ubers ità e uvern.
(Il tribunale, la galera e l'inferno sono aperti estate e inverno).

Loû persocs
î malhon l'iordze fin din loû sòcs.
(I fiordalisi danneggiano l'orzo fin dentro i sacchi).

Ni a tort ni a razoun
fai-té pâ butâ en prizoun.
(Né a torto né a ragione non farti mettere in prigione).

Për l'Anounshiô
adìou la vilhô.
(Per l'Annunciazione -25 marzo-, addio alle veglie serali).

Për quë la gn'en sia prou
la vente que la gn'avònse.
(Perché ce ne sia a sufficienza bisogna che ne avanzi).

Për tsi a fòm, toutte questioùn
së mezure aboù lë boucoùn.
(Per chi ha fame, ogni questione si misura col boccone).