Enti in rete L.482/99   

Eventi, manifestazioni culturali

Claude Marti e le Comitée d’action viticoles – Un film di Jean – Pierre Bodo

Claude Marti e lo Comitat d’accion viticòla– Un film de Jean – Pierre Bodo

Di Ines Cavalcanti

italiano

Consiglio vivamente ai lettori di Nòvas di vedere il film di Jean Pierre Bodo “Claude Marti e le Comité d’action viticoles” che attraverso il racconto di uno dei maggiori esponenti della canzone d’autore occitana degli anni settanta racconta il suo paese, il Languedoc, la lotta dei viticoltori occitani, la sua presa di coscienza di avere una lingua e una cultura millenaria di cui mai a scuola gli avevano parlato e ci porta anche a conoscere una parte del personaggio che è quello del maestro elementare che nel suo piccolo villaggio applica il metodo educativo Frenet.

Con lui, noi che quel periodo l’abbiamo vissuto, riviviamo una storia che oggi semba fantascientifica.La vita di Marti ci fa vedere come la circolazione di idee e una burocrazia sicuramente ben lontana da quella di oggi permetteva incontri che portavano a sviluppare una ricchezza di rapporti umani che, uniti a una voglia di spendersi da parte di “maestri” del pensiero filosofico-letterario o di attori territoriali permetteva alle nuove generazioni di acquisire etica, competenza e lo sviluppo di passioni autentiche.

Sono stati i vinharon con le loro rivendicazioni ad accogliere Marti nel loro gruppo, a considerarlo uno di loro, un uomo della loro terra che aveva il donno innato della poesia e del canto a spronarlo a cantere per loro per aiutarli nella loro lotta e a farlo assurgere a simbolo della loro terra. Sono stati i grandi del pensiero occitano come Renat Nelli e Robert Lafont a farlo crescere nella consapevolezza della sua cultura ed è stato il suo maestro a metterlo sulla strada dell’insegnamento usando il metodo Freinet.

Devo dire che io in quel video mi sono immedesimata, non perchè io sia una cantautrce o una educatrice ma perchè anch’io mi sono trovata a pensare che se non avessi avuto la fortuna di conoscere persone come Fontan, i fratelli Rouquette, Lafont e altri oggi non sarei qui a parlare di Occitania, a partecipare a progetti coinvolgenti come Bogre, come il Premio Ostana e a molto altro.

Ringrazio il regista Jean – Piere Baro, che non conosco, per averci voluto offrire questa pagina importante della storia occitana. Claude Marti lo conoscevo dagli anni 70 ma ho avuto il piacere di conoscere anche gli altri protagonisti della lotta vitivinicola in uno storico incontro, organizzato da Jean Pierre Laval di Pais Nostre in una tappa de l’Occitania a pè. In quella serata ho ancora potuto assaporare un p’ di quella vitalità che ha segnato la vita dei vinharon. Gente che sicuramente non ha vinto la sua battaglia, i poteri contro i quali si batteva erano forse troppo giganteschi. Non vincitori, ma sicuramente non vinti.

occitan

Conselho vivament als legeires de Nòvas de veire lo film de Jean Pierre Bodo “Claude Marti e le Comité d’action viticoles” que per biais de la contia de un dals majors espausants de la chançon d’autor occitana dals ans setanta contia son país, lo Lengadòc, la luta dals vinhairons occitans, sa prèsa de consciénça d' aguer una lenga e una cultura millenaria que a l'escòla i avián jamai parlat e nos amena mai a conéisser una partiá dal personatge qu'es aquel dal mèstre elementar que dins son pichòt vilatge se sèrv dal metòde educatiu Frenet.

Abo el, nosautres que dins aquel periòde avèm viscut, revivèm un'istòria que encuèi sembla fantascientifica. La vita de Marti nos fai veire coma la circolacion de las ideas e una burocraciá segurament pron luènha d'aquela d'encuèi permetiá rescontres que poián desvolopar una richeça de rapòrts umans que, units a una vuelha de s'engatjar dal caire de“mèstres” de la pensaa filosofico-letteraria o d'actors territorials permetiá a las nòvas generacions d'aprene etica, competença e lo desvolopament de passions vertadièras.

Son estats los vinharons abo sas revendicacions a aculhir Marti dins lor grope, a lo considerar un d'elos, un òme de sa mesma tèrra qu'aviá lo don innat de la poesiá e dal chant, a lo possar a chantar per elos, per los ajuar dins sa luta e a lo levar a simbòl de sa tèrra. Son estats los grands de la pensaa occitana coma Renat Nelli e Robert Lafont a lo far créisser dins la consciéncia de sa cultura e es estat son mèstre a lo betar sus la draia de l'ensenhament en se servent dal metòde Freinet.

Chal que dise que mi en aquela videò me siuc identifiaa, pas perquè siáio una chantaira o una educatritz mas perquè mai mi me siuc trobaa a sonjar que si aguèsse pas agut la fortuna de conéisser personas coma Fontan, los fraires Rouquette, Lafont e autres encuèi sarèic pas aicí a parlar d' Occitaniá, a partecipar a projèctes charmants coma Bogre, coma lo Prèmi Ostana e ben d'autre.

Remercioc lo regista Jean – Piere Baro, que conòisso pas, per nos aguer volgut semóner aicesta patja importanta de l'istòria occitana. Claude Marti lo conoissioc dals ans 70 mas ai agut lo plaser de conéisser mai los autres protagonistas de la luta vitivinicòla en un rescontre istoric, organizat de Jean Pierre Laval de Pais Nostre en un'estapa de l’Occitania a pè. En aquel vèspre ai encara pogut saborar un pauc d' aquela vitalitat que a sinhat la vita dals vinharons. Gents que segurament a jamai ganhat sa batalha, los poguers que contrastavon eron benlèu tròp forts. Pas de ganhaires, mas segurament pas de ganhats.


Eventi, manifestazioni culturali

Claude Marti e le Comitée d’action viticoles – Un film di Jean – Pierre Bodo

Claude Marti e lo Comitat d’accion viticòla– Un film de Jean – Pierre Bodo

Di Ines Cavalcanti

italiano

Consiglio vivamente ai lettori di Nòvas di vedere il film di Jean Pierre Bodo “Claude Marti e le Comité d’action viticoles” che attraverso il racconto di uno dei maggiori esponenti della canzone d’autore occitana degli anni settanta racconta il suo paese, il Languedoc, la lotta dei viticoltori occitani, la sua presa di coscienza di avere una lingua e una cultura millenaria di cui mai a scuola gli avevano parlato e ci porta anche a conoscere una parte del personaggio che è quello del maestro elementare che nel suo piccolo villaggio applica il metodo educativo Frenet.

Con lui, noi che quel periodo l’abbiamo vissuto, riviviamo una storia che oggi semba fantascientifica.La vita di Marti ci fa vedere come la circolazione di idee e una burocrazia sicuramente ben lontana da quella di oggi permetteva incontri che portavano a sviluppare una ricchezza di rapporti umani che, uniti a una voglia di spendersi da parte di “maestri” del pensiero filosofico-letterario o di attori territoriali permetteva alle nuove generazioni di acquisire etica, competenza e lo sviluppo di passioni autentiche.

Sono stati i vinharon con le loro rivendicazioni ad accogliere Marti nel loro gruppo, a considerarlo uno di loro, un uomo della loro terra che aveva il donno innato della poesia e del canto a spronarlo a cantere per loro per aiutarli nella loro lotta e a farlo assurgere a simbolo della loro terra. Sono stati i grandi del pensiero occitano come Renat Nelli e Robert Lafont a farlo crescere nella consapevolezza della sua cultura ed è stato il suo maestro a metterlo sulla strada dell’insegnamento usando il metodo Freinet.

Devo dire che io in quel video mi sono immedesimata, non perchè io sia una cantautrce o una educatrice ma perchè anch’io mi sono trovata a pensare che se non avessi avuto la fortuna di conoscere persone come Fontan, i fratelli Rouquette, Lafont e altri oggi non sarei qui a parlare di Occitania, a partecipare a progetti coinvolgenti come Bogre, come il Premio Ostana e a molto altro.

Ringrazio il regista Jean – Piere Baro, che non conosco, per averci voluto offrire questa pagina importante della storia occitana. Claude Marti lo conoscevo dagli anni 70 ma ho avuto il piacere di conoscere anche gli altri protagonisti della lotta vitivinicola in uno storico incontro, organizzato da Jean Pierre Laval di Pais Nostre in una tappa de l’Occitania a pè. In quella serata ho ancora potuto assaporare un p’ di quella vitalità che ha segnato la vita dei vinharon. Gente che sicuramente non ha vinto la sua battaglia, i poteri contro i quali si batteva erano forse troppo giganteschi. Non vincitori, ma sicuramente non vinti.

occitan

Conselho vivament als legeires de Nòvas de veire lo film de Jean Pierre Bodo “Claude Marti e le Comité d’action viticoles” que per biais de la contia de un dals majors espausants de la chançon d’autor occitana dals ans setanta contia son país, lo Lengadòc, la luta dals vinhairons occitans, sa prèsa de consciénça d' aguer una lenga e una cultura millenaria que a l'escòla i avián jamai parlat e nos amena mai a conéisser una partiá dal personatge qu'es aquel dal mèstre elementar que dins son pichòt vilatge se sèrv dal metòde educatiu Frenet.

Abo el, nosautres que dins aquel periòde avèm viscut, revivèm un'istòria que encuèi sembla fantascientifica. La vita de Marti nos fai veire coma la circolacion de las ideas e una burocraciá segurament pron luènha d'aquela d'encuèi permetiá rescontres que poián desvolopar una richeça de rapòrts umans que, units a una vuelha de s'engatjar dal caire de“mèstres” de la pensaa filosofico-letteraria o d'actors territorials permetiá a las nòvas generacions d'aprene etica, competença e lo desvolopament de passions vertadièras.

Son estats los vinharons abo sas revendicacions a aculhir Marti dins lor grope, a lo considerar un d'elos, un òme de sa mesma tèrra qu'aviá lo don innat de la poesiá e dal chant, a lo possar a chantar per elos, per los ajuar dins sa luta e a lo levar a simbòl de sa tèrra. Son estats los grands de la pensaa occitana coma Renat Nelli e Robert Lafont a lo far créisser dins la consciéncia de sa cultura e es estat son mèstre a lo betar sus la draia de l'ensenhament en se servent dal metòde Freinet.

Chal que dise que mi en aquela videò me siuc identifiaa, pas perquè siáio una chantaira o una educatritz mas perquè mai mi me siuc trobaa a sonjar que si aguèsse pas agut la fortuna de conéisser personas coma Fontan, los fraires Rouquette, Lafont e autres encuèi sarèic pas aicí a parlar d' Occitaniá, a partecipar a projèctes charmants coma Bogre, coma lo Prèmi Ostana e ben d'autre.

Remercioc lo regista Jean – Piere Baro, que conòisso pas, per nos aguer volgut semóner aicesta patja importanta de l'istòria occitana. Claude Marti lo conoissioc dals ans 70 mas ai agut lo plaser de conéisser mai los autres protagonistas de la luta vitivinicòla en un rescontre istoric, organizat de Jean Pierre Laval de Pais Nostre en un'estapa de l’Occitania a pè. En aquel vèspre ai encara pogut saborar un pauc d' aquela vitalitat que a sinhat la vita dals vinharons. Gents que segurament a jamai ganhat sa batalha, los poguers que contrastavon eron benlèu tròp forts. Pas de ganhaires, mas segurament pas de ganhats.