italiano

La stalla

Le stalle disposte come quelle di una volta sono rare perché la maggior parte è rimasta vuota. Una volta le stalle erano ben fornite: tre, quattro mucche legate alla mangiatoia, l’animale da tiro (cavallo o mulo) nel suo angolo, il maiale nel suo porcile e cinque o sei pecore nel loro recinto. Quando arrivava l’inverno, si passava la maggior parte del tempo nella stalla, perché era il locale più caldo della casa. La gente si scaldava a buon mercato e poteva fregarsene tranquillamente degli arabi. Ai piedi della finestra c’era il tavolato per avere un angolo pulito e rischiarato per fare i lavori della stagione. Normalmente sopra il recinto delle pecore c’erano i letti. Li facevano lì per guadagnare spazio. Il fondo di legno era una buona medicina per l’artrosi. Anche se non era molto soffice molte volte avremmo ancora dormito, ma qualche montone che non aveva più sonno iniziava a far girare le pecore e se il letame era un po’ alto sollevavano le assi. Dopo cena si faceva la veglia. Gli uomini preparavano i vimini per legare le viti, le donne filavano e i bambini con un ramoscello di salice facevano saltare le corde al filarello e ogni tanto si prendevano una bastonata con il manico della conocchia. La nonna per farli stare tranquilli raccontava delle storie, pollicino, le fate, i folletti, gli stregoni, finché i poveri bambini non osavano più muoversi e se la facevano addosso. Ogni tanto un’occhiata alle mucche per vedere se ruminavano bene. Quando scuotevano la testa segnavano il brutto tempo e, al mattino, alzandoci davamo loro ragione. Sostituivano Bernacca alla televisione.

Louz etable mountà coumme quellou d’ästouzan i soun râ parqué lä plu gran poursioun i soun restà vouian. In cò louz etable i lh’eran bion garnì: trai, catre vacha etachâ ä lä crepiä, ël broc din soun cantoun, ël crin din soun bouet e sinc ou sai fea din lora clea. Can l’arribavä l’uvern, lä plu gran par dou ton is passavä din l’etable parqué lä lh’erä l’ardou plu chau d’lä mezoun. Lä jon i s’echoudavä a boun marchà e i pouiä s’anfoute tranquillemon douz Arabbe. Ou pé d’lä feneträ lä lh’aviä ël bouasage par avaire in cantoun proppre e ou joû par pougaire fâ laz obbra d’lä sazoun. D’abituddä sû loû boues d’la fea lä lh’aviä loû lai. I loû fazian itchi sû par gagnâ ëd plassä. Ël foun ed pò ou lh’erä inä bounä mitsinä par l’artrozi. Meme s’lä lh’erä pa tan souple, tantou cò nouz ourian ancà djouarmì ma coc’ arichou qu’ou l’aviä p’zaure son ou tacavä fâ valsâ qu’la fea e së ‘l fumië ou lh’erä jò in pau au i alvavan la pò. Apre sinä lä s’fasiä lä vilhâ. Louz ome fasian lä gourä, la fenna la fieravan e louz efan ‘vé in von i fasian soutâ la corda dou tour e tanz an ton i s’attrapavan ine tricoutà ‘vé ël magnou d’lä courougna. Lä Gran, par loû fâ itâ tranquille countchiavä ëd conte, ël pchit pousset, la faia, loû faios, loû soursìe; tant qu’a qu’loû porez efan il ouzavan p’zaoure së boujâ e is la fasian din la braia. Tanz an ton in cò d’elh a la vacha par vaire s’la roueimavan bion. Can la soupatavan lä cabossä la dessignavan ëd mouvé ton e ëd matin an nouz alvan nou la dounavan rezoun. La ramplassava Bernacca ä lä televisioun.