Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

La côntrola du paciafurnĕll e dé sciüscie

Fuliggine, la leggenda dello spazzacamino

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: personale

Data Pubblicazione: 2004

Autore: Letizia Provenzale e Claudia Claretto

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Novalesa (TO)

franco-provenzale

Letizia Provenzale e Claudia Claretto (Novalesa - To)

1a Classificata - pari merito

D'in ŭn pciŏt paisot dé la Val-d’Lŏns caciŏ u muiětěn' d’lé hoté müntigné, i-astavé Michel. Un garsunét che u l’avět maché dŏsion' e ché pré gagnesé sun' vivré u fasĕt lu paciafur­nĕll.

Tŏ sulét u sé tramuavé da un pajì a lotro, avŭ sarzjïé sü lé sélalé, lé côrde e le rigné ché u ero si moblo du mistiié, an bran­dén asé sun sacapŏn avŭ tŏ sun ücüpazo.

Pasavé pré zérnin e ruajié an brélén’: Paciafurnĕll! Paciafurnĕll!

Mal zŭbiă e mal véhü u marcevé lĕst pré viôl e mulacéré e bién' suvén' avŭ lu ghljie e la nĕi.

Michel u l’avĕt pamé ne paré ne maré e u l'aviunt arabastā üna cublà de visin de mujiun', dué véiŏt un'avueré brunzahü ma dé bôn côr; u gli aviun mură a senă le tréfulé, muěsciună l’ĕrba e a rumahjié lu furnell; ma ŭn pôrô dzŏrt asé gliur u sé na sŭnt ală liscĕnlo sulét d'in sŏ pciotà mujiun' avu la fénérotà ché avuitavé lu gurzĕ ché déséndét an - gôrgôglién s’lé rozé tra li buěsciun'.

Tra le zosé ché u l'avět amprěn a faré, u l’ět decédü dé bétasé a faré lu paciafurnĕll...; u fasĕt pen-nà a lé zĕn' a vĕ giralo megro e pati pré hi zémin' avŭ sŏ viĕgljié sciarpà rusà ché l’ar­paravé dai tempĕl, si sulā trŏ grén e lu crŏi zapĕll pré travĕrs s’lŏ tehà e, sargiŏ dé si arněis; la pell nêre dé sciüscié maché avu gli uégl' chliĕer e treluisén'...

Un vehro antŭrnésésén' a sŏ mijiun i sět betă a nêvré a grô flŏcch e tŏt an-in cŏl u l’ět sentü un zémô da un buĕisciun': tru­plŏn, truplŏn u l’ĕt ivert le ron-mé e u l’ĕt vü un pciŏt cagnot blŏn', u sé l’ĕt prén' din si bre ancarégliénglié lu pĕll burahü, e a lisciesé brélécasé la facia' da la pciŏta lenga tebié. Michel, hlŏ biota da hĕ zŏrt se lĕt pe dlun ménā avǔ gliué din si pèligrinazo tra paji, zémin' e mujiun' ante-ché u trovavé da mingesé carchi crucio de pǒn' e carchi cǒl asé ǔn ôss.

Tramanti ché Michel u travaglievé s'li tĕtt e u sparĕt ba pré lu furnĕl, lu cagnot l'atĕndet pasciént’ azahjià s'li salê d'pera'.

Ǔn zŏrt Michel u lĕ vulü pôrtalo aséu gliué inot sù lu tett, la biota cüriusà gliet vulü avuitā sun metré che u désĕndét ba pré lu furnĕll ma... gliĕt ahigliŏ e asé gliĕt frénì ba pré lu purtür adoss a Michel...

Chinché aruă u fun, u sǔ sǔrtü -ti dué ansciüscia e la
facià e li mŏn dé Michel u iero nere comé sŏmpré, ma la burà blŏnzé du zi-n'... glié eré dìvénuà tŏ nêré, maché in pciŏ' nà u 1 ét asta rŏsà.

Michel u l'avuitavé ravǐ e u gliĕt trŏvā un nô-n da bétaglié: da hě mumen l'arět pe dlun mandā "Sciüscié."

italiano
Letizia Provenzale e Claudia Claretto (Novalesa - To)

4a Classificata -

In un piccolo paese della valle di Lanzo, nascosto tra alte montagne, abitava Michele; un ragazzino di dodici anni appena che, per guadagnarsi da vivere, faceva lo spazzacamino. Si spostava tutto solo da un paese all'altro con sulle spalle la corda, le "rëgne" (attrezzi del suo lavoro) e, appeso al collo, un tascapane in cui teneva tutti i suoi averi.

Andava per vicoli e strade gridando: spazzacamino, spazzacami­no! Ai piedi aveva calzettoni e scarpe logori come logori erano gli abiti che indossava. Andava svelto per viottoli e mulattiere, incontrando sovente ghiaccio e neve.

Michele non aveva più né padre né madre ed era stato allevato da una coppia di vicini di casa; due vecchietti burberi ma di cuore che gli avevano insegnato a seminare le patate, a falciare l'erba e a spazzare il camino di casa.

Ma un triste giorno, anche loro se ne andarono, lasciandolo solo nella piccola casa con la finestrella affacciata sul ruscello che scendeva gorgogliando tra le rocce e i cespugli.

Sapeva fare tante case ma, dovendo scegliere un mestiere, decise di fare lo spazzacamino.

La gente guardava con pena quel ragazzino magro e patito anda­re per le strade infagottato nella sua sciarpona rossa che lo riparava dalle intemperie, le scarpe troppo grandi, il vecchio cappello di traver­so, carico dei suoi attrezzi.

Nella sua facciotta, nera di fuliggine, soltanto gli occhi erano chia­ri e luminosi.

Una sera, mentre tornava a casa sotto una fitta nevicata, udì un guaito venire da un cespuglio; aprendo adagio i rami gocciolanti, vide un piccolo cane tutto bagnato, con il pelo bianco arruffato. Lo prese tra he braccia accarezzandolo, mentre il piccolo gli leccava il viso nero con la sua linguetta tiepida... Da quel momento, Michele e il cane divennero inseparabili! Sempre insieme nei pellegrinaggi tra paesi e borgate, su strade e sentieri, dove trovavano sempre qualcuno che dava loro un tozzo di pane e a volte un osso per il cucciolo. Mentre Michele lavorava sui tetti e scompariva nella gola nera dei camini, il cane lo aspettava paziente accucciato sui gradini di pietra.

Un giorno lo volle portare con sé sul tetto; curiosa, la bestiola, per guardare il padrone che si calava nel camino, si sporse troppo e scivolò nel buco, finendo addosso a Michele.

Quando uscirono, erano tutti e due coperti di fuliggine; il viso e le mani di Michele, neri come sempre ed anche il pelo bianco del cane era diventato completamente nero

Solo il nasino era rimasto rosa... Il ragazzo lo guarò divertito e da quel momento decise di dargli un name. Lo avrebbe chiamato Calëzzo! (che nel dialetto della sua valle vuol dire Fuliggine).