Enti in rete L.482/99   

Conosci le valli occitane?

Introduzione

Per començar

Introduzione
italiano Qui nasce il Po, primo fiume d’Italia. Qui c’è il Monviso, una piramide aguzza, una montagna come la disegnano i bambini. In questo lembo di terra, e in altre undici valli in Piemonte addossate alle Alpi italo-francesi, si parlano dialetti occitani, la lingua d’oc con cui i trovatori del medioevo modellarono i loro versi poetici ammirati da Dante Alighieri che, nella Commedia, non esitò a introdurre alcuni versi occitani.
I paesi dove nasce il Po e le valli vicine, a rifletterci non sono dunque un luogo marginale, sebbene la morfologia possa suggerirlo. Il pregiudizio mentale, difficile da vincere, potrebbe annidarsi nei suoi stessi abitanti.
Al contrario, i paesi di questa Comunità montana sono al centro e possono essere un punto di contatto: fare da raccordo fra lo spazio culturale occitano, che si spinge fino ai Pirenei e all’Atlantico, quello francese ancora più vasto e lo spazio culturale italiano in cui viviamo. Non solo: queste valli così vicine al mare, sono per usanze, per tradizioni, mitologie e cosuetudini migratorie, anche il luogo in cui la civiltà alpina e quella mediterranea si incontrano. Dunque valli e paesi cerniera.
Certo, per trovare la consapevolezza di essere al centro, occorre costruire il nuovo attingendo alla memoria del passato. Comprendere ciò che questi luoghi sono stati e ciò che potrebbero essere se si sapranno intessere reti, costruire collaborazioni, valorizzare le proprie risorse. Soprattutto se sapremo trasmettere questo pensiero alle nuove generazioni.
occitan Lo Pò, premier flum d’Itàlia, sòrt d’aicí. Aicí lhi a lo Vísol, piràmida ponchua, pròpi coma las mainaas dessenhon las montanhas.
Lhi parlars d’aquesta tèrra e d’onze autras valadas dal Piemont acochaas dins las Alps, son de lenga occitana.
Son d’aquela lenga d’òc que lhi trobadors de l’atge mesan ne’n fagueron poesia. Una poesia admiraa da Dant Aliguieri, que dins sa Comèdia volguet tanben betar qualqui vèrs occitans.
Alora, a lhi rasonar ben dessús, lhi país ente lo Pò sòrt e las valadas da pè son pas na luea escartaa, bèla se la morfologia lo pòl far pensar. Lo prejudici mental, de mal sobrar, poleria s’èsser engrumicelit dins la tèsta mesme di lors abitants.
Ensinta es ver lo contrari: lhi país de las Valadas dal Pò e dal Vísol, son al metz e per lor posicion pòlon racordar l’espaci occitan que comença aicí e vai fin ai Pireneus e l’Atlàntic, l’espaci francés enca mai grand e aquel italian ente vivem. Pas mec: aquestas valadas pas tròp luenhas de la mar, per costumas, per mitologia e per luecs ente lo monde anava se ganhar lo pan, son lo país ente civilisacion alpina e mediterranenca se tochon. Son valadas de cerniera.
Per tot aquò, totun, lhi vai decò la convincion d’èsser al metz. E chal bastir sus de fonsamentas que monton de la memòria dal passat. Chal comprene çò qu’aquesti país son estats, çò que polerion devenir trobant de liams, trabalhant ensemp, betand en valor lors ressorças. Sobretot far passar aquesta idea de nòstre deman a las generacions nòvas.