Enti in rete L.482/99   

Gli alpini di Chiomonte

Los alpins de Chaomont

di Silvano Ollivier

Gli alpini di Chiomonte
italiano Per comprendere cosa sono gli "alpini" a Chiomonte occorre un piccolo tracciato storico. L'A.N.A è un'associazione d'arma. Il corpo degli Alpini nasce nel 1872 su idea del gen. Perucchetti che suggerisce per la difesa dei confini sulle Alpi il reclutamento di giovani delle vallate alpine, avvezzi alla rude vita in montagna, copiando così quanto ideò Carlo Emanuele III re di Sardegna coi soldati delle valli.
Gli anni passano e nelle due guerre mondiali gli alpini danno prova di grande attaccamento alla patria. Questo spirito si tramanda negli anni sino ai giovani dei nostri giorni che rivedono nei loro padri e nonni una tradizione di altruismo e generosità da ricopiare e farne quasi uno stile di vita.Nel 1919 nasce così l'Associazione Nazionale Alpini. I valori accennati si tramandano con racconti, libri di storia, ma possono riassumersi nei tipici canti Alpini. Ma gli alpini sentono il bisogno di stare insieme e sono inguaribili festaioli; questo patrimonio d'arte popolare tramandato sino ad oggi si inserisce nel grande quadro delle manifestazioni canore corali e viene ripreso ad ogni convegno, riunione, adunata, festa popolare, spesso accompagnato da buoni bicchieri di vino.
Ma se gli alpini di ieri sono nati per la difesa dei confini, quelli di oggi, dedicati soprattutto nelle missioni di pace all'estero stanno dimostrando la stessa tenacia e solidarietà propria del corpo nato alla fine dell'800. Gli alpini in congedo però non sono solo canto e feste. Nel 1976 il terremoto in Friuli distrugge gran parte del territorio. Gli alpini (anche congedati vengono sempre definiti alpini) corrono in soccorso alla popolazione regalando 108.000 giorni di lavoro.
Da allora è un susseguirsi di interventi per le calamità che purtroppo capitano. Nasce così all'interno dell'associazione la Protezione Civile. L'alpino soldato si è trasformato così in combattente della protezione civile.
Il Gruppo di Chiomonte vanta un corposo intervento nell'alluvione che ha colpito Alessandria.
La sede che prima occupava un piccolo vano, viene ampliata per permettere una maggiore collocazione logistica. Il comune collabora in queste iniziative di salvaguardia del territorio concedendo in comodato i locali. Gli alpini peraltro rispondono con numerosi interventi di collaborazione. Vengono così recuperate e restaurate due cappelle votive, consolidata la chiesetta della frazione san Lorenzo, ripristinato il canale dell'acqua alla Ramat e tanti altri interventi minori. Il gruppo si attrezza per tutto questo e per dare un servizio alla comunità oltre all'acquisto di attrezzatura varia utilizzata per interventi di protezione civile, si attrezza per l'organizzazione di feste comunitarie. Attualmente il gruppo è in grado di fornire pasti per oltre 4-500 persone. L'attrezzatura viene stipata nello scantinato del comune mentre il locali della sede sono stati strutturati in modo polivalente:. da sede sociale per incontri dei soci, a locale per ospitare oltre 70 commensali. Tutti gli anni infatti è ormai tradizione del gruppo invitare gli anziani del paese ed offrire loro un pranzo interamente preparato dai soci. Sporadicamente poi i locali vengono utilizzati per le feste sociali. In occasione poi delle olimpiadi, la sede è stata ulteriormente ampliata attrezzandola per dormitorio con doccia e servizi. Questo permetterà in futuro l'ospitalità di emergenze sociali.
La sopravvivenza economica del gruppo avviene con le quote sociali, con donazioni ma soprattutto con l'attività dei servizi svolti. Ogni anno infatti il gruppo organizza il pranzo della festa al pian del Frais che in caso di bel tempo permette di rimpinguare la cassa.
L'intervista in patois a Ricu pilastro degli alpini di Chiomonte ed al sindaco alpino evidenzia questi ruoli di sensibilità verso la comunità e la soddisfazione dell'amministrazione comunale, che ben volentieri ospita gli Alpini, conscia del servizio che il Comune ne riceve.
Il lavoro impegnativo che ogni volta gli alpini fanno si conclude coi canti. Forse in modo un po' retorico si può affermare che gli alpini cantano così per la stessa ragione per la quale così hanno sempre saputo vivere e resistere fino a morire: con quel loro inimitabile, semplice modo d'essere uomini.
occitan Per comprene çò que son los "alpins" a Chaumont chal un pichòt traçat istoric. L'ANA es una associacion d'arma. Lo còrp de los Alpins nais ental 1872 sus l'idea do gen. Perucchetti de reclutar per la defensa di confins de las Alps los joves de las valadas alpinas, acostumats a la ruda vita d'la montanha, en copiant parier çò qu'avia ideat Carl Emanuel III rei de Sardenha bo los soldats de las valadas.
Los ans passon e durant las doas guèrras mondialas los alpins donon pròva d'un gròs estachament a la patria. Aquel esperit se passa dins los ans fins aus joves d'encuei que veon dins lors reires una tradicion d'altruisme e de generositat da imitar dins la vita. Com aquò ental 1919 nais l'Associazione Nazionale Alpini. Las valors dichas derant se tramandon bo de contes, de libres d'istòria, mas se pòlon resumir dins los tipics chants dos alpins. Mas los alpins senton manca d'estar ensem e son d'ingaribles festaires; aquel patrimòni d'art populara tramandat fins encuei se vai butar entre las grandas manifestacions canòras coralas e ven repilhat a chasque convenh, reünion, acamp, fèsta populara, acompanhat sovent da de bòns veires de vin.
Mas se los alpins d'ier son naissuts per aparar los confins, aqueli d'encuei, mandats sobretot dins las missions de patz a l'estrangier son en chamin a demostrar la mesma tenàcia e solidarietat pròpria do còrp naissut a la fin de l'800. Los alpins en conged totun son pas masque chant e fèstas. Ental 1976 lo tèrra-tremo en Friul destrui la granda part do territòri. Los alpins (decò congedats venon sempre sonats alpins) corron en secors a la populacion en regalant 108.000 jorns de travalh.
Despuei, es un contunh d'intervents per las calamitats que malaürosament encapiton. Com aquò dedins l'associacion nais la Proteccion Civila. L'alpin soldat es vengut parier lo combatent de la proteccion civila.
Lo Grop de Chaumont pòl blagar d'un gròs intervent dins l'alluvion qu'a colpit Alessandria.
Lo sèti, que derant ocupava un pichòt canton, ven ampliat per donar una melhora collocacion logistica. La Comuna partecipa an aquestas iniciativas de salvagàrdia do territòri prestant en comodat los locals. Los alpins de lor cant donon lor collaboracion; parelh venon restauraas doas chapèlas votivas e consolidaa la pichòta gleisa de Sant Laurenç, restablia la bealera a la Ramat e d'autri intervents minors. Lo grop s'equipa per tot aquò e per donar un servici a la comunitat: en mai de l'achat de vàrias aisinas per d'intervents de proteccion civila, s'atreça per organizar de fèstas comunitàrias. Encuei lo grop pòl fornir de minjar a mai de 4-500 personas. L'atreçadura ven amassaa dins lo desbaraç d'la Comuna mentre los autri locals son estats rebutats per diferents usatges: da sèti social per d'encòntres do sòcis a local per ospitar de cinas per mai de 70 personas. Tuchi los ans es vengua tradicion do grop d'envidar los ancians do país per lor ofrir un disnar tot preparat dals sòcis. De còps los locals venon adobrats per las fèstas socialas. En ocasion d'las olimpiadas, puei, lo sèti es estat encà mai ampliat l'atreçant bo de dochas e de servicis. Aquò servirè dins l'avenir per d'emergenças socialas.
La sobrevivença economica do grop se passa a travèrs de quòtas socialas, de donacions mas sustot bo los servicis renduts. Chasque an lo grop organiza lo disnar de fèsta al Plan del Frais que se lo temp es bèl permet d'enrichir la caissa.
L'entrevista en patuà a Rico, pilastre de los alpins de Chaumont, e al Cònse evidéncia aquilhi ròtles de sensibilitat vèrs la comunitat e la satisfaccion de l'administracion comunala qu'ospita ben volentier los alpins, conscienta do servici que la Comuna ne recèp.
Lo travalh impenhatiu que chasque còp fan los alpins fenís bo los chants. Benlèu en maniera un pauc retorica se pòl afermar que los alpins chanton parelh perque parelh an totjorn sabut viure e resíster fins a murir: bo aquela lor maniera simpla, inimitabla d'èsser òmes.