Enti in rete L.482/99   

I ricordi

I argördi (2000)

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

I ricordi
italiano

Ci incontravamo sovente,

lungo la strada che costeggia il mare.

Ti piaceva parlare

nella nostra maniera;

un po’ dei nostri paesi.

Della nostra terra,

dove eri vissuto

tanti anni fa, da giovane.

Poi come tanti,

te n’eri andato

da altre parti.

Per guadagnarti da vivere.

Come abbiamo fatto tutti.

Non eri mai più tornato

lassù sulle falde del Saccarello (1);

l’ultima volta che ci siamo incontrati,

nei primi giorni di Maggio,

dopo i saluti

mi ricordo sempre le parole

che mi hai rivolto:“Adesso ai faggi,

nel bosco di Gerbonte (2),

incominciano a spuntare le foglie”.

Ho capito che dentro di noi certi ricordi

dei nostri monti restano

per tutta la vita.

Ogni volta che arriveranno i primi giorni di Maggio

mi ricorderò dello spuntare delle foglie

ai rami dei faggi di Gerbonte,

del bosco che, dal buio invernale,

passa al colore riposante

del verde chiaro.

Dei fiori che nascono tra macchie di neve,

che ancora resiste fra gli alberi.

Del volo dei fagiani, attraverso gli alberi,

del camoscio, che veloce salta sulle rocce.

Te lo prometto.


(1) È il monte più alto della Liguria e punto di confine amministrativo tra le province di Imperia e di Cuneo e

confine di Stato tra Italia e Francia.

(2) Estesa foresta regionale in Comune di Triora (Valle Argentina, Im).

occitan

S’ëncontravàm suvènt,

sciür camin chë cuštégia a marina.

Ër t’èra dë càa dë ciarlàa

ën la noštra manéra;

ën gin di nöštri paìiṡi.

Da noštra tèra,

ëndund ti avin vissǜ

tanti ani fa, da giuvu.

Pöi com tanti,

ti të n’èru ‘ndàit

ën girë për lë mund.

Për guagnarté da vìvu.

Com’am fait tüti.

E ti n’èru mai ciǜ turnà

ën le valére dë Sciacarèe;

r’ürtim viagë ch’e së sém višti,

eravàm ën li prüméri dì d’ër méeṡ dë Magë.

Dopu ch’e së sém salütai,

e m’argord sèmpre e parole

chë ti m’ha diit: “Adès ai fau,

ën lë bošc dë Gërbont, ër li špunta e föglie”.

E hai capì chë cérti argördi

de noštre valére

rèštu drint dë nue

për tüta a vita.

Ogni viagë ch’e sërém ai prüméri dë Magë

ër më suvegnërà anche a mi

dë rë špuntàa de föglie

ai rami di fau dë Gërbont,

dër bošc, chë da rë šcǜü invernale,

passa ar curùu ch’ arsciàura

dër vérd ciàa.

De sciùu chë nasciu tra ina cunscia dë nèu e r’autra,

ch’ëncòo arṡìšt tra e ciante.

Dër vòrë di fažan, atravèrs i arbu,

dër camùnë, chë špëdì sauta tra e roche.

E ‘r të prumét