Portal Francoprovensal    Cammino: Lou Tsamin Francoprovensal

Gran Croce - Bessans - 28/06/2010

Gran Croce - Bessans

Gran Croce - Bessans - 28/06/2010
italiano Partiamo dalla Gran Scala alle 9.00, freschi e riposati, saliamo verso il lago del Moncenisio, dove il panorama ci obbliga ad una prima sosta, la bella vista bilancia il peso dello zaino! Oggi cammina con noi Fabrizio Milla, ricercatore e scrittore appassionato di montagna ma all'incrocio di San Valine salutiamo Claudia e Gigi che ritorneranno a camminare con noi nella seconda parte del viaggio e noi proseguiamo verso il colle. Ci fermiamo a mangiare ad Arcelle Neuve guardando la valle ai nostri piedi, la Haute Maurienne. Rifocillati, ripartiamo alla volta di Bessans ma al primo bivio non troviamo le segnalazioni del sentiero e perdiamo un po' di quota, scendendo in corrispondenza delle piste da sci. Arrivati quasi nei prati del fondo valle Fabrizio ci saluta e si volta per tornare al Moncenisio; noi, invece, dobbiamo riprendere quota e risalire fino alla frazione Chanteluve dove troviamo una signora intenta nella manutenzione del suo chalet che ci offre l'acqua. Mentre ci rinfreschiamo all'ombra ci racconta di essere una scultrice e ci invita ad ammirare il Dent Parachée alle nostre spalle. 
Siamo ormai in vista delle case di Bessans quando iniziano a cadere le prime gocce di pioggia, troviamo riparo sotto la tettoia di una stalla per indossare le mantelle e marciare trionfanti fino al comune, dove alcune persone ci stavano già aspettando, pronte ad offrirci riparo ed un piccolo e piacevole rinfresco. Felix Personnatz ci accoglie in patois e ci racconta della lingua di Bessans, la sua lingua madre. Intanto ci raggiunge anche l'amministrazione comunale con il sindaco Daniel Personnatz (scopriamo che a Bessans Personnatz è il cognome più gettonato). Ora Elisa sta filmando lo scultore dei famosi diavoli di Bessans, George Personnatz! Chiudiamo l'incontro istituzionale con una canzone dell'antica tradizionedi Bessans, intonata da bessanesi e camminatori. Dopo 24 km di cammino ci meritiamo una doccia ristrutturante ed un po' di relax!
franco-provenzale Parteun da la Gran Croue a nou oureus, bèin arpouzà, pouieun vers lou lai dou mounsenì, aioun lou panorama ou nous obligue a ina pèrmiera sosta, lou bèl di post bilanse lou pès dou zaino.
Incué tsamine avé nos Fabrizio Milla, ricercatou èicritou, apasiounà de mountanha ma a la crouèiza de Savalin nou lèisoun Claudia è Gigi que tornoun tsaminé avé nos a la fin dou viadzo, nos pouieun vers lou Mounsenì.
Mindzeun a l'Arcelle Neuve avèitan la val de la Moriena. Apré parteun detsis ma trouveun paa lou vieleut per Besan è bèiseun trot per le pisteus de ski. Ariveun ba da preundre lou rtsamin dou petit bonheur, puoie in bleuc fin a Chantelouve aioun trouveun ina persona que lhe travalhe a soun chalet que lhe nou done in boun vèiro d'éiva, et ina scultrice è lhe nou mountre lou Dent Parrache.
Seun ormai an vista dle mèizoun de Bessans can coumanse a pleure, dezot ina tetoia nou biteun la mantela è ariveun an quemoun. Nous ateundoun Felix Personnaz è ou nou bardzaque de la lèinga de Bessans, arive asé lou Sandic Daniel Personnaz ( se damandoun touit Personnaz)
Aro Elisa lhe filme lou scultou di famouz diablo de Bessans George Personnaz! Sareun l'ancountr avé ina tsansoun
Apré de 24 kilometri nou meriteun ina bela lavà è in bleuc de relax.