Enti in rete L.482/99   

Lhi elvés dins la II Guèrra Mondiala

Gli elvesi della II Guerra Mondiale

Lhi elvés Dins La II Guèrra Mondiala

Gli elvesi della II Guerra Mondiale
italiano
Non c'è storico ormai che nell'affrontare un qualsiasi tema attinente alla seconda guerra mondiale non prenda la rincorsa dalla prima, quella che funestò l'Europa dal 1914 al 1918 e che ben meritò la definizione di "inutile strage" datale da Papa Benedetto XV. Concordano infatti tutti nel giudicare la seconda come una continuazione della prima, una unica terrificante guerra dei 30 anni che da europea si fece planetaria.
Perché questo inizio? E' perché in tale premessa si trovano le spiegazioni anche delle vicende di microcosmi come quello qui trattato. È perché in tale premessa si trova la spiegazione della morte dell'alpino Lombardo Giovanni in Albania, dell'alpino Dao Severino e dell'artigliere alpino Dao Castes Costanzo in Russia, di Dao Pietro anch'egli artigliere alpino in Germania e quella di tanti loro compagni di paese e di valle, di ogni Arma, caduti in luoghi lontanissimi dalla patria, uniti dalle stellette, dal comune colore grigioverde dell'uniforme, dal senso del dovere.
È questa premessa che permette di comprendere perché i loro scarponi non reggessero al fango e alla neve, il fucile '91 fosse ancora la loro arma e le fasce di rustico panno la sola protezione delle loro gambe.
Prima guerra mondiale, quindi, quale punto di partenza per darsi ragione degli eventi successivi, anche i più modesti, delle loro modalità e dei loro effetti. Inutile dire che il tema è immenso e che qui non andremo al di là di un percorso sintetico e semplificato, in ogni caso indispensabile per comprendere in quale grande tragedia si trovò coinvolto il nostro piccolo mondo elvese.
occitan
Encuei lhi a pus degun istorian que, dins l'afrontar un qual se sie tèma concernent la IIª guèrra mondiala, tene ren còmpte de la premiera, aquela qu'a devastaa l'Euròpa dal 1914 al 1918 e que a ben meritat lo nom de "inútil massacre" donat dal Papa Benedet XV. Tuchi concòrdon dins lo judicar la seconda coma una continuacion de la premiera, una soleta, espaventosa guèrra di 30 ans que da europea es vengua mondiala.
Perqué aqueste començament? Es perque en aqueste derant dich se tròbon decò las rasons de las pichòtas estòrias coma aquelas que diserèm aicí. Es perque en aqueste derant dich se tròba l'explicacion de la mòrt de lhi alpins Lombardo Giovanni en Albania e Dao Severino en Rússia, de lhi artilhiers alpins Dao Castes Costanzo encà en Rússia e Dao Pietro en Germània, e aquela de tanta autra gent dal país o de la valada, chaüts daluenh da la pàtria, acomunats da las estelètas, da la color grisa-vèrda de la muda, dal sens de dever.
Es aquesta consideracion que permet de compréner perque lors chauciers resesson ren a la pauta e a la neu, lo fusil 91 foguesse encà lor arma e las faissas de drap la soleta proteccion per lors chambas.
La premiera guèrra mondiala, donca, coma ponch de partença per se donar una rason di aveniments d'après, decò lhi mai pichòts, de lors modalitats e di lors efèctes. Es pas la pena de dir que lo tèma es immense e que aicí anarèm ren al delai d'un percors limitat e semplificat, mas indispensable per capir en quala granda tragèdia s'es trobat nòstre pichòt mond elvés.