È uno dei Quaderni pubblicati dalla Fondazione del Centro Culturale Valdese nell'ambito di un progetto triennale condotto nelle valli Pellice, Germanasca e Chisone e finanziato dalla Comunità europea e dalla Regione Piemonte; il progetto, come spiega la redattrice del libro Graziella Tron, fa a sua volta parte di un'attività che la Fondazione conduce da anni "per la conservazione e la promozione del patouà nelle nostre valli, rivolgendosi sia ai ragazzi e alle ragazze più giovani per invogliarli a mantenere l'uso di questa lingua, sia agli anziani per coinvolgerli nella preziosa trasmissione della memoria".

La bënno dâ patouà (La gerla del patouà) raccoglie leggende, racconti, filastrocche, ricette, canzoni, motti e indovinelli nelle varianti dialettali delle valli Pellice, Germanasca e Chisone.

Sono stati archiviati nel Corpus Testuale un racconto, tre leggende, una filastrocca ed una ricetta.