Enti in rete L.482/99   

Fra musica, balli e scultura del legno

E voi quanto guadagnate al mese?

E vos quant chapatz al mes?

E voi quanto guadagnate al mese?
italiano Sulle sculture Jòrs sovente incideva la dedica. Però a scrivere non aveva imparato, così chiedeva al postino di scrivergli il nome, la frase, su un pezzo di carta; lui poi tracopiava, lettera per lettera. 
Dolfo (Adolfo Bodino), suo vicino di casa: "Jòrs? certo che l'ho conosciuto! eravamo vicini. Lavorava poi bene! Nella stalla, sui ripiani, era pieno di sculture. Faceva suonatori con l'armoni, la clarinetta, l'uomo e la donna che ballano, poi mucche con i campani. Viveva con suo fratello. Lui le bestie; il fratello la casa. Lavorava d'inverno o nel tempo che andava in pastura". 
La maggior parte delle sue opere Jòrs la regalava. Avrà venduto qualcosa, ma poco. Un giorno, nei primi anni '70, sale a Snive un impiegato di banca, uno del paese, cacciatore anche lui. Lo vede e gli dice: "Che bei bastoni che fate, me ne vendete uno?" Jòrs lo guarda - gli piaceva provocare: "Voi quanto guadagnate al mese? Perché questo ci vuole un mese per farlo, vale un mese del vostro stipendio!"
occitan Sus las esculturas nòstre Jòrs, sovent, chaputava na dédica. A escriure avia pas emparat, totun demandava al postin de lhi escriure qualquas paraulas, nòm e conhom sal papier, puei el tracopiava: na letra après l'autra. 
Dòlfo (Adolfo Bodino), siu vesin...: "Jòrs? madòsca que l'ai coneissut! Erem dapè. Trabalhava puei ben! Ental siu estable las estagieras eron totas plenas d'esculturas. Fasia sonadors - armòni e clarineta, òme e frema que balon, vachas abo las sonalhas. Al istava ensem a son fraire. El, las bèstias, son fraire la casa. Chaputava d'uvèrn o dal temp qu'al anava en pastura". 
Lo mai de las òbras Jòrs las donava. Qualquaren aurè vendut, mas ben pas gaire. Un jorn, l'era lhi premiers ans '70, a 'Snive monta n'emplegat de banca, un dal país, chaçaor decò el. Lo vei e lhi ditz: "Bèls bastons fasetz, me ne vendetz un?" Jòrs lo beica - lhi plasia provocar: "E vos quant chapatz al mes? Perqué çò-aicí lhi vai 'n mes a far-lo e val 'n mes d'estipendi".

E voi quanto guadagnate al mese?

E vos quant chapatz al mes?

E voi quanto guadagnate al mese?
italiano Sulle sculture Jòrs sovente incideva la dedica. Però a scrivere non aveva imparato, così chiedeva al postino di scrivergli il nome, la frase, su un pezzo di carta; lui poi tracopiava, lettera per lettera. 
Dolfo (Adolfo Bodino), suo vicino di casa: "Jòrs? certo che l'ho conosciuto! eravamo vicini. Lavorava poi bene! Nella stalla, sui ripiani, era pieno di sculture. Faceva suonatori con l'armoni, la clarinetta, l'uomo e la donna che ballano, poi mucche con i campani. Viveva con suo fratello. Lui le bestie; il fratello la casa. Lavorava d'inverno o nel tempo che andava in pastura". 
La maggior parte delle sue opere Jòrs la regalava. Avrà venduto qualcosa, ma poco. Un giorno, nei primi anni '70, sale a Snive un impiegato di banca, uno del paese, cacciatore anche lui. Lo vede e gli dice: "Che bei bastoni che fate, me ne vendete uno?" Jòrs lo guarda - gli piaceva provocare: "Voi quanto guadagnate al mese? Perché questo ci vuole un mese per farlo, vale un mese del vostro stipendio!"
occitan Sus las esculturas nòstre Jòrs, sovent, chaputava na dédica. A escriure avia pas emparat, totun demandava al postin de lhi escriure qualquas paraulas, nòm e conhom sal papier, puei el tracopiava: na letra après l'autra. 
Dòlfo (Adolfo Bodino), siu vesin...: "Jòrs? madòsca que l'ai coneissut! Erem dapè. Trabalhava puei ben! Ental siu estable las estagieras eron totas plenas d'esculturas. Fasia sonadors - armòni e clarineta, òme e frema que balon, vachas abo las sonalhas. Al istava ensem a son fraire. El, las bèstias, son fraire la casa. Chaputava d'uvèrn o dal temp qu'al anava en pastura". 
Lo mai de las òbras Jòrs las donava. Qualquaren aurè vendut, mas ben pas gaire. Un jorn, l'era lhi premiers ans '70, a 'Snive monta n'emplegat de banca, un dal país, chaçaor decò el. Lo vei e lhi ditz: "Bèls bastons fasetz, me ne vendetz un?" Jòrs lo beica - lhi plasia provocar: "E vos quant chapatz al mes? Perqué çò-aicí lhi vai 'n mes a far-lo e val 'n mes d'estipendi".