Enti in rete L.482/99   

Zona B - Ricetto

Via Giordana di Clans

Via Giordana di Clans

FEDARTE: itinerari tra fede & arte

Via Giordana di Clans
italiano

E’ la breve strada nel cuore antico del paese, distesa tra la centrale via Roma e quanto resta dell’Arco del Ricetto. Prima via del Ricetto, prende l’attuale nome dal Conte Giordana di Clans, “maire” di Peveragno agli inizi dell’Ottocento.

Può essere considerata l’epicentro della rinascita di Peveragno: dagli anni ’70, quando le foto dell’epoca la mostrano in stato di semi abbandono, fiancheggiata da edifici cadenti, ad oggi la strada si è trasformata, valorizzando i vari elementi presenti nella via, come il rifacimento della pavimentazione, prima in asfalto, ora a cubetti in pietra e la ristrutturazione dei vecchi edifici.

Verso il fondo della via, quasi di fronte alla Confraternita è situato un antico pozzo, utilizzato dagli abitanti della contrada per molto tempo, ma la cui parte superiore risale alla fine del1861. Fu costruito su richiesta degli abitanti dal Comune un muro circolare di recinzione, munendolo di una porticina con serratura. Chiunque volesse attingere l’acqua dal pozzo doveva, quindi, procurarsi copia della chiave, che era stata fornita dal Comune solo agli abitanti della contrada.

occitan

A l’é la via ënt ël cœr vei ët Pouranh tra via Rouma e lo qu’i resta ët l’arc dël Ricetto.

Na vota via dël Ricetto, la via a l’a pià ël nom d’òoura dal count Giordana di Clans, sindic ët Pouranh ën prënsipi ët l’œtsant.

La via, da couma qu’a l’era ënt i anh ëstanta, coun ël què mal ëndète e abandounê, òoura a l’é ëstèta ën bèl po valourizâ coun ël pavé nœou e el què veie bin aranjê.

Ën cavoun ët la via, ësquèzi ëtnènt a la crouzâ a i é ën pous vei doourà da la jant ët la countrâ ja da ën baroun ët tamp, que ou l’é ëstèt finì ën la part sourana mac ënt ël 1861.

Qui dël post a l’avìou chamà a la coumuna ët faie ën murèt tut d’ëntourn coun na pourtina sarâ a chaou. për piâ l’èva dal pous ventava avée la chaou que la coumuna a i avìa dèt mac a qui ët la countrâ.