Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Pierina Deyme - Lou veou d’un cò

Lou veou d’un cò

Èsse soun mèitre - Antologia di scritti occitani dell'Alta Valle Susa

italiano

L’exillese Pierina Deyme (1934-) abita per alcuni anni a Bardonecchia e a Torino dove è occupata come portinaia di stabili; rimane profondamente legata al suo paese dove attualmente risiede. Vince il primo premio del concorso annuale de Il Bannie 1985 nella sezione Patouà con la poesia Lou veou d’un cò (I vecchi di una volta). La grafia utilizzata dalla Deyme è la stessa utilizzata dal Bernard sulla base della lezione del De La Coste con maggior osservazione della grafia dell’Escolo dou Po. 


Gli anziani di un tempo

Quand’ero giovane, una volta,
ad Exilles, il giorno di Capodanno
la gente, quando s’incontrava,
si dava la mano.

Buongiorno Francesca, Buon giorno zia Serafina,
Buon giorno Luisa!”
Si abbracciavano, si baciavano,
si volevano bene.
si ritrovavano nella stalla,
giocavano a carte,
preparavano i rametti di salice per legare le viti,
si volevano bene.

Oggi, con il progresso, tutti
si guardano di brutto,
tutti vogliono il sole.
Vogliamoci bene, gente,
diamoci la mano
come facevano i nostri nonni;
Vogliamoci bene, gente!


Can mi l’erou jouve, un cobe,
a Issilha, ‘l jou ‘d Boun An
la jon, can s’ancountràvan,
is dounàvan la man.

«Boujoù Fransouà, Boujoù Tante Fine,
Boujoù Lise!»
I s’ambrassàvan, is beisàvan,
is vourìan bion.
is trouvàvan din l’etable,
i jouàvan a la carta,
i fasìan la goura,
is vourìan bion.

Lheuire, vi ‘l prougré, tus
is bèican brut,
tous i vòran ël souré.
Vouranse bion, jon,
dounanse la man
coume i fasìan lou notre gran;
vouranse bion, jon!
186


occitan

Can mi l’erou jouve, un cobe,
a Issilha, ‘l jou ‘d Boun An
la jon, can s’ancountràvan,
is dounàvan la man.

«Boujoù Fransouà, Boujoù Tante Fine,
Boujoù Lise!»
I s’ambrassàvan, is beisàvan,
is vourìan bion.
is trouvàvan din l’etable,
i jouàvan a la carta,
i fasìan la goura,
is vourìan bion.

Lheuire, vi ‘l prougré, tus
is bèican brut,
tous i vòran ël souré.
Vouranse bion, jon,
dounanse la man
coume i fasìan lou notre gran;
vouranse bion, jon!
186