Enti in rete L.482/99   

Ninna nanna a un bambino

Ninanana a 'n fantét

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Ninna nanna a un bambino
italiano

Coricato sul ciglio della “fascia” (1),

in mezzo a tuo padre e tua madre,

ben avvolto nella tua giacca

che ti ripara dal freddo

e dall’acqua che scende,

non avere paura se senti ululare il lupo,

non avere paura

che questi cani fanno buona guardia

e poi, intorno al gregge,

c’è il recinto di corda.

Bisogna ingrassare il campo,

se vogliamo raccogliere grano,

e poi farne buoni “sügéli” (2)

e del buon pane.

Cerca di dormire,

piccolo mio,

e sogna quando quest’ estate

eri sull’alpe

e al mattino di buonora

sentivi bramire i camosci

e quando ti alzavi

vedevi correre le marmotte

da una tana all’altra.

E mangiavi della buona “bèca” (3)

e dei buoni formaggi

ed eri riparato

nel tuo casolare.

Sogna quei bei prati

e quei begli alpeggi fioriti

e cerca di dormire.

L’autunno è il più brutto,

ancora qualche giornata

e scendiamo a Realdo

per andare poi in transumanza.

Laggiù al mare fa meno freddo,

presto verrà Natale,

poi l’inverno fa presto a passare

e torniamo a Realdo.

Vedrai com’è bello tornare:

anche le pecore lo sentono e camminano

e i cani non devono neanche spingerle.

Tutti vogliono tornare al villaggio,

in mezzo alle rocce

e tra gli alberi fioriti.


(1) Appezzamenti di terreno coltivato, ricavati su di un pendio attraverso un’opera di terrazzamento e soste-nuti da una scarpata erbosa o da un muro a secco.

(2) È il piatto tradizionale brigasco: un tipo di pasta simile per forma alle “orecchiette”, confezionato con farina

di grano e acqua, lessato e condito in diversi modi.

(3) Latticello avanzato dalla fabbricazione del formaggio di pecora o di capra.


occitan

Acurcà ‘n la bunda,

ën lë mégë a té pai e a ta mai,

ënrüelà bèn ën la ta peiturina

chë t’arpara dar fréid

e dar’aigua chë cara,

në šta a avée paùu

së ti sèntu baunàa ‘r lùuv,

në šta a avée paùu

chë šti can li fan bona guardia

e pöi, ënturn aa sorta,

ër l’i à a curdaglia.

Bëṡögna ‘ngrasciàa ‘r camp,

s’e vurém acampàa dër gran,

e pöi fàa di bon sügéli

e dër bon pan.

Sèrca dë durmìi,

o mé fantét,

e asunaté dë quand ti èru

štë štà sciür’ arp

ch’ar matin bunura

ti sëntin sügiàa i camüni

e pöi, quand ti t’aisàvu,

ti vin cùru e marmote

da ina tana a r’autra.

E ti mangiavu da bona bèca

e de bone tume

e ti èru arparà

ën lë té caṡunét.

Asunaté quìi béli prai

e quìi béli arpi sciurìi

e sèrca dë durmìi.

R’uutùn’ é ‘r ciǜ brüt,

ëncòo chiche giurnàe

e pöi s’ ën caràm a Cà da Roca,

pr’ ëndàa pöi ‘n bandìa.

Lagiǜ aa marina ‘r fa ménu fréid

e špëdì ‘r vèn Dëneàa,

r’üvèrn dopu fa špëdì a pasàa

e pöi turnàm a Cà da Roca.

Ti veiràa com l’é bèe turnàa:

fìa e féi le sèntu e le caminu

e i can në dévu manc cuciarlé.

Tüti voru turnàa aa morga,

ën lë mégë ae roche

e tra i arbu sciurìi