Salbertrand: i lavori dell’inverno

Per gli anziani, la ripresa dei lavori manuali durante la veglia ritorna alla solita routine. Agli uomini è assegnata la stigliatura della canapa, preparare matasse con il filo delle bobine dei filarelli cariche al completo, fare gomitoli di filo pronti ad essere portati dal tessitore, fare legacci a treccia in fibra di canapa greggia, da applicare agli angoli dei teli da campagna.

Per le donne, la filatura della lana e della canapa, sempre secondo la quantità da lavorare, è l’occupazione che richiede più tempo, ed inoltre c’è il cucito: lenzuola, teli, camicie, asciugamani e federe.

Le ragazze, per lo più, hanno il compito di fare calze a maglia, con quattro ferri corti, in lana di produzione propria.

Pär lu-z-ommi a meità d’iajë’ e mai ‘d plü, fā ‘d carën pandan lä vilhà l’ī ‘n pasatën. Lorë obbrä l’ī bluā ‘l chinebbu, fā d’ichaviou ‘n davueidanì la bubilha dlu tūri can la sun pleina, fā ‘d grameisiou presti da purtā au tëseiȓan, e ‘d caiȓi pär lu linsō patüȓī.

Pär la fënna ‘l fieȓā k’lä sī lanä o chinebbu lä nh’à ciū ‘d clapī, imünüzā tuttë din kl ‘aȓettä lä dunä biën d’obbrä, lä vëntaȓiä pā fā daure; pöü lä lh’à da cuzë ‘d linsō du léi e patüȓī, ‘d chamiza, d’isüiaman e füdretta.

L’obbra dla mëndiā pär la pluziörë l’ī fā chausä a cattrë agülha curta ‘n bu lä lanä ‘d lora fiā.