Enti in rete L.482/99   

Fra musica, balli e scultura del legno

La segale sui tetti

La séel si Cubèrts

La segale sui tetti
italiano Le case di Rescasso sono particolari. Hanno belle murature a secco, edifici ampi, arcate rifinite a mattoni, strombature alle finestre, ringhiere con tracce di colonnine ben lavorate e doppie balconate che corrono sulla facciata e risvoltano: quella superiore con la pensilina come nella valle di Oulx, al Puy di Beaulard. 
Più su, a Snive, c'è la casa in cui Jòrs viveva, oggi ben restaurata, e quella in cui lavorava, ornata da pennellate di rosso che corrono attorno a porte e finestre, e stalle con grandi volte in mattoni, e tabernacoli blu per i santi sulle facciate. Ma le architetture che più stupiscono, salendo lungo la strada, sono i tetti in paglia di segale. 
Jan dal Rescas, e con lui qualche giovane del paese, li sanno ancora fare. Aldo Molino (*) che di tetti di paglia s'intende, dice che nelle Alpi occidentali è proprio la val Vermenagna, tra Robilante e Vernante quella che ne conserva il numero più alto. 
Quanto dura un tetto di segale? 30-40 anni, dicono gli esperti. Poi si deve rifare poco alla volta, perché la segale di un anno non basta per rifarlo daccapo. E la paglia dev'essere sana, gli steli non piegati, non rosicchiati dai topi. 
Un'altra caratteristica dei tetti in paglia sono le capriate a puntoni ricurvi. Luigi Massimo, ingegnere di Dronero che studia l'architettura delle valli occitane, le definisce una forma molto rara: "Utilizzati nei tetti a copertura in paglia di un'area della valle Vermenagna, nei comuni di Vernante e Robilante, i puntoni sono incastrati nella muratura delle pareti laterali. Qui si vedono puntoni naturalmente piegati incorporati nella muratura e incastrati nella trave orizzontale che funge da tirante. Probabilmente si tratta di alberi cresciuti in terreni franosi, che forse dovevano essere molto ricercati. Questa tecnica é simile a quella chiamata Cruck dagli inglesi e Krück dai tedeschi. Le sue origini sono molto antiche e se ne conoscono esempi che risalgono al primo secolo. Attualmente é ancora assai diffusa nelle costruzioni rurali di alcune zone delle isole britanniche, per cui si é avanzata l'ipotesi che si tratti di una tecnica di origine celtica".
(*) Aldo Molino, "Tetti di paglia sulle montagne dell'Europa occidentale" - Ivrea, Priuli & Verlucca, 1997
occitan A Rescas las casas son particolaras. La n'a de gròssas, abo bèls murs de peira e arcs de mons, l'esquiàfia des fenestras ben marcaa e renguieras abo encà qualqui montants ben trabalhats, e doblas lòbias que corron e viron al lòng de la façada: lo mai aut abo un cubertet coma al Pui de Beaulard, dins la valada d'Ols. 
Mai amont, a 'Snive, lhi a la casa de Jòrs aüra ben restauraa; e l'autra ent'al chaputava. De penelaas rossas corron a l'entorn a lhi uis e las fenestras; lhi estables abo de gròssas vòutas de mons, e fòra, sus las façadas, la lhi a de ghichs pinturats de blòi, per lhi sants. 
Las arquitecturas que mai nos estonon en montant per la via, totun, son lhi cubèrts de palha.
Jan dal Rescas, e abo el qualqui joves dal país, lhi san encà far. 
Aldo Molino (*) que de cubèrts de palha se n'entend, ditz que dins las Alps occidentalas es pròpi la val Vermenanha, entre Robilant e Vernant, que n'a de mai. Que tant dura un cubèrt de séel? 30-40 ans, dion lhi esperts. Puei chal lo refar, un pauc al bòt perqué la séel de n'an es pas pro per lo refar tot complet. E la séel chal que sie sana, las chambas pas troçaas e pas roseaas dai jarris. N'autra particolaritat di cubèrts de palha son las maires cavaleaas abo lhi chabrions encurvats. Luigi Massimo, engenhier de Draonier qu'estudia l'arquitectura des valadas occitanas, ditz que son una forma ben rara: 
"Adobrats dins lhi cubèrts a palha en val Vermenanha, dins las comunas de Vernant e Robilant, lhi chabrions son enchastrats dins lhi murs laterals. Son plegats de natura e afondats dins la muratura, enchastrats dins la bancha que fai da tirant. Probable que se tracte d' àrbols creissuts já curvats sus de terrens arroïnós, que magara pròpi per aquò eron ben apreciats. Aquesta técnica fai semelhar an aquela que lhi Anglés dison Cruck e lhi alemans Krück. L'origina se perd ental temp mas se coneisson d'exemples que remonton al premier sècle. Encuei es encà practicaa dins las campanhas de las isclas britànicas: per aquò se pensa que a l'origina poleria èsser na técnica enventaa dai Celts".
(*) Aldo Molino, "Tetti di paglia sulle montagne dell'Europa occidentale" - Ivrea, Priuli & Verlucca, 1997


La segale sui tetti

La séel si Cubèrts

La segale sui tetti
italiano Le case di Rescasso sono particolari. Hanno belle murature a secco, edifici ampi, arcate rifinite a mattoni, strombature alle finestre, ringhiere con tracce di colonnine ben lavorate e doppie balconate che corrono sulla facciata e risvoltano: quella superiore con la pensilina come nella valle di Oulx, al Puy di Beaulard. 
Più su, a Snive, c'è la casa in cui Jòrs viveva, oggi ben restaurata, e quella in cui lavorava, ornata da pennellate di rosso che corrono attorno a porte e finestre, e stalle con grandi volte in mattoni, e tabernacoli blu per i santi sulle facciate. Ma le architetture che più stupiscono, salendo lungo la strada, sono i tetti in paglia di segale. 
Jan dal Rescas, e con lui qualche giovane del paese, li sanno ancora fare. Aldo Molino (*) che di tetti di paglia s'intende, dice che nelle Alpi occidentali è proprio la val Vermenagna, tra Robilante e Vernante quella che ne conserva il numero più alto. 
Quanto dura un tetto di segale? 30-40 anni, dicono gli esperti. Poi si deve rifare poco alla volta, perché la segale di un anno non basta per rifarlo daccapo. E la paglia dev'essere sana, gli steli non piegati, non rosicchiati dai topi. 
Un'altra caratteristica dei tetti in paglia sono le capriate a puntoni ricurvi. Luigi Massimo, ingegnere di Dronero che studia l'architettura delle valli occitane, le definisce una forma molto rara: "Utilizzati nei tetti a copertura in paglia di un'area della valle Vermenagna, nei comuni di Vernante e Robilante, i puntoni sono incastrati nella muratura delle pareti laterali. Qui si vedono puntoni naturalmente piegati incorporati nella muratura e incastrati nella trave orizzontale che funge da tirante. Probabilmente si tratta di alberi cresciuti in terreni franosi, che forse dovevano essere molto ricercati. Questa tecnica é simile a quella chiamata Cruck dagli inglesi e Krück dai tedeschi. Le sue origini sono molto antiche e se ne conoscono esempi che risalgono al primo secolo. Attualmente é ancora assai diffusa nelle costruzioni rurali di alcune zone delle isole britanniche, per cui si é avanzata l'ipotesi che si tratti di una tecnica di origine celtica".
(*) Aldo Molino, "Tetti di paglia sulle montagne dell'Europa occidentale" - Ivrea, Priuli & Verlucca, 1997
occitan A Rescas las casas son particolaras. La n'a de gròssas, abo bèls murs de peira e arcs de mons, l'esquiàfia des fenestras ben marcaa e renguieras abo encà qualqui montants ben trabalhats, e doblas lòbias que corron e viron al lòng de la façada: lo mai aut abo un cubertet coma al Pui de Beaulard, dins la valada d'Ols. 
Mai amont, a 'Snive, lhi a la casa de Jòrs aüra ben restauraa; e l'autra ent'al chaputava. De penelaas rossas corron a l'entorn a lhi uis e las fenestras; lhi estables abo de gròssas vòutas de mons, e fòra, sus las façadas, la lhi a de ghichs pinturats de blòi, per lhi sants. 
Las arquitecturas que mai nos estonon en montant per la via, totun, son lhi cubèrts de palha.
Jan dal Rescas, e abo el qualqui joves dal país, lhi san encà far. 
Aldo Molino (*) que de cubèrts de palha se n'entend, ditz que dins las Alps occidentalas es pròpi la val Vermenanha, entre Robilant e Vernant, que n'a de mai. Que tant dura un cubèrt de séel? 30-40 ans, dion lhi esperts. Puei chal lo refar, un pauc al bòt perqué la séel de n'an es pas pro per lo refar tot complet. E la séel chal que sie sana, las chambas pas troçaas e pas roseaas dai jarris. N'autra particolaritat di cubèrts de palha son las maires cavaleaas abo lhi chabrions encurvats. Luigi Massimo, engenhier de Draonier qu'estudia l'arquitectura des valadas occitanas, ditz que son una forma ben rara: 
"Adobrats dins lhi cubèrts a palha en val Vermenanha, dins las comunas de Vernant e Robilant, lhi chabrions son enchastrats dins lhi murs laterals. Son plegats de natura e afondats dins la muratura, enchastrats dins la bancha que fai da tirant. Probable que se tracte d' àrbols creissuts já curvats sus de terrens arroïnós, que magara pròpi per aquò eron ben apreciats. Aquesta técnica fai semelhar an aquela que lhi Anglés dison Cruck e lhi alemans Krück. L'origina se perd ental temp mas se coneisson d'exemples que remonton al premier sècle. Encuei es encà practicaa dins las campanhas de las isclas britànicas: per aquò se pensa que a l'origina poleria èsser na técnica enventaa dai Celts".
(*) Aldo Molino, "Tetti di paglia sulle montagne dell'Europa occidentale" - Ivrea, Priuli & Verlucca, 1997