Enti in rete L.482/99   

Zona B - Ricetto

Arco del Ricetto

Arc dël Ricetto

FEDARTE: itinerari tra fede & arte

Arco del Ricetto
italiano

Antico portale di ingresso al castrum – la parte fortificata del paese, luogo di rifugio per la gente in caso di emergenza - si presenta come una costruzione in muratura di pietre e mattoni legate con malta di calce. Le pietre sono di porfido quarzifero locale detto “Bisimaudite”. Sulle spalle, massicce e parzialmente inglobate nelle costruzioni adiacenti, sono posizionati due archi di mattoni: uno più esterno a sesto acuto che costituiva il battente superiore della porta ed uno più interno di tipo ribassato. Sulla facciata esterna del portale era visibile il più antico stemma di Peveragno, che in origine era verde, rosso e oro. Nella parte interna c’era un’iscrizione in latino, ora parzialmente visibile, risalente ai tempi in cui il Duca Amedeo VIII di Savoia assoggettò peveragno ai suoi domini. 

occitan

A l’é la porta veia d’ingres al castrum - la part fourtificâ dël paìs e post ounda la jant a s’artanava coura qu’a n’avìa damanca - fèta a pere e moun coun caousina.

Ël pere a soun ët porfido quarzifero dël post chamà Bisimaudite.

Si fiènc grœs taquè al què a soun pozè i doue arc ët moun: un pi ën fora pi pounchù qu’ou fazìa da batant superioû ët la porta e un pi ën dinta arbasà.

Ës la fachada da fora ’s veguìa l’ëstema pi vei ët Pouranh, vèrt, rous e d’or.

Da dinta a i era n’ëscrita ën latin que òoura a 's veg pi vère, di tèmp dël duca Amedeo VIII ët savoia qu’ou avìa soutmëtù Pouranh.