Enti in rete L.482/99   

Chiomonte

Chaumont

Chiomonte
italiano

Chiomonte è un grazioso insediamento di circa 900 abitanti che sorge a 750 m di quota, laddove l’Alta Valle di Susa, oltrepassato il paese di Gravere, si apre su un ampio tratto pianeggiante.
Il comune occupa una superficie territoriale di 26,66 km² che si estende perlopiù sulla destra orografica del fiume Dora, raggiungendo il Pian del Frais, antica zona di alpeggio divenuta nel ‘900 una famosa località sciistica, fino a toccare la vetta di Ciantiplagna (2849 m) e la Cima delle Vallette (2743 m).
È probabile che in origine l’abitato si ergesse sul lato opposto della valle, lungo l’antica strada romana per le Gallie, e che si sia poi sviluppato nella posizione attuale con il cambiamento di percorso della strada. Ancora ben riconoscibile è il nucleo centrale di impianto medievale, attraversato dalla via principale (via Vittorio Emanuele II), già Chemin Royal nei secoli di dominio francese, che lo suddivide in quattro rioni distinti: a ovest il Riu, il rione più antico, segnato dal corso di un torrente e interrotto nella sua estremità occidentale dalla Pòrta de França (Porta di Francia), di cui non rimane traccia, nelle sue adiacenze il rione Fond de Juilarda (Fondo della signora Juillard), al centro del paese, il rione della Plaça (Piazza), in cui si concentra la maggior parte delle abitazioni, e a est il Puèi, di più recente formazione.
Compare invece sul versante sinistro, a solatio, della valle, adagiato su un dolce declivio e immerso tra i vigneti, il gruppo degli insediamenti delle Ramats, antico possedimento del monastero di Novalesa abitato fin dall’epoca preistorica, come attestano i molteplici ritrovamenti rinvenuti in località Maddalena, di età compresa tra il Neolitico recente e la seconda Età del Ferro. Zona di confine del Delfinato, cui Chiomonte appartenne fino al 1713, allorché, con il Trattato di Utrecht, venne annesso ai domini sabaudi, la frazione di Ramats si compone di alcuni insediamenti sparsi, su cui vigila la quattrocentesca Cappella Bianca, rimaneggiamento di una primitiva fortificazione, forse di età preromana, edificata in località Beauregard, sullo spartiacque tra Valle di Susa e la Val Clarea. Questi sono: Sant’Antonio che ospita la parrocchia dell’Immacolata Concezione, San Giuseppe, Sant’Andrea, con la graziosa cappella omonima, famosa per i suoi affreschi quattrocenteschi, Baccon, Champriond, Maison e Verger.
A ridosso della Cima Quattro Denti (2106 m), proseguendo oltre le grange Rigaud (1450 m), è possibile imbattersi in un’opera idraulica di grande interesse, il “Pertus” di Colombano Roméan. Si tratta di un condotto di circa 500 metri scavato nella roccia, che fu realizzato interamente dal minatore Colombano Roméan, il quale impiegò sette anni (1526-1533) per completare il lavoro commissionatogli dagli abitanti di Cels (Exilles) e di Ramats. Il traforo permise di catturare le acque del versante opposto, derivanti dal rio Touilles, sorto dal ghiacciaio dell’Agnello, fornendo l’acqua al versante arido chiomontino e exillese.
L’antico borgo di Chiomonte, già attestato nell’anno 739, come Camundis, nel testamento di Abbone, relativo alla fondazione dell’Abbazie di Novalesa, deriverebbe il suo nome dalla forma Caput montis o moncium, che chiaramente ne indica l’etimo (1). Estremo avamposto francese in Alta Valle di Susa per oltre quattro secoli, il paese conserva affinità socio-culturali e artistiche con le terre dell’antico delfinato. Esemplare ne è la parlata locale, di tipo occitano, il cui uso è ancora relativamente vivace, sebbene il repertorio della fascia più giovane della popolazione sia costituito in prevalenza dal piemontese e dall’italiano.


(1)Riferimenti in Ivi, p. 204.

occitan

Chaumont (Shooumoû) es un graciós insediament abo environ 900 abitants que se tròba a un’altituda de 750 m s.l.m, ente l’Auta Val Duèira, passat le país de Gravere, se duèrb sus un clòt.
La comuna pren un’arèa de 26,66 km² e s’estend mai que tot a l’envèrs ente arriba au Plan dau Frais, velh pastural que dins le sècle passat es vengut un pòst famós pel torisme de l’esquí, e arriba a la cima de Chantiplanha (2849 m) e a la cima de las Valetas (2743 m).
Es ben probable qu’en origina le vilatge se trobesse dau cant virat au solelh, au lòng del la velha via galoromana e après se sie desvelopat ente se tròba per le chambiament de traçat de la via. Es encara ben clara la part centrala d’origina medievala atraversaa da la via principala (via Vittorio Emanuele II), já Chemin Royal dins le temp de dominacion francesa, que partaja le país en quatre quartiers: a oèst Le Riu, le plus velh, marcat dau cors dau riu e au som de lsa part occidentala da la Pòrta de França, que a pus laissat traça; le quartier Fond de Juilarda; au centre dau país le quartier de La Plaça ente se tròben lo mai des maisons e a est Le Puèi qu’es mai recent.
Dau cant de l’adreit se tròben, sus una dòuça penta au metz de vinhas, las Ramats, eren una velha proprietat de l’Abadia Novalesa e abitats fins da l’epòca preistorica coma es demostrat da los rests retrobats a La Madalena que van dau Neolitic mai recent a la segunda Etat dau Fèrre. Les Ramats es formats da insediaments esfarfalhats, survelhats da la Chapèla Blancha (dal ‘400), trasformacion d’una primitiva fortificacion, benlèu d’edat preromana, bastia a Beuregard, sus l’aigaversa entre la Val Duèira e la Val Clarea. Trobem donc Sant’Antòni abo la gleisaa parroquiala de l’Immacolada Concepcion, Sant Jusèp, Sand’Andrea abo sa chapèla dediaa al sant e ornaa da los frescs dal ‘400, Bacon, Champ Reond, Maison e Verger.
Vèrs la Cima Quatre Dents (2106 m), passat las granjas Rigaud (1450 m), la se pòl crosear un’òbra de grand interès, le “Pertus” de Colombano Roméan. Se tracta d’un canal de mai o menc 500 mètres chavat dins la ròcha realizat completament dau minador Colombano Roméan que a trabalhat sèt ans (1526-1533) per portar a la fins l’encharge qu’avia agut da la comunitat de Ceu (Ensilha) e dels Ramats. Le canal a permetut de prene las aigas dau riu Toulles que cola dau glacier de l’Anhèl, sus l’autre pendent, e las portar al pendent eissuit de Chaumont e Ensilha.
L’ancian vilatge, já testimoniat ental 739 coma Camundis dins le testament de Abbone relatiu a la fondacion de l’Abadia de Novalèisa, devaria prene son nom da la forma Caput montis o moncium, que clarzis ben l’origina (1). Chaumont aul es estat per ben quatre sècles la bòina dau Daufinat quand fasia partia dels Escartons fins au Tractat d’Utrecht dau 1713 ente a passat a los Savòia. Le país garda visinança socio-culturalas e artisticas abo las tèrras dau velh delfinat e n’es exemple la lenga de tipe occitan que ven encara ben anobraa ben que los joves utilizen mai que tot le piemontés e l’italian.


(1) Riferiment en Ivi, p. 204.