Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

La mingiada

La mangiata


Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: fiaba

Grafia testo frp: personale

Fonte: Una fiaba per la montagna

Data Pubblicazione: 2008

Autore: Domenico Canova Conta

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Valperga, favola scritta in dialetto noaschino

franco-provenzale

Domenico Canova Conta (Valperga - Torino)

2° Classificato

Ai teins dal megn paribun basavi,a vivet a Jarineer ad Nuasci, an muntagninot che as ciamavet Perulin, aat cume quat toc ad tumà, ma farinel ,furb cume na vulp e cun sempri na gran fam ados.

An bel gior da steimber,perulin al sciea man­daa dai sui ala fera san Mate A Punt par citar quaiciosa par l'u­veer.

"Tina chi Perulin,iat deies soot ,ma an racumandu,dovri pe mac par citaar san che i tai dit e turna pe subit a ca the gius chi a la san lungi e at tarleinun pe..."

E sci a cumenset la cuenta ad mun paribun basavi:padrun ad crei o no...

Partei a la matinea bunara che ieret ancora ambrogn, Perulin al ruet a Punt che ieret già deiesures pasaa, ed es inutil deiri che tut sal ciumineer iavet ancora fet viniir pu fam che lu solit.

Sal cit tuchet ad pan cun ancora an pu ghitii toc at tumà (secundu Perulin che ricurdensi alavet semori basurda) che iavet na samari par culasiun, lavet già mingia prima ad ruer a Lucana...

Urà che aleret an mes a tau i banchet dla fera e al sunitvet tuti i bun udur e al viset tut duntur roba da mingiier, bei toc at tumà, na gura salamin e datri begn di Diuu, Perulin a na capei­vet pi gnunes, al mingivet fina cun iuvi...

Tan banc pus suta ieret begn an vista bei michet ad pan bianc e anche bei micun ad pan neer che asmivet apena gavaa dan tal fur. Lu neguscian al cisevet ancora, parchè ogni tan al pievet la fugasi e la sgiacavet cun i dei par fala suntir cume che ieret bla fresci.

A suntir sal pan che al criciuet a Perulin ai vinivet la saliva chiera e lu somi iasmivet sempri puus vuet, e sli deies soot che alavet an sacoci a pesaun cume an roc... a che drobes alarit pudoi citar cun sli deies soot, ma al pudet gnen,al pudet propi gnen...

"Fi,fi fi vinides gens a vera i bei fi chiat isci..."

Mentri che al cumbatet la sua fam, an neguscian a la viu e al sarcavet vendii quaiciosa, "Eh giuvnot,beca i bei fi neer, propi moir al puntu giust, dusisism, che as fundun an buci apena ti mengies. Scumetu che an tla tua vita taas mai mingia ad fi pare, ansi su suguur che nas mai mingia, vera? Viins gius dai brich, tees an muntagnin e sa gnenca cume a sun fet i fi..."

Lu neguscian al pievet plu proinu lu giuvnot.

Antan an poches gens a serun già frumaa a bichei: ieret tuta n regula. Par vera an bel batiboi, cume d'altronde a capitun suvent al feres o ai marciia.

"Megn caar munsu, m ad fi gi nai già mingia tenti ,e forse anche pu bun e pu duus di tui."

Perulin aleret vinuu rus an tal muru cume an puvrunin,as suntuet ufandoi dla preputensi dal sal fol dla pianura e aleret decis a faila vera.

"Alura megn caar buces, par faar capeir se sanche deis es vera, tas gnenti datru da fan che citaar i mi fi e tasai. Deies par an soot! Dai giuvnot urà pos pi gnen tiriti andree..."

Jeret propi vera.sal neguscuian, pus furb che lu diau, alavet propi ancastra.

Urà ieret mac pi dues maneres da fari: o ritirisi cun quaiche scusa e suntiir al riades dal neguzian et tuti sli che aierun chi che a bicheun, se no acetaar. Ma cume fari? Al pudet gnen spendi gnenca an centesim, cum gi faregiu mai?

"Alura bocia ,decides o no?"

"Va begn maret.Viuu che cres gnen san che git giù, però faren a la meia maneri. A Jarineer andua che gi isciu m, i fi as pagun a mingiada."

"Sanche voos deiri bocia?"

"Gnenti, m git pagu i fii che peinsu ad mingiier. Beca sci, giai deies sot, tigni pura. Al presi che ta dit a basun par pagati sent fii, ma sicume mi gi peinsu ad mingini tenti at piuus, a ma smiet an presi, unest."

Lu neguscian a ses butea a reiri cume an fol.Jeret propi cume al pensavet. Stavota a lavet trua lu sun pulast!

"Dai dai bocia fati pura avanti, cun a sla cifra chi pos min­gini fin che na voos."

E sempri, cume a laat cuentea lu pribun dal megn pan­bun.Perulin a laat cumanseia a mingiier i fii.

A laat cumanseia da tranquil seinsa nar dament al negu­scian e ai curius che a lu piivun an giir.

Ai pievet sois un par vota dan tal mes dla cavagli,i gavavet la pel cun na gran tranquilitea e ai navet lu gheddu propi curve n'atuur,e a sci mingivet.

Plan pianot un par vota.

Par an bel poo a lat cuntinuea a pii, gavai la pel e mingii, deies fi, vint fii, trenta fii. Lu neguscian aleret stupii dla fam da sal buces,ma al pensavet che lu sun client urmai a navet beli basta.

Quaranta fii, cinquanta... An certo puntu san che al feet Perulin,sal mangiun ad fii?

Mentri fin aurà, prima da mingii i plavet, urà a lu pievet dan tla cavagli, seinsa bicheer pi gnenti, a lu butevet an buci cun la pel, lu trus e sanchieret.

"Ma cu fesi bocia?" A la dit preoccupea lu negscian.

"Cume vies" iat rispundoi Perulin "curneinsu mac aurà a pii gust ai tui fii. Se a sun propi bun. Pensu propi che astavota gim gavrò la voi!,scusa,ma dopu sta cavagni sci nasi ancora quaindun datri?"

Lu neguscian aleret mac pi neer, tut sagrinea, a lavet capei, o almenu al cardet ad capeir che alavet a che fari cun un che an fattu ad basurda a la schersavet gnen, e i deies soot che al vulet nai ierun pi gnen an bun afari.

"Aspeta bocia, giai cambieia idea! Tinti pura i tui deies sot, a mnanfeet gnen Ad tuti i fii che tas già mingià, lascmi mac scieer ietri.Vaten mac e fati mai pi vera.Va mac,va mac che un cal mengiet cume t an feet poira."

Perulin, can i sui soot an sacoci, cun an buci ancura l'ultim fii, a laat ancora pia dan tla cavagni sinc o ses fii, e ampresa iat butea an tla sacoci dla gica e cun ninchin a laat salutea lu negu­scian, e les asparei ampresa an tal mes at tuti i curius che a lu bicheun.

Che bel! Ieret propi alaa begn.i la faret propi pi a mingini ancora unetru...

Piin me nuva, a laat spendoi i deies soot par citar san che iavet dit sumpari e cunten me an re a laat ciapaa sois pla valada par turnasni a Jarineer.

Al vulet tiniir gliultim fii ca lavet butea an sacoci, par faar an regal ai sui, ma cume al cuentevet lu paribun ad munparibun, apena pasaa Lucana iaat già turna tacaa fam, e Perulin ai suii, iaat mac pi feet la cruenta

Ad cume aierun bel e bun i fii...

***

In dialetto Noaschino.

italiano

Domenico Canova Conta (Valperga - Torino)

2° Classificato

Ai tempi del nonno di mio nonno, viveva allo Jerener di Nausea un piccolo montanaro di nome Perulin, magro, alto quattro pezzi di formaggio, scaltro come una volpe e sempre... Terribilmente affamato! Un bel dì di set­tembre, Perulin fu mandato dai suoi genitori alla fiera di San Matteo a Pont ad acquistare delle provviste per il prossimo inverno.

"Tieni Perulin, questi sono dieci soldi, mi raccomando! Usali solo per comprare ciò che ti ho detto. Vai, ed appena ti è possibile torna a casa."

Gli disse suo padre. Qui inizia la sua storia, così come l'ha rac­contata il nonno di mio nonno... padroni di crederci oppure no!

Partito alle prime luci dell'alba, Perulin giunse a Pont nella prima mattinata, inutile dirvi che la lunga scarpinata aveva stuzzicato il suo immancabile compagno di sempre... l'appetito! Quel misero pezzetto di pane accompagnato da un ancor più microscopico (secondo il giudizio di Perulin, che tenete conto, aveva sempre fame) pezzo di formaggio, che mamma gli aveva dato come colazione di viaggio, erano già scom­parsi, divorati lungo il tragitto ancor prima di arrivare a Locana. Ora nel bel mezzo della Fiera, si sentiva terribilmente attratto dagli odori, dagli aromi di tutte quelle belle cose da mangiare...

Guarda lì che bei quarti di toma. Oh che meraviglia, un altro ven­ditore esponeva una bella treccia di salamelle, Perulin se le divorava con gli occhi. Nel banco appresso c'erano in bella vista focaccine di pane Bianco e micconi di segale che sembravano appena sfornati. Il nego­ziante con malignità ogni tanto prendeva una focaccia e la schiacciava con le dita, facendola crocchiare per far sentire quanto fosse fresca...

Ah! Ad udire quello crocchiare a Perulin piangeva il cuore e bron­tolava lo stomaco, i dieci soldi pesavano come un macigno dentro la sua tasca, lo stomaco brontolava sempre di più. Avrebbe potuto sfamarsi a dovere con quei dieci soldi, ma non poteva... non poteva. "Fichi! Fichi! Venite gente a vedere che bei fichi!"

Mentre era sovrapensiero, un mercante, un semplice contadino lo aveva arpionato con l'intento di vendergli la sua merce.

"Ehi ragazzo, guarda che fichi neri, maturi al punto giusto, dol­cissimi, si fondono in bocca appena li mangi. Scommetto che in vita tua non hai mai mangiato dei fichi così, anzi sono certo che non ne hai mai mangiati, vero? Vieni dalla montagna, vero? Tu non sai neanche come sia fatto un fico!"

Il negoziante si faceva burle del ragazzo. Un piccolo capannello di sfaccendati si fermò ad osservarli. C'erano tutti i presupposti per un bel alterco, di quelli che sovente animano le fiere ed i mercati.

"Signore! io di fichi ne ho già mangiati, e forse anche più buoni e migliori dei vostri! "

Perulin s'era fatto rosso in viso, offeso nel suo intimo dall'arro­ganza del villano, era ben deciso a tenergli testa.

"Ah! Allora ragazzo mio per confermare ciò che dici non ti rima­ne che acquistare i miei fichi ed assaggiarli. Dieci per un soldo! Dai ragazzo non puoi più tirarti indietro..."

Era vero. Il venditore con diabolica astuzia lo aveva messo in trap­pola. Le vie d'uscita ora erano due o ritirarsi in buon ordine avallando qualche scusa e subire gli scherni del venditore e dei curiosi oppure accettare. Ma come fare? Non poteva permettersi di spendere neppure un soldo... come fare?

"Allora ragazzo. Ti decidi o no?"

"Va bene signore! Visto che non crede alle mie parole... ma, inten­diamoci, faremo a modo mio. Dalle mie parti i fichi si pagano a "man­giata".

"Cosa vuoi dire ragazzo?"

Disse, sospettando l'inganno il venditore di fichi.

"Semplicemente, io le pago i fichi che presumo di mangiare. Ecco qui ho dieci soldi, li tenga. Al prezzo che ha stabilito servono a pagarsi cento dei suoi fichi. Siccome io presumo di mangiarne molti di più, mi sembra un prezzo onesto".

Il venditore proruppe in un sonora risata. Era proprio come pen­sava, aveva trovato il suo pollo!

"Ah! Ah! Prego ragazzo mio accomodati! Per quella cifra puoi mangiarne quanti ne vuoi!"

E, sempre secondo quanto raccontò il nonno di mio nonno, Perulin cominciò a mangiare fichi. Cominciò tranquillamente, sfidan­do l'ilarità dei,curiosi e del venditore. Li prendeva uno ad uno, dal mezzo del cesto, li sbucciava con solenne calma, come per celebrare degnamente l'avvenimento e se li mangiava, piano piano, uno ad uno.

E così durò per un pezzo prenderli, a sbucciarli ed a mangiarse­li. Dieci fichi, venti, trenta... i1 venditore ammirava l'appetito del ragazzo e si divertiva, convinto che la passione per i fichi del suo nuovo cliente, ben presto si sarebbe calmata. Quaranta fichi, cinquanta... Ad un tratto cosa fa Perulin, quel mangiatore insaziabile di fichi?

Mentre sino ad allora, prima di mangiare un fico, lo aveva tran­quillamente sbucciato, ora lo prendeva dal cesto e senza badare più a nulla, lo metteva in bocca, con la buccia, il picciolo ed ogni altra cosa.

"Ma ragazzo... cosa, cosa stai facendo?" Disse preoccupato venditore.

"Come vedi..." Rispose tranquillamente Perulin "Comincio solo ora a gustarli veramente, i tuoi fichi. Humm... Si, decisamente sono buoni! Penso proprio che me ne farò una bella scorpacciata! Scusa ma oltre a questi nella cesta, ce ne restano mica degli altri?"

II venditore si fece scuro in viso, molto preoccupato, capì o meglio credette di capire di avere a che fare con uno che non scherzava in fatto di appetito. Ed i dieci soldi che aveva in tasca non gli sembrava più il grosso affare di prima.

"Aspetta, ragazzo! Ho cambiato idea. Ecco, tieniti pure i tuoi dieci soldi, non mi importa dei fichi che hai già mangiato, basta solo che tu te ne vada e che non ti faccia più vedere... Vai, vai via che la tua passio­ne per i fichi mi spaventa! "

Perulin, intascati i suoi soldi, con in bocca l'ultimo fico, prese dalla cesta ancora una mezza dozzina di quei neri frutti, velocemente se li mise nelle tasche del giubbino e con un inchino saluto il negozian­te, eclissandosi in tutta fretta in mezzo al mucchio di curiosi che li stava osservando. Meno male! Gli era andata proprio bene, ancora un paio di fichi e non ce l'avrebbe più fatta a sostenere la parte dell'ingor­do. Pieno come un otre, di fichi, spese i dieci soldi per comperare gli acquisti ordinati dal padre e s'incamminò nuovamente verso la valle, di ritorno allo Jerener. Voleva tenere gli ultimi fichi presi al commercian­te per fare un regalo ai suoi, ma così come racconta il nonno di mio nonno, oltrepassata Locana gli venne nuovamente fame. E Perulin ai suoi genitori, non rimase che raccontare di come erano belli e buoni fichi...