Enti in rete L.482/99   

Gravere

Gravière

Gravere
italiano

Il comune di Gravere, situato all’imbocco dell’Alta Valle di Susa, si sviluppa sulla destra orografica della Dora Riparia e occupa una superficie montana di 18,71 km². Il paese conta circa 700 abitanti e si trova a 750 m di quota.
Gravere poggia su un ampio terrazzo verdeggiante ed è costituito da un gruppo di incantevoli insediamenti sparsi immersi tra boschi e vigneti. Morelli, Olmo e Saretto segnano l’ingresso all’alta valle e sono i primi abitati che s’incontrano entrando in paese. Dalla piazza del Mollare salendo verso Grande Essimonte e il borgo di Refornetto, ove si erge la chiesa parrocchiale della Natività della Maria Vergine, è possibile ammirare la Pita, il settecentesco mulino a pietra, che dal 1999 accoglie, durante il periodo natalizio, il “Presepe d’arte”, allestito con dipinti d’importanti artisti locali. Superando Refornetto è possibile raggiungere le borgate di Armona e Arnodera, più prossime al confine con Meana, oppure volgere verso Bastia e continuare lungo la strada che conduce al belvedere della Losa e alla stazione sciistica del Frais.
In borgata Losa sorge l’antica cappella dedicata alla Vergine Santissima e denominata “Madonna della Losa”, la quale fu edificata dai monaci benedettini nel IX secolo d.C., probabilmente su un tempietto romano preesistente. Di particolare interesse sono inoltre l’antica borgata di Alteretto, oggi disabitata, da cui provenivano per tradizione i priori della Madonna della Losa, e il caratteristico borgo alpino di Deveis, che custodisce la graziosa cappella votiva dedicata alla Madonna delle Nevi.
Il toponimo Gravere proviene dalla voce d’origine celtica grava, ‘area ghiaiosa’, nel derivato in –arius. L’attestazione scritta più antica risale al XII secolo e riporta la voce Graver (1). Il comune, frazione di Susa fino alla prima metà del ‘600, rappresentò per secoli la zona di confine del Ducato di Savoia con le terre del Delfinato e del successivo Regno di Francia che comprendevano (da Chiomonte) l’intera Alta Valle di Susa.
Gravere era in passato un borgo rurale montano che combinava l’allevamento bovino e ovino con le colture agricole tradizionali. La viticoltura in particolare rappresentava una delle principali fonti di reddito. Il vino costituiva, infatti, una delle risorse principali dell’economia locale: era oggetto di scambio e di vendita con le comunità dell’alta valle e con Susa, in cui si concentravano diverse locande e osterie. Le aree maggiormente vocate alla coltivazione della vite, per l’esposizione soleggiata e il particolare microclima che le caratterizza, sono le regioni Colfacero, Crovaglia che ancora oggi ospitano i vigneti della gente del posto.
Da un punto di vista linguistico, il paese di Gravere tende ad essere orientato sempre più sull’italiano e sul piemontese, infiltratosi grazie alla vicinanza (e alla comunanza storica) con Susa. La parlata locale è tuttavia ancora ampiamente utilizzata, soprattutto dalle generazioni più anziane.


(1)Riferimenti in Ivi, p. 315.

franco-provenzale

Lou coumun de Graviére, bità andounque ancaminne l’Oouta Val Suza, se trove a la dréita de la Douira Riparia è ou occuppe una larjou mountana de 18,71 Km couadrà. Lou paì l’at cazi satsent abitòn è ou se trove a 750 m d’aoutessa.
Lou paì poge su inna gronta terasa verda è ou l’at de bèle bourjà spatarâ tra boc è vinhe.
Li Mourèll, l’Orme, lou Sarèt ancaminnoun l’Oouta Val è soun le prémiére bourjà que se trovoun an intròn an paì. Da la plasa dou Moular, alòn amoun vers lou Gront’Eissimoun e l’Eifournèt (o Rifournet) andounque se trove l’ingléiza parroquiala de la Natività de Maria Vergine, se pout gueité la Pita, lou Mulin dou satsent, è que din, da lou millenosent è nouvonte nò, lou periodo de Chalendre, se fèit lou presepio d’art, avèi de piturre d’ ampourtont pitour de la zona.
Apré l’Eifournèt, se pout alé a le bourjà de la Rimona, la Roundiera, pi tacà a Miana o, purra, viré vers la Batià è alé amoun per lou chumin qu’ou mene a lou belvedere de la Loza o aou Fréisi, andounque se vèit a eigarusé.
Din la bourjà de la Loza, se trove la Vielha chapèla dedicà a la Vergine Seinta e mandà Madona de la Loza, fèita da li frà benedetin din lou IX secoul apré Cristo, pout éise su un pechit templo roumon qu’ou ière jò devòn.
D’in interès particulìe, i la vielha bourjà de l’Outrèt, incouei dizabità, da dounque veniòn li prioù de la Madona de la Loza, e lou carateristic post di Divéi, avéi la chapéla voutiva dedicà a la Madona de la Nèi.
La parola Graviére vient da la vouis cheltica grava, ‘zona avéi de sabloun’, din lou dérivà an arius.
La premiéra parola eicritta Graver la trouvèn din lou XII secoul (1). Lou coumun, frasioun de Suza finca à la premièra meità dou 1600, t’ità, per secoul, la dzona de counfin tra le tère di Duc de Savoia è selle dou Delfinà è apré dou Renh de Fronsa qui l’ayòn, da Chimoun, totta l’Oouta Val Suza.
Gravière, in col, ière un paì rural de mountanha que ou se bazave su l’alevament de vache è féye avéi le coultivasioun agricole de la tradisioun. La vinha ière unna de le pi ampourtonte fount de gouadanh. Lou vin ière unna de le princhipale risorse de l’economia dou post, servont coumme chenjo è per vendre avèi l’Oouta Val de Suza, andounque se counchentravoun de difrente tratourié è piole.
Le zone pì plantà a vinhe, per l’espositioun aou soulelh è per lou microclima, ièroùn le zone de Crouvalha e de Croufasìe è isì, incò incouèi ì soun le bele vinhe de la gen dou post.
Da in pouint de vista lingouistic, Gravière tend a éise ourientà sempre plut su l’italiòn è lou piemountéis, qui l’on anfiltrase per la vizinonsa e coumunonsa storica avéi Suza. Però, lou graveren out incò utilizà, sourtoù da le generasioun plu vielhe.


(1)Riferimént din Ivi, p. 315.