Enti in rete L.482/99   

Il canto dei mulattieri

Ër cant di müratée (Màgë 1990)

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Il canto dei mulattieri
italiano

Con il mulo carico di balle di fieno,

per la strada dei Fronti (1),

di Sant’Antonio (2)

o di Borniga (3),

i mulattieri cantavano sempre.

Il suono delle sonagliere

che i muli portavano al collo,

sembrava che accompagnasse,

sulla cadenza del passo, il canto.

Ad intervalli, per spronare il mulo,

e anche per farsi sentire,

schioccavano la frusta;

e facevano a gara

a chi schioccava meglio.

Il canto si propagava nella valle,

e altri che erano nei campi,

o su altre mulattiere,

intonavano la stessa canzone.

Adesso, al posto dei canti,

si sente uno sferragliare di cingoli,

rombi di motori che lavorano,

trombe di camion che suonano.

Forse la vita è cambiata in meglio,

ma dentro di me,

con tanta nostalgia,

porterò per sempre

il canto dei mulattieri

ed il suono delle sonagliere

che si sentivano nelle mie valli.

(1) Località tra Verdeggia e il Passo della Guardia (Im).

(2) Località a monte di Realdo (Im).

(3) Borgata di Realdo (Im).

occitan

Cun a müra cargàa dë bëriun

për lë camin di Frönti,

dë Sant’Antoni o dë Burnighe,

i müratée cantavu dëlong.

Ër son da sunaglia cun šcarcavéli

ch’e müre purtavu ar còl,

sëmëgliava ch’acumpagnés,

sciüa cadènsa dër pas, ër cant.

A ‘ntërvali, për cuciàa a müra,

e anche për farsé sëntìi,

li fagin cantàa ‘r fuét;

e li andagin d’argata

a chi ‘r fagìa šciupëtàa ciǜ bèn.

Ër cant së prupagava ‘n la vale,

e autri ch’ èru ‘n li campi,

o sciü autri camin,

ëntunavu a štéssa cansun.

Adès, ar pošt di canti,

së sènt šfëragliàa di cìnguli,

bùl dë mutùu chë travagliu,

trumbe dë càmiu chë sonu.

Fors a vita é cangiàa ‘n mégl’,

ma drint dë mi,

cun tanta nuštalgia,

e purtërai dëlong

ër cant di müratée

e ‘r son de sunagliére

chë rëmbumbavu ën le valére.