Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

La zleggi

Lo slittino

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: personale

Data Pubblicazione: 2005

Autore: Ivan Bianco Levrin

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Ronco Canavese

franco-provenzale

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese - To)

1° Classificato - Premio Provincia di Torino

Lou seroi ou s'eret coucìa da pouc canche lou looc Chihtegrose, da la ramma basa dla brenva en riva al lai, ou leve aouta sia veuis: "Piantala ichì da braìer tute enseumbio, ou se capèit pigneunt der tot!".

Le leuire Biffi, Boffi e Baffi i erount fera da 'n tle gràhie per via dli pès del lai che lou courvah ou se pourtave via, e le leuire i savònt pì mè fare.

"Se ne troueun gneunt en pressia na solusioun, neun pì da mingìer" i dit la leuiri Biffi.

"Buteunli de pès de bouhc, parè ou se htoffie e ou vint pì" i rahpound la leuiri Boffi.

Entant ator del lai i s'erount fremàie d'aoute behtie a hcou­tar; lou ciamoss, la vorp dla couà roussà, le ghie dli boussoun, le bèrre Troun e Balèina, e tute i dizevount carchiciouza per hercar da dounar na man, ma gnun i avèit la solusioun bouna.

"Mahchè Felice ou pet aidinne" ou dit lou looc Chihtegrose, "deman li parlo, e vihtadde trancouile che en carche modde ou ne gave da 'n tli pastìs".

Felice al èret en tri amis de tute le behtie chi vihtount ator del lai, e ou mancave mai da pourtar le frize al merlo hop o douè ancioue a le leuire.

Depoui che lou looc Chihtegrose ou li avèit countià del courvah, Felice ou ancaminet a armanaccar, fina a cand ou li fail al looc "và pura da le leuire e dilli che i vihtont trancouile, da deman lou courvah ou le dahtourberèt pì".

L'indeman en sla bèrchia en riva al lai i fazeit sia blà figura na grosa ouii piturai parè bin che i sembiàvet vera, e gnun i ancalavet avizinasse. Me lou courvah ou at fait per desendre en vers l'aivi ou set trouà l'ouii, e da la terlouhci a 'ht alà a dounar na tehtahia tacà al vìei fou. L'ouii i vet... i vet... i vet barbimme!" ou barbèhche lou courvah entant che ou ciampèit pi lehto che ou pet. Le leuire i erount parè countente d'aveila hcampai che i se sount butaie a ciantar e a saoutar en tel lai coun lou tri per tot lou gior.

Euira da tournar ou mazoun Felice ou dit a sie amis: "Per en pouc se veieren pì, ourà ge devo alar en val de Suza, i m'ant demandà per giuier coun la zleggi coun d'aoutri tri, per verra chi chi ruet per prim". E an dizando parè ou salutte coun na man e ou san vat.

Lou looc soueuns ou alavet a verra d'ahcoundoun Felice, e la matin depoui ou se butavet en himà na viei ramma seccì, ou gounfiavet tute le piumme fina a seumbiar en baloun, e poui ou 'ncaminavet: "Mie cari amis ve countio heunche ou fait nouhtro amis Felice; coumme sedde ghigiò ge pè alar logn e aleuira...".

"Chihtegrose, te me seumbie en magihtro de hcoula!" i dit la berra Baleina dehpeteuiza coumme seumpre, "Còuntiene de Felice che ne vouleun savei!".

Aleuira lou looc ou virivet sia tehta da na banda e poui da l'aouta, ma a la fin ou countiavet de Felice e de soun desendre coun la zleggi seumpre pì en pressia, e seumpre tra li pì lehto.

Proppi en tel pieun dl'inver, en ten gior che la nei i avèit couetà tuti li ciamp, lou looc Chihtegrose ou rouet tot agità: "I ant roubà la zleggi a Felice! Venidde mahchè tuti a sentìer!".

"Heunche heunche? Roubà la zleggi?" i fait la leuiri Baffi, "e ourà me che ou fait?".

En te douè menutte tute le behtie i demandavount del tri al looc.

"Proppi parè" ou fait lou looc, "Felice al erèt en treun da fare na gara che i se demàndet Olimpiade, e ou alavèt proppi bin; ou se preparavet per deman, pla gara pì 'mpourtanta, ma ourà al eht rehtà seunsa zleggi!".

"E nouzaoutri n'an fazeun n'aoutra pi blà encò" i fant le berre Troun e Baleina.

"E la fazeun htaneuit!" i giunte la leuiri Biffi.

Detto fatto. Tuti i se buttount a l'opera, le leuire a hercar lou bouhc, a doubialo e a rahchialo, le berre a ruzaìer tò la neuit fina a dounar la fourma a la zleggi, e lou gal dla nèi a luhtrar li patìn da sot coun lou gras de soun portacouà, parè che i alasse pì fòrt de tute i'aoute.

La matin depoui Felice ou creivet gneunt a sie ùei, na zleg­gi neva de trinca che i fuivèt mè l'oura, prounta per l'ultima gara. Fort dla zleggi neva, lou tri ou se fait gneunt gena de i’aou­tri, e parè ou rùet prim!

"Medaglia d'oro per il montanaro Felice" ou se senteit dirè da n'altoparlant, ma Felice ou se boucchet a tor. "Da dareui che i rouèt la zleggi? Chi che i m'lat pourtai?" ou se demandet lou tri, fina a che en himà a la pehì ou veit lou looc Chihtegrose, e aleuira ou capeit tot.

Retournà al lai, Felice ou porte na tourta de ninhoule per fare fehta enseumbio a ghie, berre, ciamoss, leuire, gal e vorp. Da na ramma basa dla brenva lou looc Chihtegrose ou boucchet e ou fait: "Avìzete Felice che canche te fai del bin, douant o depoui lou bin ou te retournet!".

"Bravo Chihtegrose, ma ourà vin giù e cianta coun nou­zaoutri " ou li fait la vorp.

"Chihtegrose, te me seumbie en magihtro de hcoula!" i countinouet la berra Troun, e tuti giù a rire me de mat.

Da n'tleuira tuti i 'an en tel meis de fevrèr, se hcoutadde bin, 'n sla brenva ciargìa de nei apiia al lai ou se senteit lou ciantar aleghèr d'en looc.

italiano

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese - To)

1° Classificato

I1 sole era tramontato da poco quando il gufo Occhigrossi, dal ramo basso del larice in riva al lago, alza forte la sua voce: "Smettetela di gridare tutti insieme, non si capisce proprio più niente!".

Le lontre Biffi, Boffi e Baffi erano arrabbiatissime per via dei pesci del lago che il corvaccio si portava via, e le lontre non sapevano più come reagire.

"Se non troviamo immediatamente una soluzione, non abbiamo più da mangiare" dice la lontra Biffi.

"Mettiamogli dei pesci di legno, così si stufa e non viene più" risponde la lontra Boffi.

Intanto intorno al lago si erano fermati degli altri animali ad ascoltare: il camoscio, la volpe dalla coda rossa, i ghiri dei noccioli, gli scoiattoli Tuono e Fulmine, e tutti dicevano qualcosa per cercare di dare un aiuto, ma nessuno aveva la soluzione giusta.

"Solo Felice ci può aiutare" dice il gufo Occhigrossi, "domani gli parlo, e state tranquille che in qualche modo ci toglie dai pasticci".

Felice era un ragazzo amico di tutti gli animali dei dintorni del lago, e non dimenticava mai di portare le briciole al merlo o due acciu­ghe alle lontre.

Dopo aver sentito del corvaccio dal racconto del gufo Occhigrossi, Felice incomincia a meditare, fino a quando dice al gufo:

"Va pure dalle lontre e di loro che stiano tranquille, da domani il corvaccio non le disturberà più”.

Il giorno dopo sulla grossa pietra in riva al lago faceva la sua bella figura una grossa aquila dipinta così bene che sembrava vera e nessu­no osava avvicinarsi.

Come il corvaccio fa per scendere verso l'acqua si trova davanti all'aquila, e dalla paura va a sbattere la testa contro il vecchio faggio.

"L'aquila vuole... vuole... vuole mangiarmi!" balbetta il corvaccio mentre scappa più in fretta che può.

Le lontre erano così contente di essersi liberate del problema che cantarono con il ragazzo e saltarono nel lago tutto il giorno.

Ora di tornare a casa Felice dice ai suoi amici:

"Per un po' non ci vedremo, adesso devo andare in valle di Susa, mi hanno chiamato per gareggiare con lo slittino con altri ragazzi, per vedere chi arriva per primo".

E dicendo così saluta con una mano e se ne va.

II gufo andava sovente, ma di nascosto, a vedere Felice, e al mat­tino successivo si metteva su un vecchio ramo secco, gonfiava tutte le piume fino a sembrare un pallone, e poi incominciava:

"Miei cari amici vi racconto ciò che fa i1 nostro amico Felice; come sapete io posso andare lontano e allora...".

"Occhigrossi, mi sembri un maestro di scuola!" dice lo scoiattolo Fulmine dispettoso come sempre, "raccontaci di Felice che vogliamo sapere!".

Allora il gufo rigirava la sua testa da una parte e poi dall'altra, ma alla fine raccontava di Felice e del suo scendere con lo slittino sempre più in fretta e sempre tra i più veloci.

Proprio nel pieno dell'inverno, in un giorno in cui la neve aveva ricoperto tutti i campi, i1 gufo Occhigrossi arriva tutto agitato:

"Hanno rubato lo slittino a Felice! Venite tutti a sentire!".

"Cosa cosa? Rubato lo slittino?" interviene la lontra Baffi, "E adesso come fa?".

In due minuti tutti gli animali chiedevano del ragazzo al gufo.

"Proprio così" dice allora il gufo, "Felice sta facendo una gara che si chiama Olimpiade, e andava proprio bene; si stava preparando per domani, per la gara più importante, ma adesso è rimasto senza slittino!".

"E noi ne faremo un altro più bello ancora!" dicono gli scoiattoli Tuono e Fulmine.

"E lo facciarno stanotte! " aggiunge la lontra

Detto fatto. Tutti si mettono all'opera, le lontre a cercare il legno, a curvarlo e a raschiarlo, gli scoiattoli a rosicchiare tutta la notte fino a dare la forma allo slittino, e il gallo delle nevi a lustrare i pattini infe­riori con il grasso della sua ghiandola di coda, in modo che andasse più veloce di tutti gli altri. Il mattino dopo Felice non credeva ai suoi occhi, uno slittino nuovissimo e veloce come il vento, pronto per l'ultima gara. Forte dello slittino nuovo, il ragazzo non si lascia intimorire dagli avversari, e così arriva primo!

"Medaglia d'oro per il Montanaro Felice" si sente dire da un alto­parlante, ma Felice si guarda intorno.

"Da dove arriva lo slittino? Chi me lo ha portato?" si chiede il ragazzo, fino a quando sulla punta del pino vede il gufo Occhigrossi, e allora capisce tutto.

Ritornato al lago, Felice porta una torta di nocciole per fare festa insieme a ghiri, scoiattoli, camosci, lontre, gallo e volpe. Dal ramo basso del larice il gufo Occhigrossi guarda e dice:

"Ricordati Felice che quando fai del bene, prima o poi il bene ti ritorna! ".

"Bravo Occhigrossi, ma adesso vieni giù e canta con noi" gli dice la volpe.

"Occhigrossi, mi sembri un maestro di scuola!" continua lo scoiattolo Tuono, e tutti giù a ridere come dei matti.

Da allora tutti gli anni nel mese di febbraio, se ascoltate bene, sul larice coperto di neve vicino al lago si sente il cantare allegro di un gufo!