Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Genesio De La Coste - Se cò nu parlon dl’ cûsine

Èsse soun mèitre - Antologia di scritti occitani dell'Alta Valle Susa

italiano

Questa volta parliamo della cucina

Parlare delle cucine di oggi non è molto interessante perché sembrano troppo a quelle delle grandi città, tutte lucide e quasi tutte uguali. Allora parliamo di quelle di un tempo, con la volta a botte e nere come la galleria del Mian. La cucina serviva a più usi. Si faceva da mangiare per i cristiani e il pasto per il bestiame, i formaggi, la ricotta, la ricotta condita con pepe, sale e spezie, il pane, le torte salate e le pagnottelle per i bambini. La madia serviva da tavolo, due panche al posto delle sedie e tutti seduti in fila divoravamo la scodellata (di minestra). Un grande camino con appese due catene, una per la polenta e l’altra per il pastone (per gli animali), occupava metà cucina. La volta era piena di ganci con i paioli del latte appesi e, ogni tanto, i più grandi davano una testata e si trovavano con il collo bagnato. Al fondo c’era la credenza che molti hanno fatto a pezzi e adesso si mordono le dita perché gli antiquari le pagherebbero bene. Il pavimento era fatto di pietra perché, spesso, era necessario rompere qualche pezzo di legno troppo grosso. La radio e la televisione erano ancora ben lontane. Le rimpiazzava qualche marmocchio che piangeva in un angolo.

Parlà d’la cûsina ‘d ieûre l’é pa gaire anteressan parché la somblan trot a chella d’la granda villa, tutta lûstra e casi tutta méma. Allure nu parlon ‘d chella d’in cò vé la vauta a vesé e gnera cumme l’ galllerie du Mian. L’ cûsine i sarvìe a plûsiör ûsaje. L’s fasìe: d’amija per lu cristiàn e d’amachà per ‘l besciàn; la tumma, l’ brussse e lu pultùn; ‘l pan, la turta e lu curùn. L’ mai i sarvìe d’ tabble, du ban an plasse d’la sciera e tus sta an fille nu devuravan chelle gammlé. In gran fuyìe ve du timacle, in per l’ pulonte e l’autre per ‘l biurà, u tinìe meté d’l’ cûsine. L’ vaute plaine ‘d croc vé lu perô du lai an brandan e tans an ton lu plû gran i futìan ine cabûssé e is truvavan ‘l col bagné. U fun l’y avìe la cardanssa c’ biòn i l’an futû a toc e ieûre is mordan lu dai parché chellu dl’antichité i la paiarìan bion. ‘L planscìe u iere fai ‘d paira parché tantu cò l’ vantave éclapà coc muchùn trot grò. L’ radio e l’ televisiùn la ieran anca bion len. U la ramplassave coc varmigné cu plurave dins in cantun.176


Genesio De La Coste - Se cò nu parlon dl’ cûsine

Èsse soun mèitre - Antologia di scritti occitani dell'Alta Valle Susa

italiano

Questa volta parliamo della cucina

Parlare delle cucine di oggi non è molto interessante perché sembrano troppo a quelle delle grandi città, tutte lucide e quasi tutte uguali. Allora parliamo di quelle di un tempo, con la volta a botte e nere come la galleria del Mian. La cucina serviva a più usi. Si faceva da mangiare per i cristiani e il pasto per il bestiame, i formaggi, la ricotta, la ricotta condita con pepe, sale e spezie, il pane, le torte salate e le pagnottelle per i bambini. La madia serviva da tavolo, due panche al posto delle sedie e tutti seduti in fila divoravamo la scodellata (di minestra). Un grande camino con appese due catene, una per la polenta e l’altra per il pastone (per gli animali), occupava metà cucina. La volta era piena di ganci con i paioli del latte appesi e, ogni tanto, i più grandi davano una testata e si trovavano con il collo bagnato. Al fondo c’era la credenza che molti hanno fatto a pezzi e adesso si mordono le dita perché gli antiquari le pagherebbero bene. Il pavimento era fatto di pietra perché, spesso, era necessario rompere qualche pezzo di legno troppo grosso. La radio e la televisione erano ancora ben lontane. Le rimpiazzava qualche marmocchio che piangeva in un angolo.

Parlà d’la cûsina ‘d ieûre l’é pa gaire anteressan parché la somblan trot a chella d’la granda villa, tutta lûstra e casi tutta méma. Allure nu parlon ‘d chella d’in cò vé la vauta a vesé e gnera cumme l’ galllerie du Mian. L’ cûsine i sarvìe a plûsiör ûsaje. L’s fasìe: d’amija per lu cristiàn e d’amachà per ‘l besciàn; la tumma, l’ brussse e lu pultùn; ‘l pan, la turta e lu curùn. L’ mai i sarvìe d’ tabble, du ban an plasse d’la sciera e tus sta an fille nu devuravan chelle gammlé. In gran fuyìe ve du timacle, in per l’ pulonte e l’autre per ‘l biurà, u tinìe meté d’l’ cûsine. L’ vaute plaine ‘d croc vé lu perô du lai an brandan e tans an ton lu plû gran i futìan ine cabûssé e is truvavan ‘l col bagné. U fun l’y avìe la cardanssa c’ biòn i l’an futû a toc e ieûre is mordan lu dai parché chellu dl’antichité i la paiarìan bion. ‘L planscìe u iere fai ‘d paira parché tantu cò l’ vantave éclapà coc muchùn trot grò. L’ radio e l’ televisiùn la ieran anca bion len. U la ramplassave coc varmigné cu plurave dins in cantun.176