Enti in rete L.482/99   

Il libeccio

Ër dëbégë (1997)

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Il libeccio
italiano

Nuvole nere

seguono il vento di libeccio

che spira verso il Monte Fronté (1)

.Arriverà la pioggia;

sarà una serata d’acqua.

Un codirosso esorta

i piccoli ad andare nel nido:

dal canto sembra spaurito.

Ma i suoi uccelletti

continuano a saltellare

nell’orto davanti casa.

Il camoscio, sotto la roccia,

ogni tanto smette di mangiare

per guardare verso monte,

per nulla impaurito

dalle macchine

che passano sulla strada.

Qualche goccia d’acqua comincia a cadere

sul tetto di fronte

macchiando di nero le ardesie.

Dal terrazzo rientro in casa.

È proprio vero, penso:

le nuvole che vanno verso Pieve(2)

portano l’acqua.



(1) Monte delle Alpi Liguri. È la seconda vetta più alta della Liguriadopo il Monte Saccarello.

(2 )Pieve di Teco, località in provincia di Imperia, nell’Alta Valle Arroscia.

occitan

Nìvure néire

s’asögu ar vènt dë dëbégë

ch’ ër va vèrs ër Fruntée.

L’andrà a ciòuru;

la sërà ina seiranàa d’aigua.

Ina cùa ruscia sèrca d’arcampàa

i séi šcaparöti ‘n lë nì:

dar cant la s’asëméglia žbuvìa.

Ma i séi užëlìti

li cuntìnuu a girundàa

ën l’ort dënant a cà.

Ër camùnë, sut’a roca,

ogni tant lë žmét dë mangiàa

pr’aguaitàa ën vramunt,

për rèn špaurì

dae màchine

chë passu sciür camin.

Chiiche štìsse cuménsu a caràa

sciür téit lì dë dënant

e le tégnu dë néir e ciape.

Dar gianchìi e më štrém ën cà.

L’é pröpi vée, e më dig:

e nìvure chë van aa Céev

le portu r’aigua