Enti in rete L.482/99   

Barge

Barge

Barge
italiano Capoluogo della Valle Infernotto, Barge è situata a 363 metri di altitudine ed ha una popolazione di quasi 8.000 abitanti; le frazioni principali sono Crocera, San Martino e Mondarello. Il toponimo Barge, molto raro, risalirebbe al preromano Barga, altura, da cui successivamente baita, insediamento.
Il paese, con secoli di storia, è suddiviso in tre borghi principali, Borgo Vecchio, Borgo Inferiore e Borgo Superiore o Villa, ed un tempo era fortificato da due castelli: la Rocca e, con ruderi meglio conservati, il Castello Sottano. Barge, incluso prima nella Contea Franca di Torino, cadde successivamente sotto l’influenza del Marchesato di Saluzzo; passato ai Savoia nel 1363, entrò poi nel Principato d’Acaja e quindi in quello del Piemonte.
Monumento d’eccellenza di Barge è la certosa del Mombracco o Trappa, convento fondato dai Certosini nel XII secolo che raggiunse il suo massimo splendore nel Quattrocento. Dalle remote origini, con affreschi del XV secolo, è anche la chiesa rupestre della Madonna della Rocca. San Giovanni Battista, patrono di Barge celebrato la quarta domenica di luglio, è il santo a cui è intitolata la chiesa parrocchiale, opera settecentesca dell’architetto Francesco Gallo, nella quale è presente un fonte battesimale gotico dei fratelli Zabreri, e che conserva il campanile romanico a sette piani.
In paese, in un’area verde pubblica, è sito il Museo Civico d’Arte Contemporanea Aperto realizzato en plein air, mentre nella parte alta del territorio di località Torriana vi è il museo etnografico La Brünëtta in cui si trova una raccolta di pezzi legati al lavoro contadino e a professioni artigianali di un tempo.
Barge è un comune prevalentemente agricolo; tra i prodotti tipici la Mela Renetta grigia di Torriana. Oltre al settore agricolo, di rilevante importanza è l’estrazione della pietra “bargiolina”, spesso conosciuta come quarzite e nota già a Leonardo da Vinci nel 1511.
occitan Cap luòc de la Val Enfernòt, Barge es plaçaa a 363 metres d’autessa e a una popolacion d’esquasi 8.000 abitants; las fracions principalas son Crotziera, Sant Martin e Mondarel. Lo topònim Barge, ben rar, remontaria al preroman Barga, bric, d’ente ven decò baita, ensediament.
Lo paìs, emè secles d’istòria, es dividut en tres borgs principals, Borg Vielh, Borg Sotan e Borg Sobeiran o Vila, e un bòt era fortificat da dui chastèls: la Ròca e, encuei mielh conservat, lo Chastèl Sotan. Barge, que drant fasia part de la Contea Franca de Turin, tomba puei sot l’enfluença del Marquesat de Saluces; passat ai Savòia ental 1363, intra puei ental Principat d’Acaja e puei ent’aquel del Piemont.
Monument principal de Barge es la certosa del Mont Brac o Trapa, convent fondat dai Certosins ental XII secle e que florìs ental Quatre Cents. Ben antica, emè frescs del XV secle, es decò la gleisa en la ròcha de la Madòna de la Ròca. Sant Joan Baptista, patròn de Barge celebrat la quarta diamenja de lulh, es lo sant titolar de la gleisa parroquiala, òbra del Set Cents de l’arquitect Francesco Gallo, ente es present un font baptesimal gòtic di fraires Zabriers, e que garda lo cloquier romanic a set plans.
En paìs, ent’un jardin public, se tròba lo Musèu Civic d’Art Contemporanea Dubert, realizat en plein air, e en la part auta de la localitat Torriana lhi a lo musèu etnografic La Bruneta ente se tròba una racòlta d’aisinas del trabalh de la campanha e de professions artisanalas d’un bòt.
Barge es una comuna sustot agricola; entre lhi produchs tipics lhi a la Poma ravè grisa de Torriana. Ben importanta es l’extraccion de la peira “barjolina”, dicha sovent quarzite e conoissua jà da Leonardo da Vinci ental 1511.