Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

La storia dlo Pèro

Pietro

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: grafia utilizzata dal Centro Studi R.Willien di Sant Nicolas con alcuni adattamenti personali

Data Pubblicazione: 2003

Autore: Raimonda Bianco Levrin

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Pertugio (TO)

franco-provenzale

Raimonda Bianco Levrin (Pertusio - To)

1° Classificata - Sezione Francoprovenzale

D’un ten i Alpin qui alavont en gouèra i vihtavon via que­tant ten do mazon.

Le gouère i finivont mai e, ad iadjo, li polà i tornavont pì, o, s'i tornavont, i eront ferì.

Aléura i eront bin vuit da tuiti, i eront d' "eroi"!

Lo Péro o l'eret un de hi-qui.

P'anh e anh o s'eret battù su pé de britchè pélaie e paré drei­te qu'o fazeit peiri alà su per punti.

O l'eret fòrt, o se fazeit valéi e sie superior i l'avont remarcà.

O creivet a hen qu'o fazivet, o fazeit tòt hen qu'i li coman­davont. O l'eret n'òm trancouil, gorègn, de hli qui s'ahpaventont nint dli sacrifihi.

Apré tant ten, orà, per sè tòt o sembiavet mahqué pi un sondjo: lo son dle trombe, li ploton, le compagnie dli polà, le bataie e li sac sòt mé de ròc i eront lògn.

Lo Péro o tornavet o mazon, ma o l'eret ent un ahtat...

Le trile qu'o aveit ados i eront ahtchancaie e mahtinaie, o aveit na gròsa antèsa entlà tchamba senehta.

Ma o l'eret content d'avei servì son Pais e o l'eret fièro dlo grigio-verde" qu'o portavèt.

De hli ten lai, pa tuiti li djono i avont l'onéur d'alà polà! Enfin,o tornavet en te sia Val Soana.

Acanque o l'eret lògn o l'aveit sempe en ment, o la sondjive o en aveit néanhi...

O l'eret aruà o Baouhan qu'o fazeit djà noit e o i eret tòt ahteilà, pròpi entlo moment que la lunà i cornenhivèt a alasent, ahtofa de fare quiar à oloc, cruic, bòie dlo fen e carcavelèt. Tòt d'un colp o a vuit un grò quiar tòt d'entor de sè... Aléura, o s'èht fremà, o sembiavet fulminà.

O at sentì un gran bordel e na véus tremenda qui li dizivet: Frémete, fai gnint un pas depì". Un "bobo" burt qu' o fazeit peiri, tòt pien de pei mé na sum­mia, neiro mé baraino, o li mohtave le dent, o lo lassivet gnint passà. Lo Péro o sla partìa, de nai o i eret lo territòri gouernà da ha behti grama: cali qui s'azardavont a passà de nai,i devont versla ensembio a haiquì. Lo Péro,aléura, o l'eht vihtà frem. O bodjivet gnit un dei e entla ment o continuavet a dirè trei parolè, na "fizica" qu'o aveit emparà quetan ten doant. Entant o aténdivet que he bobo iquì o li demandiset carqui tchoza. Aléura, o i èht aruà pien de nebie neire mé lo tcharbon, o a fait un temporal tremendo con troni e saette da tuite le bande e la lunà i èht alai cotchise. Parè o i eht venù tòt neiro d'entòr a lo Pero, qu'o at possu alassènt sensa ehte vuit da ha burtà behti lai. Lo Péro o ariret bin volù foteli na fruhta, perquè n'Alpin o pé gninte tirise en deré doant à li pericol, ma lo bobo o i eret pì, l'eret tchampì via, o i eret mahqué pì un fiataro... un fià gram,ma gram... O s'eht troà tòt sol, lo Péro, e o sembiavet encantà. Pe sentise deveìa, o at comenhìa a totchìe tòt hen qu'o aveit apré: la gavetta, lo tahcapan e hen qu'o i eret dedinte: en tòc dla "tchoza" qu'o se portavet sempe apr. Ora, o poseit alà avanti. O at continuà sìa vì d'un pas léhto,lendjìer mé na piuma, o voleit gnint perde de ten, o aveit na tchoza emportanta da fare e o doveit farla len. I li avont dit qu'en te sia Val o ieret vihtà na grosa buria: i avont perdù de djent, o se saveit pì que fin i avont fait. L'aivi i aveit portà via vairo mazon, e afina la Banca, darèu quéel o avei butà, ent una cassietà, l'aoutro tòc dla tchoza que son pà, lo Batista, sensa farlo savei a gnuni, o i aveit donà doant da partì en gouèra. Ventavet troà se pore djent perdue, pulì le mazon tòt en ruina, curà hli qu'ihtavont mal, fare coradjo a le djent, cahteìe lo trézòr enfondjìa dinte lo patchòc e la nita.

L'èht propi veira: i Alpin i ant mai finì léu varcan.

Péro o l’eret tòt fiéro de posei fare carqui tchoza pe son paio avoi orà que la gouèra i eret finìa.

E o aveit avoi da troà son pitodo trézor...

"Frem iquì, o dje troi un colp d'artchuna: hli qui sont gnint dla Val i polont gnint posà — o s'eht sentì diré — En te hi djer hi o i eht pien de delincouent qui profitont de tòtà hla confuzion pe venì ihi a ladrà . E que tu, te t'é afìna vihtì da polà. Maret,lader, ahcorbah!".

"Dje sei pa un maret, dje parlo da nozaouti, dje sei lo Péro dlo Batista. Da pitodo i me demandavont "Perolin", dje sei dla famii dla Maiotta. Dj'aruo dal front, dj'ei fait la gouèra e orà dje sei tornà per vihtà apìa a mia djent, p'aidie fli cali qui ant da bezen e pe varcanà ensembio a tuiti vozaouti".

Lo Bess de Vilanéva, alèura, o at volu vera s'o l'eret véira.

"Faime vera se te sa encorentà na peila" - o i at dit . Lo Péro, que d'un iadjo o bocavet sempe son pà acanqu'o encorentavet, o savei mé fare e ent'un amènt o a fait venì la péila totà rossà de defè e dedinte mé d'ardjent. Apré, o i at afìna lassìa a lo Bess un bron­ca, de corent e de piomp qu' o se seret troà ple man tot d'un colp, come na mahquerii. I eret la "tchoza" qui l'aidivet.

Aléura lo Bess o la lassìa passà.

Su o Mulin, en tla Val de Foss, lo Péro o s'eht troà n'aouta sorpreizi.

En alando su, e fina en humà lo pont, o at sentì de blè véus qui sembiavont venì dl'aouto mondlo.

Iquì, slo pont, o ieret na fiì, bionda e blà, propito me qu'o l'e­ret quéel.

I tchantavet le pli blè tchanson d'amor, paré bin e ent una véus paré dohi qu'o venivet a mal gnint donali dament.

Lo tchel o venivet tòt bio, o se duèrtavet, i ahteile i sembia­vont pì apìa, o se sentivet sonà na muzica lògn... o sembiavet un miraclo.

La marioiri i li parlavet e sie parolè i eront dohe ml' amel, o le sentivet rembombà lògn sle montagne. I li dizivet de tchoze paré blé, na meravei...

E lo Péro, quéi. O at gnint fait capì hen qu'o pensavet, hen qu'o se sentivet dedinte. O l'eret mé tuiti li montagnin ,dur, de poque parolé e o se fazeit mai adonà s'o l'eret content o pa content.

O l'eret un'òm onéht, djuht, un véro "ruga".

"No, guidjò dje sei n'Alpin dje sei gnint un qu'o vat apré a hle tchoze iquì" - o at pensà.

Ente he moment iquì, da lo Mont dlo Frà o i èht venù dju mé na saétta qui at fait un gran quiar d'entòr e i èht alai dinte en tl’aivi, a fons dla rueri.

Menten, la marioriri i èht tornai a ehte hen qu'i eret: na viéi mahca qui a comenhìa a fuire via mé n'ahpìa, piena de peiri e anrabìai mé un tchin, pe gnint ehte réussìa a fare hen qui voleit.

En tel medem ten, lo Péro o at vuit sia cassietà dinte entlà rueri, la cassietà daréu qu'o i eret l'aoutro tòc dla "tchoza". L'aivi gròsa dlo Soana e, va savei,li djìer qui fait l'aivi, i l'aveit trénai fina lainaout.

Paré, o at possu prende l'aoutro tòc dla "tchoza".

Orà o aveit torna tòt entier son pitodo trézòr, o valet a dirè un porta fortuna, un ròc d'ametista qu'acant o dizivet le parolè "moza, djerp, durenc" o li donavet forhi e coradjo.

Lo Pero o l'eret pròpitò content d'éhte torna en te sia Val, dinte a he bél parc dlo Grant Paradis, daréu que la tèra e lo tchel i sembiavont sonà la muzica dl'univers: unà tchanson sola, faiti da quetenti son different. Daréu qu'o ieret d'ahtéile a milion, qui sembiavont de pitodi puntin qui trembiavont, ma qui fazont quiara la noit.

A lo Péro o li sembiavet d'éhte pi grant e o se sentivet pien de coradjo e d'ehpéranhi, mé un vero Alpin dla Val Soana.

Orà o posseit varcanà de djer e de noit pe pulì le mazon da lo patchòc, pe refare vìe e pont, p'aidìe la djent qui se troavet sòt a le ruine.

Come la Catina. A hli qui li demandavont: "Oh Catina, dje pensavo da pi gnint verte: qui qu'i t'at salvai?".

Quii i rehpondivèt: "Un andjèl mervéilléus, qu'o at na piuma londji e neiri slo tchapél".

Sie parole i se sont sentle repete enco p' anh e anh en tots la Val.

Ha-hì i èht na htoria que le mà i contiont encò encouè a li mainà, en sondjando pli léur nevéur na vita come hlà de Péro: "l'Alpin".

Traduzione in collaborazione di Effepi, associazione di studi francoprovenzali. Per la trascrizione è state utilizzata la grafia del Centre d'etudes francoprovencales Rene Willien di Sant Nicolas (Valle d'Aosta) con alcuni adattamenti.

italiano

Raimonda Bianco Levrin (Pertusio - To)

1° Calassificata - Sezione Francoprovenzale

Una volta, tanto tempo fa, gli Alpini che andavano a combattere stavano lontani un lungo periodo di tempo, perché le guerre non finivano mai, e poi o non facevano più ritorno o ritornavano con gravi ferite. Allora erano considerati dei veri Eroi!

Pietro era uno di questi.

Si era distinto per la sua forza e per il suo valore in lunghi anni di combattimenti su montagne aspre e brulle, dalle vette che sembravano inaccessibili.

Aveva sempre obbedito al senso del dovere con serenità pacata e tenace, ferrea e costante nel sacrificio.

Finalmente, ora, gli squilli di tromba, i Plotoni, le Compagnie, le battaglie, gli zaini pesantissimi sembravano solo un ricordo lontano.

Pietro tornava sì a casa, non solo con la divisa logora, ma anche con una paurosa ferita sulla gamba sinistra.

Ma era felice di aver servito la Patria ed orgoglioso del grigio­verde che indossava.

Mica tutti i giovanotti, in quel tempo, avevano l'onore di essere chiamati alle armi!

Ritornava nella sua Valle Soana, sognata da sempre con tanta nostalgia e rimpianto.

Giunto a Bausano, proprio mentre la notte era già alta e profonda ed il cielo gremito di stelle, nell'ora in cui la luna sbadiglia perché è stanca di rischiarare la strada ai gufi, alle civette, alle falene ed agli gnomi, improvvisamente si senti avvolto in un'aureola di luce.

Pietro si fermò, come percosso da una folgore.

Nel gran fracasso che ne seguì, si distinse una voce terribile: "Fermati, non andare oltre!".

Un mostro, peloso come una scimmia e nero come il diavolo, digri­gnava i denti perché voleva far pagare lo scotto a chi s'azzardasse a superare i confini di quel territorio.

Pietro rimase immobile, ripetendo nella sua mente tre parole magiche ed aspettando altre richieste da quel bruto.

Un esercito di nuvole nere scatenò un temporale furioso, con ful­mini e colpi di tuono, spinse la luna lontano perché andasse a godersi il meritato riposo, nascondendo Pietro dalla vista di quel mostro e per­mettendogli di proseguire la sua strada.

Pietro avrebbe voluto misurarsi con lui, perché un Alpino non può sottrarsi alle difficoltà che incontra.

Ma quel mostro si era dileguato nel buio, lasciando nell'aria una puzza nauseabonda.

Pietro rimase solo, quasi inebetito, e volle stringere fra le sue mani la gavetta lucentissima, la borraccia ed il tascapane, dove teneva ben stretto quel pezzo di "ciusa" che aveva sempre portato con sé.. ., per rendersi conto di essere ben sveglio.

Poteva proseguire.

Il suo passo divenne più agile e veloce, perché non voleva perdere tempo: un'altra missione lo aspettava, molto importante ed urgente.

Aveva saputo che la sua Valle era stata alluvionata, che molte per­sone erano disperse, che alcune case erano state spazzate via dalle acque, fra cui la Banca, dove, in una cassetta di sicurezza aveva depo­sto l'altro pezzo della "ciusa" che nonno Battista gli aveva donato, in gran segreto, prima che partisse per la guerra.

Si dovevano trovare i dispersi, ripulire le abitazioni disastrate, curare e confortare i sofferenti, ritrovare il tesoro, sommerso da quelle acque limacciose.

Gli impegni, per un Alpino, non finiscono mai!

Pietro era orgoglioso di potersi rendere utile, anche in tempo di pace.

Poi c'era quel piccolo tesoro da ricuperare...

"Altolà, o sparo: non è permesso di entrare in Valle a chi non è del posto. In questi giorni troppi delinquenti approfittano del caos provo­cato dall'alluvione per rubare. E tu ti camuffi pure sotto una divisa militare? "Maret", sciacallo! ".

"No, non sono un "maret!". Parlo il "patois". Sono Pietro. Da piccolo mi chiamavano "Pietrino". Sono della famiglia della Maiotta. Arrivo dalla guerra e sono qui per condividere dolori e pene, causate da questa terribile alluvione. E per lavorare con voi."

Besso di Villanuova volle metterlo alla prova.

"Dimostra allora di saper stagnare questa pentola!".

Pietro,-che lo aveva visto fare tante volte dal nonno, con l'aiuto della "ciusa", in men che non si dica, trasforma quel rottame in una pentola dorata o ed argentata all'interno, regalando a Besso mantice, stagno e piombo che, misteriosamente, aveva fatto comparire. Ebbe il lascia-passare.

A Mùlin de Foss l'attendeva ancora una sorpresa.

Voci arcane l'avevano seguito fin sul ponte.

Qui apparve una ragazza, bionda e bella come lui, che cantava le più dolci canzoni d'amore, con un tono così melodioso che era difficile resisterle.

II cielo s'apriva in un miracolo azzurro, avvicinava gli astri e le meteore, annunziava lontane musiche ineffabili.

Le parole della ragazza si propagavano con accenti dolcissimi, dileguandosi con echi lontani. Gli diceva cose meravigliose.

Pietro non manifestò il suo stato d'animo.

Da buon montanaro, era rude e taciturno, con espressioni di gioia e di dolore sempre contenute.

I suoi ideali erano forti, onesti e trasparenti.

"No, io sono un Alpino e non un avventuriero. Non credo alle tue lusinghe!".

In quel momento un lampo luminosissimo si staccò dal "Mont dlo Fra" e penetrò nelle profondità delle acque del torrente, mentre la ragazza riprese le sembianze di una vecchia "Mahca" e si mise a fug­gire a rompicollo, terrorizzata e piena di rabbia per aver fallito nel suo intento.

Pietro scorse, con gran meraviglia, la sua cassetta di sicurezza che la violenza ed i1 gioco delle acque del Soana avevano spinto fin lassù. Così potè ricuperare l'altra parte di quella "ciusa".

Ora aveva ricomposto il suo piccolo tesoro: un porta-fortuna, un'ametista, che, alle parole: "mòsa, dijerp, durenc" gli avrebbe dato forza e coraggio.

Pietro si sentiva veramente felice di ritrovarsi nella sua Valle, immersa nel verde di quel Parco meraviglioso del Gran Paradiso, dove le note della terra e del cielo componevano la sinfonia universale: un solo canto fatto di tanti suoni diversi. Dove milioni di stelle, lontane, erano puntini tremanti, ma sufficientemente luminosi per rischiarare la notte.

Pietro si sentì più grande ed acquistò coraggio e speranza, da vero Alpino valsoanino.

Ora poteva veramente lavorare, non solo di giorno, ma anche di notte a ripulire case infangate, a costruire strade e ponti provvisori, ma, soprattutto, a porre in salvo tante persone, sepolte sotto le macerie.

Una di queste è stata la Catina.

A chi le chiedeva: "Oh, Catina, disperavo già di rivederti. Dimmi: chi ti ha salvato?".

"Un angelo meraviglioso che porta sul cappello una lunga penna nera", rispondeva.

L'eco di queste parole si propagò per la Valle per tanti e tanti anni.

Ancora oggi, questa storia è ripetuta dalle nonne della Valle Soana ai propri nipotini, sognando per loro un avvenire magico, come stato quello del valoroso alpino Pietro