Enti in rete L.482/99   

Aisone

Aison

Aisone
italiano Posto a 834 metri di altitudine a metà della valle Stura di Demonte, il comune di 250 abitanti sorge su una rovina morenica ai piedi di imponenti rocce calcaree che formano grandi cenge, ricoperte di pini e larici, e ampie grotte; qui avrebbero avuto luogo i primi insediamenti umani della Valle Stura, risalenti al neolitico.
Aisone comprende le frazioni Forani, Lucerne, Lavoire e San Giuseppe, e da numerose località di case sparse, oggi spesso disabitate: Gravers, Pirone, Occhie, San Grato, Cordetta, Burat, Talinon, Valeri, Morra, Bosu. Il toponimo deriverebbe da issaor, ovvero pozza d'acqua in cui veniva fatta macerare la canapa, in riferimento ad una coltivazione e lavorazione qui praticata sin al Novecento.
Fondato verso il Mille, Aisone è tra i più antichi villaggi della valle: nominato nel 1165 con Demonte tra i possedimenti dei Procardi e Berardi e poi nell’investitura del 1197, fu sotto gli Aleramici Marchesi di Busca e Conti di Loreto fin dal secolo XI. Nel 1183 fu ceduto a Manfredo II Marchese di Saluzzo, quindi riscattato e ceduto al marchese di Monferrato Bonifacio che lo diede a sua volta al figlioccio Bonifacio Marchese di Saluzzo. Conquistato da Carlo I d’Angiò nel 1259 e nel 1265, nel 1284 tornò ai Marchesi di Saluzzo, ai quali però fu nuovamente tolto da Carlo II d’Angiò (1305).
I marchesi di Saluzzo, che ne ritornarono in possesso nel 1347, lo concessero in feudo il 10 agosto 1361 alla Comunità di Aisone, alla quale rimase fino al 1606, anno in cui passò ai Savoia; seguirono numerosi passaggi tra piccoli signorotti, i Forno da Modena, Vittorio Amedeo Tesauro ed infine Carlo Gabriele Borgarelli.
Per la sua posizione esposta a mezzogiorno, sin dall’antichità ad Aisone veniva coltivata la vite, e l’economia locale si basava su agricoltura, specie della patata, ed allevamento ovino e bovino: oggi a questi si affianca la coltivazione specializzata di piccoli frutti e l'attività turistica legata all’escursionismo e allo sci di fondo.
Il suo abitato è dominato dalla guglia del campanile del XIV secolo con monofore e bifore e dal portico della Parrocchiale della Natività di Maria Santissima. La chiesa romanica eretta dai benedettini intorno al 1200, già ricordata in atti del 1240 e 1328, resistette agli incendi del paese da parte degli Angioini nel 1335, ma fu distrutta dalle armate francesi e spagnole nel 1744. Ricostruita su quelle rovine dal 1775, oggi conserva un fonte battesimale ottagonale datato 1441 della bottega dei fratelli Zabreri di San Damiano Macra, e una croce processionale del XVI secolo. Ad Aisone sorgono i resti di un antico ponte - acquedotto medievale con ampie arcate in pietra, che portava l'acqua alla Morra di Aisone dove era in funzione un mulino: qui sono stati rinvenuti resti di una presenza umana risalente al Neolitico. Più recenti ma interessanti le abitazioni rurali del vallone di Rio Borbone, che conservano i tetti in paglia di segale, tipologia costruttiva tipica della valle, tra i pochi scampati nel 1744 e 1888 a due catastrofici incendi, e il moderno ma imponente muraglione di sostegno costruito a partire dagli anni ’30 per difendere il paese dall’erosione, e specie dopo la grave alluvione del 1956.
Aisone, col vallone della Valletta, fa parte del Parco delle Alpi Marittime, che comprende parte delle vicine valli Gesso e Vermenagna: sul suo territorio si trovano anche due laghi, il Sottano e il Soprano della Valletta.
occitan Plaçaa a 834 metres a meitat d’la Val d’Estura de Demont, la comuna de 250 abitants es naissua sus una rocha morenica ai pè de grandas ròchas calcareas que formen larjas cornís cubèrtas de pins e melzes e grandas trunas; aicì se serien trobats lhi premiers rests umans en Val d’Estura, del neolitic.
Aison es formaa da las ruaas Forans, Lucernas, Lavaoiras e Sant Jusep, e da nombrosas maisons esparpalhaas e encuei sovent desabitaas: Gravers, Piron, Ocha, San Grat, Cordeta, Burat, Talinon, Valeri, Morra, Bòso.
Lo topònim venaria da issaor, bachás d’aiga ente se fasia marçar lo charbo, per la coltivacion e transformacion que se fasia aicì fins al Nòu Cents.
Fondat vers l’an Mila, Aison es un di mai antics vilatges de la valada: nominat ental 1165 emè Demont entre lhi avers di Procardi e Berardi e après en l’envestidura del 1197, es sot lhi Aleramics Marqués de Busca e Conts de Loreto despuèi lo sècle XI. Ental 1183 es cedut a Manfred II Marqués de Saluces, puèi rescatat e cedut al marqués de Montferrat Bonifaci que lo dona al filhóç Bonifaci Marqués de Saluces. Conquistat da Carlo I d’Angiò ental 1259 e 1265, ental 1284 torna ai Marqués de Saluces, ai quals ven mai gavat da Carlo II d’Angiò (1305).
Lhi marqués de Saluces, que lo repilhen ental 1347, l’enfeuden lo 10 d’avost 1361 a la Comunitat d’Aison, que lo ten fins al 1606, quora passa ai Savòia; après passa diferents viatges entre pichòts senhoròts, lhi Forno da Modena, Vittorio Amedeo Tesauro e Carlo Gabriele Borgarelli.
Per sa posicion a l’adrech, jà ental passat a Aison eren coltivaas las vinhas, e l’economia locala se fondava sus agricoltura, sustot bòdis, e enlevament de feas e vachas: encuei s’es començaa la coltivacion especializaa de pichòts fruchs e l'activitat toristica liaa a las promenadas e a l’esquì nòrdic.
Son vilatge es dominat da la poncha del cloquier del sècle XIV emè monòforas e biforas e dal pòrtic de la Parroquiala de la Nativitat de Maria Santissima. La glèisa romanica construía dai benedetins vers lo 1200, jà recordaa en actes del 1240 e 1328, avia resistut a lhi encendis del país da part de lhi Anjovins ental 1335, mas ven destrucha da las armaas francesas e espanhòlas ental 1744. Ven reconstruía sus aquelas roinas despuei lo 1775, e garda un fònt baptesimal datat 1441 di Zabriers de Sant Damian, e una crotz da procession del XVI sècle. Da navisar decò lhi rests d’un antic pont - aigaduch medieval da las grandas arcaas en peira, que portava l'aiga a la Morra d’Aison ente lhi avia un molin: aicì son estats retrobats lhi senhs d’una presença umana que remonta al Neolitic. Mai recentas mas interessantas las maisons del valon del Riu Borbon, emè lhi cubèrts en palha de sèel, tipologia tipica d’la valada, entre lhi gaires que se sien salvats ental 1744 e 1888 da dui catastròfics encendis, e lo modèrn mas imponent muralhon de sostenh realizat despuei lhi ans ’30 per defendre lo país da l’erosion, e sustot après la granda aluvion del 1956.
Aison, emè lo valon de la Valèta, fai part del Parc des Alps Maritimas, que compren part des valadas Ges e Vermenanha: sus son territòri se tròben decò dui lacs, lo Sotan e lo Sobeiran de la Valèta.