Il kyé ha parecchi proverbi in comune con il piemontese e l'ormeasco. Indichiamo qui di seguito quelli che riteniamo invece esclusivi o quasi.

A San Pé i pnitz, a San Mikel le kastagne.
A S.Pietro i ricci, a San Michele le castagne.

A stembr, kōnd la mouřa i ōi mōiřa, ina fusō për soiřa.
A settembre, quando la mora è matura, una fusata per sera.

A San Luk, le kastagne medze ën teřa e medze sou tzuk.
A San Luca le castagne mezze in terra e mezze sul ceppo.

Natōl sentza luna, kastagne poke o gnune.
Natale senza luna, castagne poche o nessuna.

A San Giouan le skouele sout ou skagn.
A San Giovanni le scodelle sotto lo sgabello.

Kond le gialine ërpiumou da la koua, l'uvern ou ven dë giù.
Quando le galline perdono le penne della coda, l'inverno arriva dalla pianura.

Se ou kountinoua a nouō pařei, a matin le gialine i pitou le sc-toiře.
Se continua a nevicare così, domattina le galline beccheranno le stelle.
(proverbio comune con l'ormeasco).

Fin ke i lapatzot is takou ai rian, ou temp ou s'ërleva gnent.
Fin quando i banchi di nebbia lambiscono i solchi, il tempo non si riprende.

Le gratzie ënt la poila i fridzou gheř.
ringraziamenti nella padella friggono poco. (= Non basta dire grazie quando si riceve un favore)

Ou si sèřa gnent l'uvern, si lōvou gnent le peře ëd Koursaia.
Non si chiude l'inverno, se non si lavano le pietre del Corsaglia (Pietre lavate dalla gran portata d'acqua di scioglimento delle nevi).

Kond ou reiřot ous katza sout a le rëmme, ou vo nouō.
Quando lo scricciolo si infila sotto la gronda, vuol nevicare.

L'oi mei vegh ou loub ënt le fé, ke le mousc-ce ën gëné.
È meglio vedere il lupo tra le pecore che le mosche a gennaio.

Se d'outoun le lumadze i soun soume, ui kōřa poka nevou.
Se d'autunno le lumache (in letargo) sono poco profonde, cadrà poca neve.

Ënt agousct l'ōsou né ou ven rous.
In agosto l'asino nero diventa rosso.

Koursaia e la lavōncia i han mai pers le soue koueřendze.
Corsaglia e la valanga non hanno mai perso i loro diritti.

Le froume una për ka, le křōve una për pařok, i přev un për ciouké.
Le donne una per casa, le capre una per paletto, i preti uno per campanile.

Set pesciàu, set katzàu, set giouàu: vintun muort ëd fam.
Sette pescatori, sette cacciatori, sette giocatori: ventun morti di fame.

I lunaté i han mai gnent ëd gran ënt e grané.
Chi guarda la luna non ha mai grano nel granaio.