Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

Gello

Gello

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: personale

Data Pubblicazione: 2004

Autore: Ivan Bianco Levrin

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Ronco Canavese

franco-provenzale

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese - To)

1° Classificato - pari merito

Lu viaggio

Li düi bourna, lu budrothc Sandro e sun gògn Gello, i erunt partì da Locana per la htagiun del varcan, parè me che li bourna i fasont tüti i an, can aprè na corda e na pigni. Lu viag­gio per ruar fina u Martigny alere lunc e can puc varcan; duant giù fina a Ivrea e aprè sü pla val d'Uhta, na val pieina de ciahtel vìei e sensa che gnün i vihtasse dedint.

"Che pecia" u pensave Gello, "li ciüminai ichì i scant bli gro, e u se sarire fait gnüne pelürfie a rahchiali .."

I erunt partì prehto da 'ntla val propi per traverzar le mun­tagne duant che i ruasset la nei, perché depui u se pusei pì nè alar nè turnar.

Uhta i ere l'ültima hità duant da anviunasse per el grand St. Bernard, e ichì i avont cetà na furma de magno, en salam de trif­fule e na miccà de pan de seila: depui ventave muntar fina al pas, e i arirunt pì u de teun per fremmasse.

Gello u se sentive u masun a muntar ple rive, cun sun pas lehto e l'aria fina, parè che ad iaggio u deveit fremmasse per atende lu budrothc. La vì i ere bin tinüa, e sueuns i se encuntra­vont de margher o de gent chi desertdivunt cun li mill ciargia.

En sel col li fra i avont en cunveunt dareui che i vihtavunt tò l'anh, anche canche u li venive de vauce de nei, e cun leui de grosi cin chi druavunt a hercar la gent a mè dla nei.

"Tri, ne seun en Suina" u li dit Sandro.

Urà la vì i eht tot a desende, li cartel ahcrit en deva, li pra largio e li ciucher cun la pünti.

Lu vìei

Lu tri, fait lu gir de tüti li negohi de muhtre del pais per hercar le molle runtue da muntar en sla pigni, u se fremme a min­gìer en bucun en sla banci del parc, cun lu murro neec e le chih­te chi buccunt logn, ma u aveit en cò gneunt giù lu prim bucun che u se sette a piia a sé en gro vìei cun la barba bienci.

Lu vìei u vaite lu tri e u li fait: "A henche te pense? pensetu sempre a tia val, a i'amis de Grussiner, a tun dürbi ch'al pi gneunt turnà da la guerra...?".

La bucì duerta, le chihte slargie, Gello u sa pì henche dirè: mu faitee lu pelin a savei tüte he ciuse ichì, del dürbi, del pitudo paiio de muntagni che u se demande Grussiner? Lu tri u se fait curaggio e u demandet al vìei: "ma.... chivò chi che sedde?".

Lu vìei u se frusse la barba cun na man, u bucche lu tri e gri­gnuland u li rahpund: "Sei lu guri dli sungio. E dimme, pitudo bourna, calo aleht tun sungio?".

Gello en sungio u l'aveit. Suent canche u pautrive pli beui u pensave al ger aprè, al ciüminai che u lu tendive, e u s'andurmi­ve sungiando de ciüminai lühtro, sensa sühci, largio, cun dedint pendu ogni sort de ciuse bune da barbier.

Lu vìei u tendive na rehpuhta, ma a Gello le parulè i surti­vunt gneunt dart tla bucì.

"Bin", u li dit lu vìei, "anche se te vè gneunt dirello, ghigiò ge creio da saveilo..." e an dizando parè u se leve da 'nsla banci e u san vat.

Martigny

L'inver u se muhtrave cun la pioggi freidi e la nebbia basa che al solit i 'mpinivet li ciamp e i li lassivet gneunt verra le casi­nè chi se presentavunt ator dla vì. En te dauti mumeunt i se sarirunt butà a braier "Ramoneurr!! ma he gior ichì i avont gneunt teun, e lu budrothc u disivet al tri: "Prehto Gello, duant da neuit ne deven ehtre u Vison, che ichì ge cügneiso de geunt chi ne dununt da pautrier".

Gello aleret en tri de nè an, duè chihte grose en ten murro pitudo, li pel rih, e mairo che le braie u sembiavet chi vihtassunt su da sule. Aleret alà a hcula fina a la tersa, u savei lirre e hcrir­re, e la ciuza i li venivet a tai per diré a Sandro heunche u i ere hcrit en sli carteul, ple vie. U vaitive le pitude diferenhe che le muntagne dla Suina i dunavunt a rehpet dle val del Canaveis, 1i ghiahier a purtà de man, le valaie cun le rüere chi desendunt sensa pressia, le vie bin marcaie. Ma medemme i erurtt le modde da largier le vacce, medemmi li scagn per bieccier, medem lu barbier fait de magno, de triffule e de chègne.. "la muntagni i eht la muntagni, va dareui che te vè , cun sie geunt e sie pelürfie" u pensave Gello, "hi al pui gneunt parè devers che da nuzautri, mahchè i sunt pi signuri.Se ge füsso signur me fremaro a Grussiner!". E entant cu armanaccavet de he ciuse ichì, la vi' i li sembiave sempre pi lungi..

"Budrothc Sandro, senno hcasi ruà? sei htrach... e aprè, perchè enquè se fremmeun gneunt a hercar varcan ma n'alen dreit vers Martigny?" u demande Gello.

"Deman ne dueun ehtre da de geunt chi ne dune en bun varcan, ma vente hpaciar proppi deman, ne' en gior duant nè en gior aprè" u li rahpund Sandro.

Vaatinen

Lu gior depùi, l'inver u regalavet na giurnai de seroi, freidi ma cun li culeuir che i sant dunar mahchè le piante dla munta­gni, e cun le vie pieine de foie chi ciantunt sot a li piia.

"Gògn, sen ruà" u dit Sandro muhtrandoli cun lu dei na greunta villa.

Travesà en cancel de fer aut cumme trei persune, li dui bourna i pasunt en ten vial can ator de piante base, e sot a le piante de pitudi om de gis, de tüti li culeuir.

"I sunt de geunt cun le bline, ma i me seumbiunt droli" u dit Gello, "veivo che figure de gis i ant en tli pra?".

"Aleht perché i sunt gneunt de gent de hì, i veggnunt da en pais logn dareui lu seroi u rehte sempre bas e la ghiahi i vint auta de meter, pi en su encò dli brudda e dli suina".

"Ma perché i vulunt che li sgüreun li ciümminai proppi enquè?" u turne a demandar lu tri.

"I man dit che i tendunt Klaus, u devehte en parent, e aùe chetant amis del meinà; sia dürbi i li diseit: "te veierè che htanoit u rüet Klaus, cumme tüti i'autri an .." u se veit che i vulunt farli truar tot lühtro !!" e mentre Sandro u dit parè i rüont dui serveunt e lu patrun.

"Banger Her Vaatinen, ne sen hì per spaciar li ciüminai, proppi enquè ch'ieht la vigilia de Dignal, cumme che iedde cumanda" u cuntinue Sandro fazando en inchin cun lu ciapel en man.

Lu patrun, cun en geht dla man u muhtre a li serveunt da meinali dedint u masun, e li bourna i li vant derer.

En tel vial u i ere pì gnürt, canche lu prim dli nani de gis ..u 'ncaminet a bugisse.

"Gnomo Logan, me senteittü?" u dit sutveuis.

"Si gnomo Trill, ahtü vüt lu tri?" u rahpund lu secund.

"Si, l'ei vüt, e u me sembie che u pusire alar bin: uat pi' de famii, aleht rihpeteuis de sun budrothc, e u vè bin a le behtie, e u tucce gneunt le ciuse chi sunt gneunt sie canche u vat en tle masun dli murciun, e...".

Depui carche menütte tuti li gnorni i avont preit vitta e i dahcütivunt del gògn!

Klaus

Lu gògn alere intrà dedint a le canne dli ciürninai dla cüsi­na, del gran salun, dla htanhi del patrun, e i rehtave mahchè pì la htanhi del meinà dli Vaatinen. Lu ciüminai alere gneunt pitu­do, e lu gògn u reüsive a rahchiar lu prim toc sensa difficültaie ma pi en sü, forse htrach dla giurnà, canche alere hcasi an pünti, i li hcarret la preza d'en genoi e u se senteit ceddre en bas sensa reüssier a fremmasse…!!!

Tot en ten iaggio na forta man u l'ambranche pla ciümisi liza e lu porte fera, en sel quert.

Gello u recügneit sübbit l'om dli sungio, anche se urà u l'eht vihtì can en gros paltò ros e na berrettina rusà e bienci. Lu vìei u lu tint per la man e u li muhtre na grosa slitta tiria da cattro beh­tie cun en tehta de corne che sembiunt le ramme dli bussun.

Lu gògn u sa pì se u sunge o se u veit dabun, ma lu vìei u münte en sla slitta e u li fait: "vin cun mè, Gello".

U lu fait setar a piia a sè, e 'ntant che la slitta i vulet vers lu hiel u 'ncaminet a cuntiali: "da le mie bande i me demandunt Klaus, Santa klaus, envece da tè i me demandunt Babbo Natale... urà sei vìei e ge feui fatigga a pasar dedint a li ciüminai per pur­tar li giüa a li meinà". Pui, avizandose del sungio de Gello: "si, li ciüminai li trùo sempre bli lühtro,ma u me bahte gneunt! parè gel lassìa l'enciargi a mie antis li gnomi da truamme en tri pitu­do e pratic del mehtier: per furtuna sei ruà en teun duant che te cedisse !.. te veierè, cun en budrothc cumme mè te te truerè bin…. ".

Lu budrothc Sandro u vat dizando encò urà la htrana cun­tia de sun gògn, che müntà dedint la canna del ciüminai al'eht pigneunt sürti, mingia, secundo chel, da le mahche de Martigny.

italiano

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese - To)

1° Classificato pari merito

II viaggio

I due spazzacamini, il padroncino Sandro e il suo garzone Gello erano partiti da Locana per la stagione del lavoro, così come gli spazzacamini facevano tutti gli anni, portandosi appresso una corda e la raspa a forma di pigna.

II viaggio per arrivare fino a Martigny era lungo e con poco lavo­ro; prima giù fino a Ivrea e poi su per la valle d'Aosta, una valle piena di castelli vecchi e disabitati.

"Che peccato" pensava Gello, "i camini li sono bei grossi e non ci sarebbe stata nessuna difficoltà a raschiarli...".

Erano partiti presto dalla valle proprio per attraversare le monta­gne prima che arrivasse la neve, perché dopo non si poteva più nè anda­re nè tornare.

Aosta era l'ultima città prima di incamminarsi per il gran San Bernardo, e li comperarono una forma di formaggio, un salame di pata­te e un grosso pane di segala: poi bisognava salire fino al passo, e non avrebbero più avuto tempo per fermarsi.

Gello si trovava a suo agio a salire sui pendii, con il suo passo lesto e l'aria fine, così che sovente doveva fermarsi ad aspettare il padronci­no. La mulattiera era ben tenuta, e sovente si incontravano dei margari o della gente che scendeva con i muli carichi.

Sul colle i frati avevano un convento in cui abitavano tutto l'an­no, anche quando cadeva moltissima neve, e con loro dei grossi cani che usavano per cercare la gente dispersa nella neve.

"Ragazzo, siamo in Svizzera" gli dice Sandro.

Adesso la via e tutta in discesa, i cartelli scritti in francese, i prati larghi e i campanili appuntiti

Il vecchio

Il ragazzo, fatto il giro di tutti i negozi di orologi del paese per cer­care molle rotte da inserire nella pigna, si ferma a mangiare un bocco­ne sulla panchina del parco, con il viso triste e gli occhi che guardano lontano, ma non aveva ancora giù il primo boccone che si siede vicino a lui un grosso vecchio con la barba Bianca.

Il vecchio guarda il bambino e gli fa:

"A cosa pensi? Pensi sempre alla tua valle, agli amici di Grussiner, a tuo padre che non è più tornato dalla guerra... ?".

La bocca aperta, gli occhi spalancati, Cello non sa più cosa dire: come fa il vecchio a sapere tutte quelle cose, di suo padre, del piccolo paese di montagna che si chiama Grussiner? II ragazzo si fa coraggio e chiede al vecchio:

"Ma... voi chi siete?".

Il vecchio si sfrega la barba con una mano, guarda il ragazzo e con un grande sorriso gli risponde:

"Sono l'uomo dei sogni. E tu dimmi, piccolo spazzacamino, qual’è il tuo sogno?".

Gello un sogno ce l'aveva. Sovente quando dormiva nelle stalle pensava al giorno dopo, al camino che lo aspettava, e si addormentava sognando di camini lucidi, senza fuliggine, larghi, con dentro appese ogni sorta di cose buone da mangiare.

Il vecchio aspettava una risposta, ma a Gello le parole non usci­vano dalla bocca.

"Bene" gli dice il vecchio, "anche se non vuoi dirlo, io penso di saperlo..." e dicendo così si alza dalla panchina e se ne va.

Martigny

L'inverno dava mostra di sè con la pioggia fredda e la nebbia bassa che al solito riempiva i campi e non permetteva loro di vedere le casci­ne che si presentavano intorno alla strada. In altri momenti si sarebbe­ro messi a gridare "Ramoneur I !" ma quel giorno lì non avevano tempo, e il padroncino diceva al ragazzo:

"Presto Gello, prima di notte dobbiamo essere a Vison, che li cono­sco della gente che ci daranno da dormire".

Gello era un ragazzo di nove anni, due occhi grandi in un viso piccolo, i capelli ricci, e così magro che i pantaloni sembrava che stes­sero su da soli. Era andato a scuola fino alla terza elementare, sapeva leggere e scrivere, e la cosa gli serviva per dire a Sandro cosa c'era scrit­to nei cartelli stradali.

Guardava le piccole differenze che le montagne della Svizzera pre­sentavano rispetto alle valli del Canavese, i ghiacciai a portata di mano, le vallate con i torrenti che scendono senza fretta, le strade ben segnate. Ma uguali erano i modi di pascolare le mucche, uguali gli sga­belli per mungere, uguale il mangiare fatto di formaggio, di patate e di castagne..

"La montagna è la montagna, va dove vuoi, con le sue genti e le sue difficoltà" pensava Gello, "Qui non è poi così diverso che da noi, solo che sono più ricchi. Se fossi ricco mi fermerei a Grussiner! ".

E mentre faceva queste considerazioni la strada gli sembrava sem­pre più lunga.

"Pardoncino Sandro, siamo quasi arrivati? Sono stanco... e poi, perché oggi non ci fermiamo a cercare lavoro ma andiamo dritti a Martigny?" chiede Gello.

"Domani dobbiamo essere da della gente che ci dà un buon lavo­ro, ma bisogna spazzare i camini proprio domani, non un giorno prima nè un giorno dopo" gli risponde Sandro.

Vaatinen

Il giorno dopo, l'inverno regalava una giornata di sole, fredda ma con i colori che sanno dare solo le piante della montagna, e con le stra­de piene di foglie che cantano sotto ai piedi.

"Garzone, siamo arrivati" dice Sandro mostrandogli con il dito una grossa villa.

Attraversato un cancello di ferro alto come tre persone, i due spaz­zacamini passano in un viale con intorno delle piante basse, e sotto alle piante degli strani nani di gesso, di tutti i colori.

"Sono persone che hanno dei soldi, ma sembrano strani" dice Gello, "Vedete che statuette hanno nei prati?".

"E perché non sono di questi luoghi, vengono da un paese lonta­no dove il sole rimane sempre basso e il ghiaccio diventa alto dei metri più in su ancora degli svizzeri e dei tedeschi".

"Ma perché vogliono che gli disincrostiamo i camini proprio oggi?" torna a chiedere il ragazzo.

"Mi hanno detto che aspettano Klaus, deve essere un parente, e anche molto amico del bambino; sua madre gli diceva: "Vedrai che sta­notte arriva klaus, come tutti gli altri anni..." si vede che vogliono far­gli trovare tutto lucido! !", e mentre Sandro dice così arrivano due ser­vitori e i1 padrone.

"Buongiorno Her Vaatinen, siamo qui per pulire i camini, proprio oggi che è la vigilia di Natale, come avete ordinato" continua Sandro facendo un inchino con il cappello in mano.

Il padrone, con un gesto della mano indica ai servitori di portarli dentro casa, e gli spazzacamini li seguono.

Nel viale non c'era più nessuno, quando il primo dei nani di gesso... incomincia a muoversi.

"Gnomo Logan, mi senti?" dice sottovoce.

"Si gnomo Trill, hai visto il ragazzo?" risponde il secondo.

"Si, l'ho visto, e mi sembra che possa andare bene: è orfano, rispet­ta il suo padroncino, e vuol bene agli animali, e non tocca le cose che non sono sue quando va nelle case dei ricconi, e... ".

Dopo qualche minuto tutti gli gnomi avevano preso vita e discu­tevano del garzone!

Klaus

Il garzone era entrato nelle canne dei camini della cucina, del gran salone, della stanza del padrone, e rimaneva solo più la stanza del bam­bino dei Vaatinen. Il camino non era piccolo, e il garzone riusciva a raschiare il primo pezzo senza difficoltà ma più in su, forse per la stan­chezza della giornata, quando era quasi in cima, gli scivola la presa del ginocchio e si sente cadere in basso senza riuscire a fermarsi..! !

Di colpo una mano robusta lo afferra per la consuntissima cami­cia e lo porta fuori, sul tetto.

Gello riconosce subito l'uomo dei sogni, anche se adesso e vestito con un grosso cappotto rosso e un berretto bianco e rosso. Il vecchio lo tiene per la mano e gli fa vedere una grossa slitta trainata da quattro bestie con in testa delle corna che sembrano i rami dei noccioli

II garzone non sa più se sogna o se vede la realtà, ma il vecchio sale sulla slitta e gli fa:

"Vieni con me, Gello".

Lo fa sedere vicino a lui, e mentre la slitta vola in cielo incomin­cia a raccontargli:

"Dalle mie parti mi chiamano Klaus, Santa Klaus, invece da te mi chiamano Babbo Natale... adesso sono vecchio e faccio fatica a pas­sare dentro ai camini per portare i giochi ai bambini".

Poi, ricordandosi del sogno di Gello:

"Si, i camini li trovo sempre belli lucidi, ma questo non mi basta! Così ho incaricato i miei amici gnomi di trovarmi un ragazzo piccolo e pratico del mestiere: per fortuna sono arrivato prima che tu cadessi! vedrai, con un padroncino come me ti troverai bene...".

Il padroncino Sandro va raccontando ancora adesso la strana sto­ria del suo garzone, che salito nella canna del camino non ne è più usci­to, mangiato, secondo lui, dalle streghe di Martigny.