Enti in rete L.482/99   

Silvana Morello si racconta

Silvana Morello parle de sa famélha

Testo a cura di Francesca Bussolotti

Silvana Morello si racconta
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Buongiorno a tutti, mi chiamo Silvana Morello, sono nata a Gravere nel 1949 in una casa della borgata Olmo. Sono nata il 2 giugno,sono stata battezzata dopo dieci giorni, anche se non si usava più suonare le campane, il prete ha fatto un’eccezione ed è stato lo stesso prete, Don Leonardo Maffiodo, che mi ha battezzato, dato la Comunione e poi sposato.
Mio padre si chiamava Morello Edoardo, anche lui è nato a Gravere, ma lui era nato in borgata Grande Essimonte, perché mia nonna (madrina) arrivava dal Grande Essimonte, però mio nonno, il papà di mio padre, si chiamava Serafino e abitava all’Olmo. Dopo i miei sono venuti all’Olmo dove sono nata io.
Mia padre ha sposato mia mamma che si chiamava Borello Virginia, che viveva a Giaglione, ma era nata in Francia.
La mia famiglia dell’Olmo, di soprannome faceva Glooudin, perché un avo della mia famiglia, un mio antenato del 1700, si chiamava Claudio, Glooudin, piccolo Claudio e quindi la nostra famiglia da allora è stata chiamata Glooudin.
Io ho imparato da piccola come prima lingua a parlare il graveren e l’ho sempre parlato, anche quando mi sono laureata ho fatto molti studi sul graveren e dunque sul francoprovenzale e allora l’ho anche insegnato ai miei figli.
franco-provenzale Bounjorn a touìt, mi me mondo Silvana Morello, séi neisouà a Graviére din lou milenosentecarantenô din inna meizoun de l’Orme. Séi neisouà lou bouì de junh e séi ità batiìao lou doze de junh, apré dìe jorn, in col s’anouvrave pa pi, s’acoutumave pa pi de souné le cloche, però lou préiri l’a féit ina echesioun e i t' ità lou méimo préiri, Don Leonardo Maffiodo, que l’a batìame, l’a douname la couminioun è apré l’a mariame.
Moun pappa se mandave Morello Edoardo, onca louì ou iere neisù a Graviére, ma louì ière neisù a la bourjà dou Gront Eissimoun, pèrquèn ma minna, ma nona, arivave dou Gront Eissimoun, però moun nono, lou pappa de moun pappa, se mandave Serafin e ou itave a l’Orme. Apré li mén soun venù touit a l’Orme andounque séi neisouà mi.
Moun pappa l’a marià ma mamma que se mandave Borello Virginia, itave a Gialhoun, però i iére neisouà an Fronsa.
Ma famélha de l’Orme de stranom se mandave Glooudin perquén in viélh de ma famélha, moun grô dou milesatsen se mandave Claudio, Glooudin, pechit Claudio è couindi to notra famélha t' ità mandà Glooudin.
Mi l’éi amparà da pechita coumme premiéra lénga a parlé lou graveren è l’éi sempe parlalo onca corra l’éi laoureame l’éi féit in baroun d’eituddio su lou graveren e douncoue su lou francoprovensal e aloura l’éi assì mountralo a mi meinà.