Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

Barlich e lu Magu Spua Fua

Barlich ed il mostro sputafuoco

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: personale

Data Pubblicazione: 2002

Autore: Piergiacomo Verlucca

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Castellamonte

franco-provenzale

Piergiacomo Verlucca Frisaglia (Castellamonte - To)

1° Classificato - Premio Provincia di Torino

I eret na vota... tant, ma tant teins feet, na spirifulet ad nor Barlich. Al vivet tranquilamnt la sua vita aran a la rueri apeja a Jariner ad Nuasci. Sicume aleret na spirifulet al pudet gnen tant scerier ne omn ne fnes. Al rusies e l'anvidia, robes tipi­ches dle gens, ai cugnusen gnen ja spirifulet, parsinchi a pen­saun che jom a jerun stravagan e mesi sicoria, e par sinchi as faren vera menu che a puden. Difati viu che barba Givan a leret veia e a lavet lascia duert lois dla troina.

Lu brav Barlich ales alaa subit andeinta a vera san che aieret.

Anche se aleret na spirifulet, a la tasaa e dit che aleret propi bun sla roba rusà che barba Giuan al tinivet an tal butal al freesch: umhh tan pu bun che lu lasel.

An poches paroles anche se lu spirifulet aleret ghitivot a seret flapaa deies liter. Ad vegn: ineret da anciucar an plutun d'alpin fugurti na spirifulet!

Comunque gira da sci, gira da la strambalan, fasent sei e no sent meter da la troina ad Barba Giuan (deies liter, sent meter... al cunsumevet puus che na Ferrari).

A la fein a ses mac pi cucia ados an roc apeia a la rueri.

Al runfavet talmen fort che fina la truta pu surda i pensavet che javen turna duartaa la segarei. Cuanche Giuan as nes ancur­soi alat capei subit sichieret.

Rabieea me an cet par san che javet cumbinea, a la naa an cas a Barlich campandlu an tla rueri.

Lu ghitivet asneret gnenca ancursoi: aleret talment ciuc e ghitii che al faert gnen fatiga. A sceer pursuri ava e paree lu nanu runfante al scieia purtaa via da la curent dla ruerei. Dopu an bel poo a ses frumaa an ti na guietta e finalment Barlich a ses duvi­ja. A ses duvia tut anrabiea. Al suntuet mal dapartut, la buci’ ampastaa e na gran malatesa. Barlich alamparavet cume asciset dopu na bla ciuca. Ales alvaa e as na na bla supataa. Al pansavet: magari da andrumi seinsa ancormi su rubataa dan sal roc an tla rueri. As rendet gnen cuen che ieret già pasaa dures ed duresda quan che l'ava i lavet purtaa via, al sercaut ad capeir da che part ieret la sua balma. Niente da fari, forse a lavet esagerea an tal beri e aurà al savet pi gnen andua che alerei. Pius che al girivet pius che as rendet cuen che chi aleret mai scea: che piumba che piumba... Ciuminandu lung la rueri a laat viuu na roba nua, mai viua prima. Ad siguur a laven feta iom, parchè mac loor a suun bun a fari drobes paree stranes. An punt, an punt ad boa, ma divers da ietri che chel a lavet viuu fina aurà. Ados al punt a curet na via strana. Na via feta da dui toc ad feer che a curen ampara tra dlor, con suta dle traver­sines ad boa... sincà san chieret mai e san che as na faren?

Barlich ales muntaa ados par capeini quaiciosa. Dopu cia­paa da la curiusitea ad savera andua che ialavet a finiir sla via chi as ses butea a ciumineer.

Ciumina e ciumina..., ma sacucin, sci as ruet da gnunes part, es sempri tut astees!

E dopu se a fiset i na via, giari' già truva quaidun datri...

Barlich al cumanseivet a suntisi an po strac e a ses astaa ados a sla via feer. Mentri che as ripusavet al giuvivet can la sua fantasia, bichendu al nubiettes dal seier al sercavet nai na furma.

Che blà aslachi', iasmiet na fea e latra iasmiet propi an cin,lu cin che al bechet al fees, ma sacucin, su propi strac, giai al ciam­bes ammurties. Ma che roba su ammurtii da part tut...

Aspeta an mumen, atru che ammortii, a sun sles stranes bares ad feer che a trembiun, ma san che a capitet?

Mentri che aleret ciapaa da tut sinchi,Barlich al suntet an subiu tremendu. A ses giriaa da na part dla via ferrata:ieret anciumin che aruvevet na roba che iaspuevet fum e flames che i faret poire mac a velu. Mii gnen sceer sci a cimasi o a capeir san­che ieret... l’unica es ascapar ala veloce. Par tant che a laviset poira da sal mustru, Barlich al cunti­nuevet a sceer an tla via ferrata. E par tant che al curet sempri du pius, sal brutes al curet sempri pi fort che chel, a leret sempri pius aran. Barlich al sun­tuet già ados lu fiea da sal mustru. As girivet gnenca pi andre a bicheer. L'ammaginevet già na grenta buci’ largi anciumin a mingilu. La tarloci iaat multiplichea par sent al forses a la spiri­fulet che, par la disperasiun al riuscivet a mantiniier lu distac dal mustru. Sal mustru, scusedes, sla lucumutiva, lu cap trenu, an certu Fabris Ottorino da Nichelino, a ses pasaa al mans an tiuvi. Al pudet gnen creeri! Sanchieret sal ciusatu la che al curet cume an mat? Gauti balengu che git piu suta! Mii nai na subiada cun lu subite a vapur... Pius che Ottorino al subievet e pius sillee al ciuminevet,ma sempri an sla ferrovia. Ieret lu prim ad lugn dal 1906 e par la prima vota na macchina a vapuur iaruvevet a la staziun ad Punt Canaveis. Suse par fala curta ieret l'avveniment dal sal gior la. Anche se gi credu gnen che ai set quai articul an sli giurnal dalura. Aierun tuti vusu bel duan da la staziun, sli che a cuentun, sindic e prevost ansema... La banda e tut lu canaves vinuu a curiusar. Che la lucumitiva i ruevet as capeivet parchè lu machinista al subievet an cuntinuasiun. Forse gasaa par l'avenimen al vulet far savera che al ruve­vet propi. Dopu gen viuu la lucumutiva e i vagun che aierun sempri pius aran. E quaidun a la dit: "Ma iat quaiciosa duan dal trenu!" Alura tuti a bicheer: ieret propi vera: ieret na roba ghitiva ghitiva. Che lu Signor an perdunet ma se gi credisu dabun diri chieret an gnomo. Ma cume al curet, sicuramen cume lu trenu, ma forse anche du piuus. Lu trenu al ruevet a la stasiun e partan al ralentavet, lu spi­rifulet no. Ruea quasi al fund di binari, duan dal marciapia da sli che a cuentun, a capitet che la banda is butet all'ampruvis a sunar la "Bacivellica" an unur dal trenu. L'umetu sempri ad cursa, al sun dla banda, al feet an gran argiup e a sa sa spaventet tut, e a la truva niente mii che afunsi suta la grosa vesta dla fnà dal sindic. La grasiusa madama is butet a braiier cume na gilnà. Munsu' Sindic al curet an aiut a la sua fnà ciamand anche i carabiniè "a me a me". Tuti ados a la sindachessa preri compres. An tal casin che capitea, la sindachessa ies vulaa a ciambes ana­ria ansema a la sua vesta e i muset a tuti an gran bel peer ad midandes cun i piset, e tra i piset a spuntavet lu spirifulet. Silichi' suntent ca lu ciapaun, al lasciet al midandes dla sin­dachessa. E pasand tra na ciamba e latra, a la spareet. Lu poru preri mes antardet par san che ieret capitea, cun l'a­spersori an man, anveci che benedir lu trenu al benideet al midandes dla sindachessa (magari par gavai lu diau). Pi gnun a sat andua che ales l'umetu. Dopo lu mument ad cunfusiun, as butun turna tuti al sun post. La banda i tachet Fratelli D'Italia e lu prevost al benideet finalment lu trenu. Barlick cun lu cor che i batet fort, a seret afundoi an tla grosa vasca d'ava dla stasiun, e al mac pi surtei quan che ieret propi già scuur e ieret pi gnun. A sun pasaa tenti an dantlura. Lu trenu a vapur a lan cam­bia cun macchines pus mudernes, es cambia an po tut, ma Barlick... al cura veivf. Certo che urà a les già veiotu e al perdet la cursa cun i trenu nua. Na vota a l'an al vint a bicheer, cun rigret, lu trenu a vapur che al turret a Punt: urmai chel la ferro­via a lat an tal sanch... e gnen mac slà! Vuleu che u disoo tut? La cuenta sci a mlat cuentea mun barba Alfonso. Chel par tenti an. A la fet lu caselant, vu ricurdau sli om che a tiriun sois o gius al bares di pasagi a livel ad na vota? E beign a ma giurea an sla sua dignitea, che puus che na vota a la truaa na bara dal pasagi a livel. Fora da post.Jeret Barlick che par dispet as vendichevet dal magu spua fua. Ma barba Alfonso al savet cume piilu. Quanche a cuman­seivet a venir ascur, aran al casel, al lascivet an bel pintun ad veign:la matinea dou lu pintun aleret vuet...Mafes? Spirit? Barlick o barba Alfonso? Mah fede san po usatri!

italiano

Piergiacomo Verlucca Frisaglia (Castellamonte - To)

1° Classificato - Premio Provincia di Torino

Fiaba in dialetto noaschino.

C’era una volta. .. tanto, ma tanto tempo fa, uno spirit foulet di nome Barlich. Viveva tranquillamente la sua esistenza nelle vicinanze del torrente Orco presso in Località Jerener di Noasca. Essendo una creatura di natura elfica, egli mal sopportava la presenza degli esseri umani.

La litigiosità e l'invidia cose tipiche degli umani, erano atteggiamen­ti completamente sconosciuti agli esseri fatati, quindi ritenendo gli uomini esseri strani e bizzarri, era molto meglio starsene alla larga da loro.

Infatti, approfittando del fatto che il vecchio Barba Giuan avesse incautamente lasciato aperta la porta del suo crottino, il buon Barlich, ne entrò per curiosarci all'interno.

Nonostante fosse una creatura magica, assaggiò e giudicò niente male quel liquido rosso che il vecchio Giuan teneva nelle botti al fresco. Umhh... molto meglio del latte.

Insomma, lo spiritello nonostante fosse piccolino, riuscì a tracan­narsi un bel dieci litri di vino, di che ubriacare un plotone di alpini, figu­rarsi un foulet!

Vaga e gira, gira e vaga con andatura molto traballante, fece un centinaio di metri dal crottino del vecchio Giuan (dieci litri, cento metri. . . consumava più d'una Ferrari). Ed alma fine crollò su di un pie­trone nel greto del torrente.

Russava talmente forte che perfino la trota più sorda del torrente si chiedeva se avessero riaperto la vecchia segheria.

Quando Giuan s'accorse del misfatto, non tardò molto a scoprirne il colpevole. Furente per il furto subito, il vecchio fece ruzzolare giù dal pietrone Barlich, facendolo finire dentro al torrente.

II piccoletto, manco s'accorse di quello che era successo. Era talmente minuscolo che non faticava a stare a galla. E così, il nanerottolo ronfante, venne trasportato dalla corrente. Infine, il suo corpicino venne attirato da una secca e s'incagliò alla riva. Finalmente Barlich si svegliò .

Si svegliò molto di malumore. Si sentiva tutto rintronato, la bocca impastata ed un terribile mal di testa. Barlich stava sperimentando i postumi d'una sbornia.

Si alzò e si diede una scrollata. Pensava, nel sonno magari inav­vertitamente si fosse sporto dal roccione e fosse finito dentro l'acqua. Non si rendeva canto che erano passate ore ed ore in cui era stato tra­sportato a valle dalla corrente. Stava cercando di orientarsi per capire dove fosse la sua tana.

Niente da fare, forse aveva esagerato un po' con quel beveraggio ma sta il fatto che, non capiva più dove si trovava. Più girava e più si rende­va canto di non riconoscere nulla di familiare. Strano, molto strano.

Camminando lungo il greto del torrente, si imbattè in una cosa nuova, mai vista. Sicuramente era stata fatta dagli uomini, perchè solo loro erano capaci di simili stramberie. Un ponte, un ponte di legno, ma diverso dagli altri, da quelli che aveva visto sin d'ora.

Su di questo correva una insolita strada.

Una strada fatta da due pezzi di ferro che correvano paralleli fra loro, con sotto delle traversine di legno... chissà mai cos'era ed a che cosa serviva?

Barlich ci salì sopra per capirci meglio. Poi preso dal desiderio di sapere dove andasse a finire quella strana strada, iniziò a camminarci. Cammina e cammina... ma, accidenti! Qua non si arriva da nessuna parte. E sempre tutto uguale... e poi se fosse una strada, prima o dopo avrebbe già incrociato qualche altro viandante.

Barlich cominciava a sentirsi un po' stanco. Si sedette su di quella strana strada ferrata. Mentre oziava, cominciò a fantasticare con la mente, osservando le nuvolette in cielo, cercando di dare a loro una forma conosciuta.

Bella quella! Sembra una pecorella... e quell'altra pare proprio un cane, il cane da guardia del gregge. Ma accidenti, come sono stanco, che formicolio alle gambe! Strano, il formicolio adesso ce l'ho anche alla testa! No, aspetta... macchè formicolio, sono queste strane barre di ferro che stanno vibrando... ma che succede?

Mentre si stava domandando tutte queste case, Barlich udì un fischio assordante. Si girò, da un lato della strada ferrata, stava avvici­nandosi un terribile mostro che sbuffava fumo e fiamme. Meglio non chiedersi chi o cosa fosse... l'unica era eclissarsi, ed alla svelta anche! Per quanto terrorizzato fosse, dall'apparizione del mostro, Barlich continua­va a rimanere sopra la strada ferrata.

E per quanto corresse sempre di più, quel brutto mostro correva sempre più veloce di lui, si stava avvicinando. Barlich si sentiva già l'a­lito fetido del mostro addosso... Non si girava neanche più indietro per guardare. Immaginava una enorme bocca spalancata pronta ad ingoiar­lo. La paura centuplicò le forze del folletto che, pur disperatamente man­teneva il distacco dal mostro.

Sul mostro, pardon sulla locomotiva, il capomacchina, tale Fabris Ottorino da Nichelino, si passò le mani sugli occhi. Non poteva crederci! Cos'era quell'affarino la davanti che correva come un matto? Togliti, stu­pido che finisci sotto! Meglio avvisarlo col fischio del vapore.

Più Ottorino suonava il fischio e più quello se la dava a gambe, ma sempre sulla ferrovia.

Era il 1° luglio 1906 e per la prima volta un convoglio a vapore raggiungeva la stazione di Pont Canavese. Questa in breve fu la crona­ca degli avvenimenti di quel giorno. Anche se... non credo ne troverete traccia sui giornali.

Si era tutti in bella mostra di fronte alla stazione, le autorità, Sindaco e Prevosto compresi. La fanfara ed un sacco di curiosi interve­nuti all'avvenimento.

La comparsa della locomotiva ci fu preannunciata con largo margine di anticipo dal continuo fischiare da parte del macchinista. Forse costui preso dall'euforia del momento, voleva far sapere a tutti che il convoglio stava arrivando. Poi vedemmo la Locomotiva ed i vagoni pian piano deli­nearsi sempre più della linea dell'orizzonte. E poi... qualcuno disse:

"Ma c'è qualcosa davanti al treno!"

Guardammo tutti bene. Era vero! C'era un affarino piccolo piccolo. II Signore mi perdoni. Ma se ci credessi davvero direi che si trattava di uno gnomo. Ma come correva! Veloce come il treno. Forse anche di più!

La locomotiva stava entrando in stazione e quindi rallentava. Lo gnomo no. Arrivato quasi al fondo del binario, di fronte al marciapie­de delle Autorità, successe che la Fanfara si mette all'improvviso a suo­nare la "Bacivellica" in onore del treno. L'omino sempre in corsa, alle note della banda ha uno scatto di terrore e non trova di meglio che nascondersi sotto gli ampi sottanoni della Moglie del nostro Sior Sindaco.

La Gentile Signora si mette a chiocciare come una gallina faraona.

II Sior Sindaco corre in aiuto alla prima cittadina invocando i gen­darmi presenti: 'A me! A me!" Tutti addosso alla Sindachessa, Parroco compreso. Nel parapiglia si rovesciano nell'ordine: la Sindachessa, i di Lei sottanoni mettendo in mostra una splendida lingerie di mutandoni di pizzo tra i quali spunta lo gnomino.

Quest'ultimo sentendosi braccato, abbandona il provvidenziale nascondiglio, eclissandosi tra le gambe dei baldanzosi soccorritori.

II povero Parroco scombussolato dall'evento, aspersorio alla mano,invece di benedire la locomotiva impartisce la benedizione ai mutandoni della Sindachessa (forse per esorcizzarli.. .).

Del piccolo uomo si perdono le tracce. Dopo l'attimo di sbanda­mento, ci si ricompone tutti quanti. La fanfara attacca l'Inno di Mameli ed il Prevosto riesce finalmente a benedire il locomotore.

Barlich con il cuore in gola, s'era nascosto nell'ampia cisterna del­l'acqua della stazione, e ne uscì solo a notte fonda, quando non c'era più nessuno.

Sono passati tanti anni da allora. La locomotrice a vapore e stata sostituita da mezzi più recenti, tutto è cambiato. Ma Barlich... c'è anco­ra. Intendiamoci, adesso anche lui e anzianotto e non riesce più a com­petere nella corsa con le nuove locomotrici. Una volta l'anno viene a guardare con nostalgia il ritorno del treno a vapore a Pont. È rimasto a vivere nei dintorni della stazione di Pont, ormai lui la ferrovia ce l'ha nel sangue... e non solo quello!

Volete che ve la dica tutta? Questa storia me l'ha raccontata mio zio Alfonso. Sapete, lui per tanti anni ha fatto it casellante. vi ricordate quei signori che abbassavano o alzavano le sbarre nei passaggi a livello d'una volta? Ebbene mi ha giurato sul suo onore, che più d'una volta ha trovato una sbarra del passaggio fuori posto. Era Barlich che per dispetto si vendicava del mostro sputafuoco.

Ma zio Alfonso sapeva come rabbonirlo. Al calar del buffo vicino al casello lasciava un bel bottiglione di vino. L'indomani all'alba il botti­glione era vuoto...

Mistero? Magia? Barlich o... zio Alfonso?

Boh... fate un pa' voi!