italiano

Parliamo della casa del contadino di qui

Cominciamo dalla cantina perché è il locale dove andiamo più volentieri, soprattutto se le botti sono piene. Possiamo dire che la cantina è il negozio (magazzino) dei paesani perché il gelo non vi entra e così possiamo mettervi tutte le nostre provviste per l’inverno. Incominciamo a metterci le patate e le mele. Verso il quindici di ottobre s’inizia a vendemmiare, allora una settimana prima bisogna bagnare i tini per far gonfiare le doghe e il fondo altrimenti rischiamo di avere la vinaccia nel tino e il vino per la cantina. Dopo qualche giorno sciacquiamo i tini e ci assicuriamo che le spine non perdano, così possiamo pigiare tranquilli. Quando l’uva è pestata, bisogna immergere tre/quattro volte e poi appiattire le vinacce fino a quando tiriamo (spilliamo) il vino. Mentre il vino si fa (fermenta), risciacquiamo le botti e le capovolgiamo affinché asciughino bene. Il vino è fatto, bisogna tirarlo. Mettiamo a posto le botti, un po’ di rista alle spine e ai tappi e siamo pronti. Tirare il vino è anche faticoso, ma lo facciamo più volentieri che dare l’acqua (irrorare le viti di solfato di rame) e zappare la vigna. Di tanto in tanto un bicchiere di novello e via con le secchiate. Spesso barcolliamo già un poco, ma non lo versiamo, si direbbe che il Buon Dio ci aiuti. Una volta spillato il vino torchiamo le vinacce, laviamo il tino e fino all’anno successivo non pensiamo più a questo attrezzo (utensile). Un tempo nelle Cantine c’erano file di formaggi, file di salcicce e barili pieni di carne sotto sale. Da quando la gente ha lasciato i secchi di legno per andare a fare quelli di plastica, hanno venduto le mucche e i cavalli, tutte quelle buone cose sono scomparse. I topi sono loro i padroni della cantina.

Nu cumansson dl’ crotte parchè l’é l’ardù c’nus annin plû vuluntie, surtu s’ lu veséu i sun plon. Nu puyon dire c’ l’ crotte l’é ‘l magasin du paysan parché ‘l jaré u l’intre pa e parie nu puyon bità tutta notra pruvista par l’ûver. Nu cumansson bità la tartiffla e lu pun. Anviron du chionse d’ottobre i cumonssan vandeimà, allure ine sémane dran ‘l vonte bagnà la tina par fà cunflà la duya e ‘l jabble antramon nu riscon d’aveire l’ rappe din la tina e ‘l vin par l’ crotte.

Apré coche jù nu ransson la tina e nus assûron c’ la chiya la perdan pa, parie nu puyon pità tranchille. Can lu rinsin sun pità, l’ vonte plunjà trai cattre cò e apré applatà l’ rappe tan c’ nu tiran ‘l vin. Tandis c’l vin us fài, nu ransson lu veséu e nu lu viron abbuchà par che s’écuran bion. ‘L vin u l’a fai, ‘l vonte ‘l tirà. Nu biton a post lu veséu, un pàu d’rite a la chiya e us’ebuchun e nu son prest. Tirà ‘l vin l’é mai fatigan, ma nus ‘l fason plû vuluntie c’ dunnà l’aighe e sappà la vigna.

Tons an ton in vaire ‘d nuvé e ‘d curse vé la siyunà. Tantu co nu trantayon jò in pau, ma nu l’ varson pà; u diria c’l Bundiu nus ajue.

In cò tiré ‘l vin, nu turchon l’ rappe, nu lavon la tina e jûsche a l’an dapré nu pansson psaure a che mebble ici.

Stusan din la crotta l’yavie ‘d filla ‘d tumma, ‘d ronja ‘d susissa e ‘d sibble plon ‘d viande a la sà. Dapû c’ l’ jon i l’an lessé lu siyun ‘d bò par annà a fà chellu ‘d plastica, i l’an vandû la vacha e lu broc, tutta cla buna chosa la sun disparesûa. Lu jarin sun yellu padrun d’la crotta.174