italiano

Le due fanciulle di San Colombano di Exilles, Laura Chiamberlando (1955-) e Rosanna Joannas (1954-), allora frequentanti le scuole medie, partecipano al concorso per giovani de Il Bannie indetto nel 1969 vincendo il terzo premio con un dialogo in patois. Le vicende della vita porteranno entrambe le giovani promesse a vivere lontano da Exilles, da quel semplice mondo paesano narrato nel dialogo, l’una prima a Cesana Torinese poi nell’Astigiano e l’altra ad Avigliana.

Nella grafia adottata dalle due scolarette, la e finale è da intendersi semimuta (tante, zia); non è distinta la s sonora da quella sorda (scusè, scusate, dove la prima è sorda e la seconda sonora; disème, ditemi e plaisì, piacere, dove la s è sonora); sono indicate consonanti mute terminali alla francese (avez, avete; savez, sapete; pas, non; tard, tardi; tant, tanto); è spesso indicata contrazione tra pronome personale atono e verbo (lavez, voi avete). Il segno j ha suono consonantico alla francese (, già) o valore semivocalico (iejire, adesso; mej, mese; crjiou, credo). Non è indicato allungamento vocalico (si, sia) o è da intendersi tale la vocale accentata (mandà, chiedere; dinà, cena; anà, andare).


Maria e Annetta

Tante Marioun: “Si può? Buon giorno, Annetta, Scusate se vi disturbo, posso entrare? Volevo chiedervi un grosso piacere: avete già cenato?”

Tante Nanette: “Boun giorno Maria, venite pure, noi abbiamo già cenato e voi non avete ancora cenato?”

Tante Marioun: “No, non ho ancora cenato, ma sono invitata dal mio vicino.”

Tante Nanette: “Ah, povera Maria! Non sapete che chi attende la cena dal vicino cenerà più tardi che di mattino? Eh, Maria, ditemi che piacere vorreste da me?”

Tante Marioun: “Il mio Giovanni non ha osato venire da voi; e ora vi dico ciò che vorrei: Voi Annetta che siete un po’ colta, sapete dirmi se Nostra Signora d’agosto si trova nel mese di settembre?”

Tante Nanette: “So ben leggere e scrivere ma ciò non ve lo so dire; ma credo che Nostra Signora d’agosto sia sempre al 15 di agosto!”

Tante Marioun: “Allora scusatemi tanto, Annetta, prestatemi la cuffia perché sapete che sono una consorella della confraternita del Santo Rosario e vorrei andare alla processione!”

Tante Nanette: “Fate bene; anch’io voglio andare alla processione, perché anch’io sono consorella, ma i miei abiti sono già pronti. Buon giorno Maria!”

Tante Marioun: “Arrivederci, Annetta”. 

Tante Marioun:“Les po? Boujou, tante Nanette, scusè un pau ch’au diturbou, a poiu antra? Au vouriou mandà un gros plesì: ou l’avez jò dinè?»

Tante Nanette: «Boujou, tante Marioun, vnè pure, nous lavan jò dinè, e vous lavez pancà dinè?»

Tante Marioun: “Nau, a lai pa ‘ncà dinè! Ma a siu envitè ‘d moun visin.”

Tante Nanette: «Ah, por tante Marioun! Savez pas que qui aton ‘l dinà du visin ou dine plus tard que ‘d matin? Eh, tante Marioun, disème que plaisì ou vourrè da mi?»

Tante Marioun: «Moun Jan ou là pas lausè ad ni da vous; e iejire au disou sca vorou: Vous tante Nanette que savez bion ‘d lettre, ou savez m’dire si Notre Dame d’ou s-trouve u mej d’stombre?»

Tante Nanette: «Mi a sau bion lire e icrire ma i cion a saou pas aous dire; ma a crjiou que Notre Dame d’ou si ciou aou quionse d’ou!»

Tante Marioun: «Aloure scusème tant, tante Nanette, ‘m prestou la cuffie pasque ou savèz quà siou une Randoue du Sant Rusère et a vorou anà a la poursisioun!»

Tante Nanette: “Ou fasez bion; mai mi a vorou anà a la poursisioun, pasque mai mi a siou Randoue, ma moun bitin li jò prest. Boujou tante Marioun!”

Tante Marioun: “Arvouar, tante Nanette.”184