Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Genesio De La Coste - Lä granjä

Èsse soun mèitre - Antologia di scritti occitani dell'Alta Valle Susa

italiano

La grangia (il fienile)

Parliamo ancora una volta delle nostre vecchie case. Questa volta parliamo della grangia. Generalmente la grangia è divisa in tre parti, dal basso verso l’alto. Al piano terra c’è il fienile, al primo piano l’aia e al secondo il pagliaio. Una scala fissa, situata in un angolo, per salire da un piano all’altro. Al pian terreno si mette il fieno, sull’aia i cereali e per questo motivo il pavimento è fatto con assi ben avvitate insieme per non perdere un chicco. Il pavimento del pagliaio è fatto un po’ alla svelta perché vi si mettono la paglia e le fascine di foglie e allora non c’è molto da perdere. Ora i tempi sono cambiati. Quelli che seminano ancora la segale la battono all’aperto con la trebbiatrice così le aie hanno perso la loro funzione. Quando battevano a mano, era divertente passare durante il mese di agosto nelle borgate. Si sentiva una specie di musica che teneva compagnia. Gli uni battevano i mannelli contro un tavolato, gli altri battevano le spighe ancora attaccate alla paglia con i correggiati, altri vagliavano il grano passandolo al ventilabro, qualcuno riempiva l’emina178 e faceva i sacchi. I più vecchi legavano a fasci la paglia e i più giovani li mettevano sul pagliaio. C’era lavoro per tutti. Dietro la porta un fiasco di quello buono, per spingere giù la polvere, non mancava mai. A volte, nonostante tutto quel fracasso, qualcuno rimaneva addormentato. Bei tempi! Si lavorava, si beveva, si dormiva, si faceva l’amore sull’aia. Ora le porte sono chiuse, sono tutti in fabbrica. 

Parlon ancâ in cò d’la notra veilha mesoun. Se cò nou parlon d’lä granjä. D’abitudä lä granjä i l’é partajà an trai pâr. d’an ba vers l’aou. Ël plan taron l’é lä finierä, ël proumie plan l’ierä e ël segoun ël pountin. Ine echarä sourdä plassé dins in cantoun për mountâ d’in plan a l’aoutre. Ou plan taron lä së bitte ël fon, su l’ierä lä granailhä e për icon ël planchie ou l’é fai ve ëd pô anvitia për pa perde in gran. Ël planchie dou pountin ou l’é fai in paou ëd coursä parqué lä së bitte lä pailhä e la fissina ëd feilha e alourä lä ié pa grô dä perde. Ieure lou ton i l’an sinjé. Quellou qui semenan ancâ ëd blä i piccan fôre vé lä trebbiä, parie las iera las an përdù lor funssiun. Quant i picavan a man, lä lh’erä amusan passâ ou mai d’aou din la bourjâ. Lä së antandiä ine espesse ëd musique qui tiniä coumpaniä. Lous un i ebarbavan, lous autre i picavan lou palhis vé lou fleu, d’autre i passava ou vantouer, coqun ramplissiä l’eminâ e fasiä lou sac. Lou plu veou groupavan lou cleu e lou plu jouve lou bitavan sou pountin. Lh’aviä d’obbrä për tous. Daraire lä portä, in fiasc ëd que boun për poussâ a val lä poussierä, ou mancavä jomai. Tantou cò malgré tout que fracas coqun restavä anjazì. Beou ton! Lä së travailhavä, lä së buviä, lä së djuarmiä, lä së fasiä l’amour su las iera. Ieure la porta soun sarrâ, i soun tous ä la ferriera.






Genesio De La Coste - Lä granjä

Èsse soun mèitre - Antologia di scritti occitani dell'Alta Valle Susa

italiano

La grangia (il fienile)

Parliamo ancora una volta delle nostre vecchie case. Questa volta parliamo della grangia. Generalmente la grangia è divisa in tre parti, dal basso verso l’alto. Al piano terra c’è il fienile, al primo piano l’aia e al secondo il pagliaio. Una scala fissa, situata in un angolo, per salire da un piano all’altro. Al pian terreno si mette il fieno, sull’aia i cereali e per questo motivo il pavimento è fatto con assi ben avvitate insieme per non perdere un chicco. Il pavimento del pagliaio è fatto un po’ alla svelta perché vi si mettono la paglia e le fascine di foglie e allora non c’è molto da perdere. Ora i tempi sono cambiati. Quelli che seminano ancora la segale la battono all’aperto con la trebbiatrice così le aie hanno perso la loro funzione. Quando battevano a mano, era divertente passare durante il mese di agosto nelle borgate. Si sentiva una specie di musica che teneva compagnia. Gli uni battevano i mannelli contro un tavolato, gli altri battevano le spighe ancora attaccate alla paglia con i correggiati, altri vagliavano il grano passandolo al ventilabro, qualcuno riempiva l’emina178 e faceva i sacchi. I più vecchi legavano a fasci la paglia e i più giovani li mettevano sul pagliaio. C’era lavoro per tutti. Dietro la porta un fiasco di quello buono, per spingere giù la polvere, non mancava mai. A volte, nonostante tutto quel fracasso, qualcuno rimaneva addormentato. Bei tempi! Si lavorava, si beveva, si dormiva, si faceva l’amore sull’aia. Ora le porte sono chiuse, sono tutti in fabbrica. 

Parlon ancâ in cò d’la notra veilha mesoun. Se cò nou parlon d’lä granjä. D’abitudä lä granjä i l’é partajà an trai pâr. d’an ba vers l’aou. Ël plan taron l’é lä finierä, ël proumie plan l’ierä e ël segoun ël pountin. Ine echarä sourdä plassé dins in cantoun për mountâ d’in plan a l’aoutre. Ou plan taron lä së bitte ël fon, su l’ierä lä granailhä e për icon ël planchie ou l’é fai ve ëd pô anvitia për pa perde in gran. Ël planchie dou pountin ou l’é fai in paou ëd coursä parqué lä së bitte lä pailhä e la fissina ëd feilha e alourä lä ié pa grô dä perde. Ieure lou ton i l’an sinjé. Quellou qui semenan ancâ ëd blä i piccan fôre vé lä trebbiä, parie las iera las an përdù lor funssiun. Quant i picavan a man, lä lh’erä amusan passâ ou mai d’aou din la bourjâ. Lä së antandiä ine espesse ëd musique qui tiniä coumpaniä. Lous un i ebarbavan, lous autre i picavan lou palhis vé lou fleu, d’autre i passava ou vantouer, coqun ramplissiä l’eminâ e fasiä lou sac. Lou plu veou groupavan lou cleu e lou plu jouve lou bitavan sou pountin. Lh’aviä d’obbrä për tous. Daraire lä portä, in fiasc ëd que boun për poussâ a val lä poussierä, ou mancavä jomai. Tantou cò malgré tout que fracas coqun restavä anjazì. Beou ton! Lä së travailhavä, lä së buviä, lä së djuarmiä, lä së fasiä l’amour su las iera. Ieure la porta soun sarrâ, i soun tous ä la ferriera.