Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Franco Bronzat - Poesie

Talin il gatto al vino - Un racconto di Natale

Talin lo chat al vin

di Franco Bronzat

Talin il gatto al vino - Un racconto di Natale
italiano

So bene che nelle nostre valli un tempo – ma forse ancora oggi- vi era l’abitudine, d’inverno, di consumare in compagnia, un gatto, per far festa.

Normalmente si faceva pure uno scherzo verso qualche sempliciotto invitato per l’occasione e alla fine del pranzo uno dei buontemponi iniziava a miagolare e in quel momento tutti, a parte il sempliciotto, miagolavano pure loro e quel poveraccio, che pensava di aver mangiato un buon coniglio in civet, s’accorgeva di essere stato abbindolato da quella compagnia di buontemponi.

Ma questa volta il gatto ha salvato sia la testa che la pelle.

Sarà stato qualche giorno prima di Natale che vidi, mentre accatastavo la mia legna da ardere appena spaccata di fianco alla porta della mia cucina, qualcosa di bianco che fuggiva. Un gatto mi sono detto ma non dei miei.

In quel periodo qui al numero 4 della borga ta Favout ve n’erano parecchi. La più vecchia era Nena, una gatta che arrivava dai Pirenei, da San Julià d’ Andorra e che aveva dato vita a una lunga progenie. Vi erano i suoi nipoti Gilda, una gattina un po’ tozza, tartarughina e Moretto tutto nero che aveva fatto razza con una gatta grigia molto socievole alla quale avevamo dato il nome di Agostina i quali avevano dato vita ad Albertina, una gatta tigrata che non ha mai dato il minimo disturbo.

Agostina era giunta un 15 di agosto con un compagno di sventura Magù, un gatto che sembrava ceco come mela, dagli occhi cisposi e una zampa malformata, che non aveva che due dita. Qualcuno che non sapeva come disfarsi di due gattini, che avevano pure qualche problema di salute, aveva approfittato in quel giorno di festa , per affidarli a due bimbe innocenti.

Insomma nella nostra casa i gatti non mancavano, anzi aumentavano.

In quei giorni di dicembre faceva un freddo del diavolo, un po’ di neve copriva la campagna. Come stavo dicendo da qualche giorno vedevo un gattino bianco macchiato di nero che veniva nel mio cortiletto in cerca di un po di mangiare cercando di non farsi vedere. Si nascondeva dietro a tutto ciò che poteva servire da nascondiglio. Pensai che fosse il gatto di qualche vicino che attirato dal cibo veniva ogni tanto a mescolarsi ai miei gatti.

Sicuramente quel gattino, che avrà avuto sette o otto mesi, era stato regalato a qualche bambino per gioco e crescendo e crescendo aveva preso un posto indesiderato in casa.Si sa finché sono piccoli e carini va tutto bene ma crescendo le cose cambiano e possono divenire un problema; per questo era stato abbandonato in campagna nella speranza che qualcuno lo trovasse e l’adottasse.

Pròprio in quei giorni stavo travasando il vino mettendolo in un’altra vasca dietro a casa, nella tinaia dietro casa.

Naturalamente il vino nuovo lascia sul fondo della vasca della morchia, una fanghiglia che contiene un po’ di tutto, le bucce e i semi degli acini e tutto ciò viene messo nel torchio dove scola e può ancora dare un po di vino che viene raccolto in una tinozza posta sotto la vasca del torchio.

Lo morchia scola pian piano e goccia dopo goccia, il vino riempe il recipiente che con una bigoncia viene messo o in una barrique o in una vasca.

Stavo andando a letto quando sento dietro alla porta della mia camera che affaccia su di un lungo balcone in pietra, un debole miagolio miu-miu. Apro la porta dopo aver acceso la luce, guardo in giro e vedo qualcosa di viola ai miei piedi.

Un gatto completamente bagnato di vino, chiedeva aiuto. Era quel gattino bianco e nero che aveva completamente cambiato di colore !

L’ho raccolto e si è lasciato acchiappare, l’ho portato e messo in bagno e con l’acqua tiepida ho iniziato a fargli la doccia per togliere quel violetto che lo copriva completamente. Il poveretto si è lasciato lavare senza lamentarsi; dopo con un asciugamano l’ho asciugato e frizionato per bene. Ho pensato che il gatto avesse freddo. Quindi l’ho messo sul sofà e coperto con una piccola coperta. Per tutta la notte non si è mosso ed è stato li al caldo.

Al mattino, ben asciutto, lo misi fuori e vidi la traccia, il segno del vino che il povero gattino si era lasciato dietro per raggiungere la mia camera.

Semplicemente era caduto nel mastello del vino raccolto dalla morchia della vasca, Nel recipinte non vi era molto vino ma tuttavia era stato sufficiente per fargli cambiare di colore. Ecco il gatto al vino !

Come ho già detto non eravamo lontani da Natale pensai di dargli un nome. Dall’italico Natalino gli ho affibbiato il nome di Talin, il gatto al vino che aveva trovato la sua nuova casa.

Da allora que gatto è la mia ombra, mi aspetta sempre se sono via e quando scendo dall’auto inizia a rotolarsi in segno di gioia.

Ha pure preso la brutta abitudine di passare lunghe ore sulla poltrona della mia cucina, vicino alla stufa e sul mio letto, su una copertina a lui dedicata, nelle notti d’inverno quando fa molto freddo.

Ora è qui vicino a me senza sapere che scrivo di lui, di un gatto caduto nel vino e chiamato Talin.

occitan

Sabo ben que dins nòstras valadas un viatge -mas la se pòl encara aüra-,la li era l’abituda, d’uvern, de minjar en companiá, un chat, per far bombança.

Normalment la se faziá decò una badinada envers qualque badago envitat per l’ocasion e a la fin de l’erpast un dals fandoliaires començava de miaular e a quel ponth tuts, a part lo badago, miaulavan decò elos e quel pauret, qu’al pensava d’aguer minjat un bon lapin en civet, s’avisava non pas, d’èsser istat joat per quèla companiá de badinaires.

Mas aicet viatge lo chat a salvat tèsta e bora.

La fora qualque jorns drant Chalenda que ai vist, dal temps que tesavo mon bòsc dedré esclapat al caire de la pòrta de ma cuzina, qualquaren de blanc que al escapava. Un chat me siuc dit mas pas dals mius.

A l’epoca de chats aicí al numre 4 de la borjaa dals Favóts la n’i era plusieri.La plus vèlha era Nena, una chata qu’arribava dals Pireneus, de Sant Juliá d’Andòra e que aviá donat vita a una lonja ligna de sang. La li era encara sos nebots Gilda, una chata toponuá tartaruga e Moret tot nier qu’aviá racejat abó una chata grisa bien amistosa que aviam bateiat Agostina e avian donat vita a Albertina, una chata tigraa qu’a jamai ren demandat.

Agostina era arribaa un 15 de aust abó son companh de desfortuna Magó, un chat que semblava bòrni comà un pom, los uèlhs plens de crassa e abó una piòta mal forjaa, qu’aviá ren que dos dèts. Qualcun que sabiá pas de çò que se n’en far dals dos chatonets, qu’avian decò qualque problema de sandat, aviá aprofitat de quel jorn de fèsta, per los remètre a doas filhètas inocentas.

Ensoma dins nòstra maison los chats mancavan pas, al contrari augmentavan.

Dins quèlos jorns de dezembre la faziá un freid dal diene, un pauc de neá crubiá la campanha. Comà diziuc de qualqui jorns veiuc que un chaton blanc tachetat de nier veniá dins ma cort en chercha de un pauc de minjalha mas al cherchava de pas se far véer. S’escondiá darreire a tot çò que poiá servir de abric. Ai pensat que la fosse un chat de qualque vezin que atirat per la maschuènha veniá chas tant se mesclar als mos chats.

De segur quel chaton, qu’al auré agut set o uèth més, al era istat donat a qualque garçonét comà amusament e en creissent al aviá prés una plaça pas desiraa dins maison. La se saup, fin que ilhs sion pechits e jòlis la vai tot ben mas quand ilhs grossisson, las chausas chanjan e poion devenir un problema; per aiquen al era istat abandonat a la tralha dins l’esperança que qualcun zo trobèsse e zo adotèsse.

Pròpi dins quèlos jorns, ero entren de travazar mon vin e de zo desplaçar dins un’autre barral aiquí darreire de ma maison, dins lo tinatge.

Naturalament lo vin nau laissa al fonç dal barral çò que n’en dizem de fonzum, una bèta fina adont la li a un pauc de tot, los borçòts, las granas dals aizineaus e tot aiquen ven butat dins lo truèlh, e en lo fazent escolar pòl donar encara un pauc de vin que ven culhit dins una cibra butaa de sos la grala dal truèlh.

Lo fonzum s’escola plan planót e estiça aprés estiça, lo vin ramplis l’eisina e puèi abó una gandóla o brindon lo vin ven butat ent una barrica o ent un barral.

Ero entren de anar me cóujar quand sento darreire la pòrta de ma chambra que dona sus la lonja empana en peira de ma maison, un dèble miaul miu-miu. Uèbro la pòrta apres d’aguer alumat la lumiera, agacho a l’aviron e veoc qualquaren de violét a mos pès.

Un chat completament tremp de vin, demandava ajuá. Al era que chaton blanc e nier qu’al aviá chanjat completament de color !

L’aic rebastat e el s’es laissat prener, l’ai portat e butat dins lo banh e abó d’aiga tèbia ai començat de zo dochar per chavar tot quel violet que zo crubiá completament. Lo paure s’es laissat lavar e al a pas bronchat; aprés abó un eissuaman l’aic eissuat e fretat dabén. Totun aic pensat que quel paure chaton duviá aguer freid. Alora l’aic butat sul sofà e cubert abó una pechita cuberta. Per tota la nuèit s’es pas bóujat e al es istat aiquí al chaut.

Lo matin, ben eissut, l’aic butat fòra e aic vist tota la remòrça, la rabelanha de vin

que lo paure chaton s’era laissat dareire per arribar fin drant de ma chambra.

Simplament al era chaüt dins la cibra dal vin adont s’era escolat lo fonzum dal barral. De vin aiquí dins la ni era pas gaire mas totun al era istat de suficença per li far chanjar de color. V’aicí lo chat al vin !

Comà aic ja dit ‘os eran pas luènh de Chalendas aic pensat de li donar un nom. De italic natalino l’aic atapat Talin, lo chat al vin e al aviá trobat sa novèla maison.

Daülora quel chat ilh es mon ombra, al m’atend totjorn se siuc viá e quand descendo de ma veitura comença de se viautar en signe de jòi.

Al a decò prés la bruta abituda de passar de lonjas oras sus la poltrona de ma foganha, caire dal póile e de sus mon leit, sus una cubèrta tota per el, dins las nuèits d’ uvern quand la fai ben freid.

Aüra al es aicí al mon caire sença sauper qu’escriu d’el, de un chat chaüt ent al vin e bateiat Talin.