Web-TV    A temp de lengas: occitano, francoprovenzale e walser

autore: Mans de Breish

Lo cusson / Il tarlo

la socha - Lo Cusson.mp3

"Lo cusson (Mans de Breish)Dins l'aiga de ta bocaAi begut a l'amor.A l'ombra de ta socaAi colcat un ""totjorn"".S'èri poèta e se m'aimavesAital seriá nòstra cançon.Mas siás de fusta dins mos bracesE trauca, trauca lo cusson.Al flume de ton pèlAi negat ma rason.Ai daissat lo tropèlPer seguir ta sason.E puèi me soi penjatAl negre de tos uèlhs.La sason a cambiatPer un autre solelh.Las raras de ton còsM'an donat un país.La jòia de mon sòrtMe trapa mai que ric.D'autras causas encaraMe viran l'esperit.Mas çò que ne son araAquò es pas escrit."/All'acqua della tua boccaHo bevuto all'amore.All'ombra del tuo ceppoHo sdraiato un "sempre".Se fossi stato poeta e tu mi avessi amatoCosì sarebbe stata la nostra canzone.Ma sei di legno nelle mie bracciaE il tarlo buca, buca.Al fiume dei tuoi capelliHo annegato la mia ragione.Ho abbandonato il greggePer seguire la tua stagione.Poi mi sono aggrappatoal nero dei tuoi occhi.La stagione è cambiataPer un altro sole.I bagliori del tuo corpo Mi hanno dato un paese.La gioia della mia sorteMi trova ricchissimo.Altre cose ancoraTurbano il mio spirito.Ma del presenteNulla è scritto.

nei canali: Musica e canti

negli argomenti: Musica dell'Occitania Granda - Archivio