Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

Lou segrèt at Tino e Clòmp

Il segeto di Tino e Colombo

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: fiaba

Grafia testo: personale

Fonte: “Una Fiaba per la montagna” Selezione delle migliori fiabe in concorso al 1º Premio Letterario Nazionale Enrico Trione

Data Pubblicazione: 2002

Autore: Silvia Amore

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Pont Canavese

franco-provenzale

Silvia Amore (Pont Canavese - To)

 Classificato - Sezione Francoprovenzale

Da menà i ei fèt par in poc d'an l'ahpatchacamèn. Ant tsi ten i ahtaou ant ina bourgà lègn que tuti a doumadàn "al cà". A virèt, a la nouit, i s trouinou ant ou bèou e lou pò ou në couaintaout d'ahtorie. Nouzaouti menà i së divertisàn a senti­lou. Inà nouit i ei dèt aou pò que i erou djà trò grò pour laourà come ahpatchacamèn. Mia mama a volaout mandeme da ën ruga at Loucana qu'a fercaout ouèn, ma guidjce'i voulaou alè al batuè at tcheisi dou Rai. A dizant qu'a fercaout at bateur e a li pagaout ben. Mentre i dvizinou at tsal tchoze aou pò a y eht venù an ment ina htoria nova.

Tant ten fèt a vivaout si alp lègn da se, in menà at nom Tino. Souvent con lou grap arruvaout ai prà pi aout.

In djèr, arruvà ant in prà doumandà Pian Marmottin, a y at trouvà in òm Salvatic grent e grò, con ina barba londji e i pel dret, at nom Barivel. A i avaout in grap at tchivre bèle e a vinaout mai djù perquè i aouti òm lou mandant via,ma lou menà adaziòt a s i eht fèt amì enserna.

A i ant pasà tat l'istà sou prà. In djèr, arrouà a Pian Marmottin ina drola creatura: a i ert Ef lou foulèt, feyi dla Feia di bousc, qu'a prouvaout par amparé al sève mahquerìe. Cante qu'a i at aviù Tino e l'Om Salvatic, a stà hpaventà, ma siti a l’ant subit calmà. Lou foulèt a eht ahtà countent e par arpaguèi a i at cambià par in moument l'Om Salvatic ant in aouzel. Sitsè a i at fèt in volou aou viròn e tòt countent a i a dèt "I më sentissaou alvèt come ën clòmp". "Alèvra , i t doumadrèn pieut Om Salva­tic, arà qui t'a doui ami i të doumandrèn Clomp" a i at dèt Tino.

Na nouit, i doui berdjé alando a farqué na tchivretta qu'a i ert gnën tournaie ant ou grap, a i ërount alà fena aou Pian dal Masque. A i ert in pòht poc sicur,parqué pousaount trouvér car­cun: a i ant sentù in vers, a së sont piatà dré d'in ròc e a i ant aviù rouvé ina masca con un pareu at lafé roubà quisà ëndoua. La Masca, roiando antlou pareu, a i at barboutà carque tchoza fina que lou lafé a l’eht venù dur; ma en tsi moument a i at sentù lou fiaa at si doui, a i at aviù e së butà a braìr paré "Arà qui sii lou men segret, i ou tchahtieré". Lou menà e lou grant a sont ahcapà a tchambe alvaie, ma la Masca a i at tchapà aou Pian Marmottin e a ia dèt à léou:

* "Toei gròs fitchibèc vindarés fésòis tou dë ròc sté m' en dèr. Toei guitii brudjàn vindarès sté m' ar tchivres vet grosses hornes qui creseront tsempi pus grosses . Toei pudarés gnent mnà uoà soeddoula e t virerés par tsempi dantle piènes e ploe pouentes soul soulentou. Li òmt dla valada u i të naront ouà cassi neinfincs a la foegn".

Par farmè sa masquerì, lou grent Clòmp a i at prei la Masca par al man. Ma la masquerì rmai a i ert antchiminai e quil a së sentù dë ròc. Alèvra a la lasìa deroutchìe vers lou lac, tchapandola però a i avaout pasà in po' dla sèva masquerì,paré la Masca a l'ferneta ant in ròc ant ou mef dou lac. La maten dopou,lou foulet Ef a l'eht tournà aou Pian Marmotin ma i at aviù pìën, mac na grossa mountègni e na behti nèiri. Lou manté a i ert ahcur ,lou midem dou couléour dl'erba d'outan, sa tehta a i avaout daou come curve a l'andré e lou bacaout con i eui djaouno. L'Om Salvatic, Clòmp, e i ert cambià int ina mountègni e lou djòno bardjé Tino ant in ahtambèc!

Lou foulèt a tchiminà da sa mà la Faia par couanteie san qu'i avoaut aviù e quii a i at dèt .

** "Nozaouti que ne cognessen la fizica , ne sen que ent una noit dl’ans le behtie, apré avei mindjià na fiéu que vente troà, i polont parlà pe na bona briva. Ne doén menà l'ahtambèc daréu qui creit sa fiéu iquì e fària mindjìe ,paré o se dizeret sen qu'o s'eht passà".

Lou fouleèt Ef ,alèvra. qu'a cougnissaout i parpaiòn a i at doumandà e a i at dèt:

** "Parpaiole, avyiè,e tuite vozaoute bòie que volade cahteide a méh die fiéu cala qui fait parlà tuite le behtie".

I parpaiòn a i an trouà lèn la fièou anfonf a ën pian andoua a i ert in grent pizòn; tournà da ou foulet a i ant fèt capì andoua qu'a i èrt. Ant a nouit qu'a dizaout la Faia, quiyi e lou foulèt a i ant pourtà l'ahtambèc a mindjìe al fiéou; come qu'a i at avuvè mindjìa a i at dèt:

"Seu guidjoe', Tino, la Masca a i at fèt la masquerì contra at mè e Clòmp".

Paré a i at couantà tota la htòria con tòtte al tchoze. Alèvra,la Faia a i at dèt:

** "O y eht de fizique grame, ma o n 'y eht avoi de slé bone, la Mahca i a gnin dit que te seré liber mahquè en contiando tia htòria, t'a qu'allà daréu qui t'a fait la fizica e, acanque lo seròi o se leveret, te tor­neré un òm. Ma Colomp, quee, o durmeit encò sòt a lo mont e pe devei­lo o li voderet vairo de ten. Guidjò m'en voi dinte mia barma,e lai dje vihterè fint acant que dj’ aré capì sen que fare pe ton amis qu'o l'eht devenu un mont, ma doant dje vé mohtà a i òm me qu'o se fait a fare lo magno".

Lo min pò a i at ahpiegà: "Arà i òm a sant a fere la toma, a gli at moustà la Faia que d'alèvra a ferquet incora la mahquerì bouna par lubré lou grò e gneun a l'at aviuva. Par sandiquì a i eht incora lo Mont Clòmp e antou Lac Lazin a i eht incora n'i­zoulòt e la Masca qu'eht cambiai ent in ròc".

A i ert tèrt e i ert èvra d’alé dourmì, sen surtì daou bèou e alando vèrs varcà i pansaou:

"In djer lou min lavar a srèt sempre tra sal mountègne sé, senfa alemnà mai".

Testo in 3 varianti di francoprovenzale, che corrispondono ai luoghi di provenienza dei

vari personaggi creati dall'autrice: i paragrafi contraddistinti con * sono in noaschino,

quelli preceduti da ** sono in valsoanino, la parte principale e in ribordonese. Per la

trascrizione e stata utilizzata la grafia del Centre d' etudes francoprovencales Rene

Willien di Saint Nicolas (Valle d'Aosta ) con alcuni adattamenti.

Note utili per la comprensione del testo:

eu, oe, ou, u: come in francese

o = o chiusa - o = a aperta (se 6 si trova in finale di parola non si mette l'accento, salvo

nel caso in cui sia tonico)

ch come in francese

qu +i oppure +e, gu+i oppure +e: come in francese

tch = "c" di cielo

z = "s" di rosa

Traduzione della fiaba di Silvia Amore in collaborazione di Effepi, associazione di studi e di ricerche francoprovenzali.

italiano

Da ragazzo ho fatto per un po' di anni lo spazzacamino. In quell'epoca abitavo in una borgata lontana che tutti chia­mavano "le case". A volte la sera ci ritrovavamo nella stalla e mio nonno ci raccontava delle storie: noi ragazzi ci divertivamo a sentirlo.

Una sera dissi al nonno che ero già troppo grande per lavo­rare come spazzacamino: mia madre voleva mandarmi da un "magnin" di Locana che cercava un garzone, ma io volevo par­tecipare alle battute di caccia del Re, dicevano che cercava dei battitori e li pagava bene.

Mentre parlavamo di queste cose, al nonno venne in mente una storia nuova.

"Molto tempo fa, viveva su un'alpe lontana da qui, un ragazzo di nome Tino. Spesso con il gregge si spingeva fino ai pascoli più alti. Un giorno arrivò ad un prato chiamato Pian Marmottin: lì trovò un Uomo Selvatico grande e grosso, con una folta barba e capelli ispidi, di nome Barivèl. Possedeva un gregge di capre bellissime e non scendeva mai in basso perché gli altri uomini lo schernivano e lo scacciavano, ma il ragazzo pian piano riuscì a fare amicizia con lui. Passarono insieme tutta l'estate su quel pascolo.

Un giorno arrivò a Pian Marmottin una strana creatura: era Ef il folletto, figlio della Faja dei boschi, il quale si esercitava per imparare le sue magie. Quando vide Tino e l'uomo selvatico si spaventò ma questi subito lo tranquillizzarono.

II Folletto fu felice di quell'accoglienza e per ricompensarli trasformò per un momento l'uomo selvatico in uccello. Questi fece un volo lì intorno e poi tutto contento gli disse "Mi sentivo leggero come un colombo!!”

"Allora non ti chiameremo più Uomo selvatico! Ora che hai due amici ti chiameremo Colomb".

Una notte, i due pastori andando a cercare una capretta che non era tornata nel gregge, si spinsero fino al Pian delle Masche. Era un posto poco sicuro, perché potevano fare qualche strano incontro: infatti sentirono un rumore, si nascosero dietro a un sasso e videro arrivare una Masca con un paiolo di latte, rubato chissà dove.

La Masca, rimestando nel paiolo, recitò alcune formule magiche finche il latte cominciò a diventare solido, ma in quel momento fiutò l'odore dei due intrusi , li scoprì e gridò: " Ora che sapete il mio segreto vi punirò!!".

II ragazzo e il gigante fuggirono a gambe levate ma la Masca li raggiunse a Pian Marmottin e disse rivolta a loro: "Tu grosso ficcanaso, sarai trasformato in una montagna di pietra. Tu piccolo insolente assumerai sembianze caprine, con enormi corna che cresceranno sempre più. Non potrai più parlare e vagherai per sempre da solo . Gli umani della valle ti daranno la caccia senza fine...".

Per fermare quella terribile magia, il gigante Colomb prese la Masca per le mani. Ma l'incantesimo era ormai incominciato e lui si sentì pietrificare: allora la lasciò cadere verso la conca sot­tostante dove c'era un laghetto.

Afferrandola però, le aveva trasmesso un po' del suo stesso maleficio: così la Masca finì, trasformata in un macigno, in mezzo al lago.

II mattino dopo il piccolo folletto Ef tornò al Pian Marmottin ma non vide più nessuno, solo una nuova grandissi­ma montagna e un animale molto strano. Il mantello era bruno uniforme, dello stesso colore dell'erba d'autunno, sulla testa portava due corna gibbose ricurve all'indietro e lo guardava con occhi gialli.

L'uomo selvatico Colomb era stato trasformato in un monte e il giovane pastore Tino in uno stambecco.

II follettino corse da sua mamma, la Faja, per raccontarle ciò che aveva visto e lei disse: "Noi creature magiche, sappiamo che c'è una notte nell'anno in cui gli animali, dopo aver mangiato un certo fiore, possono parlare con noi per poco tempo. Dobbiamo portare l'animale a mangiare quest'erba così ci spiegherà cosa è successo".

Il folletto Ef allora, che conosceva gli insetti, li chiamò e disse: "Farfalle, api che abitate queste valli, tutto il piccolo popo­lo che vola, cercate tra i fiori fin a trovar quello che fa parlare tutti".

Gli insetti trovarono presto il fiore, al fondo di un pianoro dove sgorgava una grande cascata; tornati dal folletto gli fecero capire dove si trovava.

Nella notte speciale che la Faja conosceva, le due creature magiche portarono lo stambecco a mangiare i fiori; come li ebbe mangiati disse: "Sono io Tina! La Masca ha compiuto un malefi­cio contro di me e Colomb!!". "Così racconto tutta la storia con molti particolari.

Allora la Faja disse: "Per ogni magia cattiva ne trovi una buona: la Masca non ha detto che solamente raccontando la tua storia ti saresti liberato, perciò ti basterà tornare dove essa ti aveva colpito dalla fisica e al sorgere del sole potrai riprendere l'aspetto umano. Ma per quanto riguarda Colomb, è ancora addormentato sotto la montagna e per svegliarlo ci vorrà molto tempo! Io mi ritirerò nella mia grotta, finché avrò trovato una magia buona per liberare il tuo amico diventato un monte ... ma prima insegnerò agli uomini il segreto per trasformare il latte ".

"Infatti spiegò mio nonno ora gli uomini sanno fare il formaggio: glielo ha insegnato la Faja".

Ma da allora sta ancora cercando la magia buona per libe­rare il gigante e nessuno l'ha più vista. Ecco perché oggi c'è ancora il Monte Colombo e nel lago Lazin c'e un isolotto, a la Masca trasformata in macigno.

Si era fatto tardi, era ora di andare a dormire. Uscimmo dalla stalla e andando verso casa, pensavo: "Un giorno il mio mestiere sarà sempre tra queste montagne, senza andarmene mai".