Enti in rete L.482/99   

Lhi elvés dins la II Guèrra Mondiala

Guerra di liberazione

Guèrra de liberacion

Guerra di liberazione
italiano
L'armistizio dell'8 settembre 1943 non pone fine alla seconda guerra mondiale ma le dà, in Italia, un volto del tutto nuovo. Con la disgregazione dell'esercito, la storia delle varie Armi si fraziona in vicende individuali, personali, le più diverse. Esse trovano sbocco nel semplice ritorno a casa e nella clandestinità, nella Resistenza (e qui la partecipazione alle formazioni partigiane è consistente, massime tra gli alpini), nella rinascita nell'Italia meridionale di un nucleo di esercito italiano schierato a fianco degli alleati e che con essi risale la penisola, nella prigionia nei lager tedeschi e anche, per qualcuno, nell'adesione alle formazioni militari della RSI.
Ancora una volta soccorre l'opinione di Gianni Oliva per chiudere qui il discorso: "E' impossibile distinguere, nei movimenti convulsi di quel periodo, ciò che è patrimonio degli alpini in quanto corpo dell'esercito, da ciò che è patrimonio collettivo della nazione. Gli alpini scampati dai fronti dell'Albania, della Grecia e della Russia con i loro racconti di guerra, con la descrizione dei disastri di cui erano stati protagonisti e vittime, con le notizie "vere"che la stampa di regime aveva sempre taciuto, contribuirono certamente a diffondere e confermare l'orientamento ideale da cui sarebbe nata la Resistenza".
In effetti, in un qualsiasi raduno dell'ANPI, grande e piccolo che sia, non è tutto un dominare di cappelli alpini e di penne nere?
occitan
L'armistici de l'8 de setembre 1943 buta ren fin a la seconda guèrra mondiala, mas ne'n marca un nòu moment. L'esèrcit s'es esbrisat, e dins aquel grabois chascun seguís son destin: qui arriba a tornar a maison, qui diventa un clandestin, qui intra dins la Resistença (granda es la participacion a las formacion partisanas, ben fòrta entre lhi alpins), qui finís preisonier dins lhi lager tedecs, qui aderís a las formacions de la RSI; en Itàlia meridionala se forma mai un pichòt esèrcit que, a flanc di aliats remonta l'Itàlia.
Encara un bòt nos ven en ajut l'opinion de Gianni Oliva per serrar aquí lo descors: "es impossible de triar, dins lo desverselatge d'aquel moment, aquò qu'es patrimòni di alpins coma còrp de l'esèrcit, da aquò qu'es patrimòni collectiu de la nacion. Lhi alpins sobreviscuts ai fronts de l'Albania, de la Grècia e de la Rússia an segurament contribuït abo lhi lors racònts de guèrra, abo la descripcion di desastres qu'avion viscut, abo las notícias "veras" que l'estampa de regim avia sempre estremat, a espantear e confermar la vision qu'a portat a la naissença de la Resistença".
D'autre cant, dins tuchi lhi rescontres de l'ANPI, pichòt o gròs que sie, es ren tot un dominar de chapèls d'alpins e pimas nieras?