Enti in rete L.482/99   

Il boscaiolo

Ër bušcaiòlu

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Il boscaiolo
italiano

È ancora notte e già lasci

il tuo rifugio fatto di tronchi,

e vai per il bosco, lungo il poggio,

che il continuo passaggio

ha trasformato in sentiero.

Gli alberi da tagliare

li vedi in distanza,

per la tacca che gli hanno fatto.

Cominci a tagliare

con la tua accetta

che tieni affilata come un rasoio.

Il taglio che gli dai

quando scende,

te lo porta fuori

dagli altri alberi.

Quando l’albero si abbatte,

non ti sposti nemmeno,

tanto sei sicuro

della direzione che gli hai dato.

Le capinere che ti erano venute

tutte intorno volano via,

spaventate dal rumore.

Appena l’albero è a terra,

colpisci col tuo picozzino!

Rami e corteccia volano tutto intorno.

L’unica paura che senti

È quando i tronchi,

che mandi a valle, giù per la pista,

scivolano come bisce.

Tu con i ramponi ai piedi

salti da un tronco all’altro

e quando uno si ferma

sei già pronto con il tuo uncino.

occitan

L’ é ‘ncòo šcǜu e già ti lasciu

a ta baraca faita dë giàine,

e sciǜ ‘n lë bošc, për lë pögë,

ch’ a sun dë pasarlì

l’é dëvëntà ina dràira.

I arbu da tagliàa

li së véiru dàa dë lögna,

pr’ a büšcagna chë li i han fait.

Ti cuménsu a tagliàa

cur té martàa

chë ti tégnu amurà com’ën raṡùu.

R’ëntapa chë ti i dùnu

quand ër cara

la ’r porta fora

dai autri arbu.

Quand r’arbu s’abàt

ti në të špoštu manc,

tant ti éšti sëgǜü

dër vét chë ti hàa dait.

E tèšte néire

chë t’èru vëgnüe vëžine

voru via, žbuvìe dar bùl;

apéna r’arbu é ‘n tèra,

cörpi cun ër manarin!

Rami e rüšche voru ‘nturn:

r’ ǜnica paùu chë ti sèntu

l’ é quand ti arcaru

a giàina giǜ ‘n lë tirun

chë la léṡa com’ e bisce.

Ti cun e gràpie ai péi

ti sàutu da ‘n bigliun a r’autr

e quand ün së férma

ti éšti già prunt cun ër sapin.