Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

Alba e lou treno

Alba e il treno

Tipologia file: testo Frp/ita

Tipologia testo: Fiaba

Grafia testo frp: personale

Data Pubblicazione: 2002

Autore: Rosina Gravina

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp:Ronco Canavese

franco-provenzale

Rosina Gravina (Ronco Canavese - To) 2a Classificata

En iaggio ou i eret na meinà da li pei ròs i'uei grand e la peul bienci, de noun Alba. Tuti li gior la meinà i se leva­vet douant che ou ruasset lou seroi perché cheteunti i erount li varcan da fare, e i'euire dla giournà i erount mai preui.

Alba i eret nasua en te na mountaggni parè blà che i s'la pourtavet seumpre en tel cher, e fina da pitouda ou li toucivet fare, coume tuti li meinà del pais, tuti li varcan che i erount necessari plou vivre de tuti li gior en famii.

A Alba i voulont tuti bin, anche se i eret counsiderai ahcazi na serventa, e heunchì perché i eret la pi greunta dli frare. Alba i alavet pla campaggni a fare bouhc, i cuivet le cheggne, i poulivet mazoun e i lavavet al bui. Tuti i se demandavount me the i fazeit na meinà parè pitouda e delicai a fare tute he ciouze che souent i peizavount aoue a le durbie.

Alba, anche se al coucìer del seroi i se lasivet alar en ten gran senò, i s'eret mai lamentai per le vitte e i aveit mai dit de soun patìer dal trop varcan. Tute le matin, me che ou se direvet, Alba i se levavet che aletet encò ahcur, e lehta i ancaminavet li varcan. Ma canche li primi rag del seroi i ancaminavount a farse verra da derer a li bric, Alba sei i pouseit i chitavet sie faccende per boucar lo hpettacolo del levasse del seroi.

Canche la mountaggni i se hchiarivet, i le sembiavet en gigant che ou se deveivet. Apré i ancaminavet a verra da logn li particoular: le punte hteilaie de ghiahi, le pitoude mazoun e le vie dli ciantoun pitoude pitoude per via dla dihtanhi, en coun­veunt coun en cioucher, en ciahtel dezbourà. Alba i souhpiravet.

Me che ou i ariret fait piazìer ruar fina lai su, e poui encò pì en nai, travezar valàie e rouere per dehcouvrier tuti li segret de hi pais ichì. Ma alerèt en soungio a uei duert. I s'avizavet però de chanche i eret -chetant pitouda e sie frare i erount encò gneunt naisù canche soun pappa ou la prendivet soueuns a cavalotta per menala pli pra e pla campaggni. I tournavet aleuira a verra na greunta bandia de piante, en lac coun d'aive bioue...

En gior Alba, en tant ch'i eret tot preiti dal cuier le coucalle per anvihcar la htua, coucalle che aprè i ariret poui pourtà ou mazoun en tel hahtoun, i at vu derer a na grosa pianta na ciou­za che i eret mé na mazoun, ma pitouda pitouda.

La meina, curieuizi pla pitouda mazoun, i se fremmet per verra cali chi susount li tri chi vihtavount dedint.

E i at douu tende en be toc douant de verra li pitoudo om ruar coun de pitoudi car ciargìa de bouhc e sac del mingier coun aprè trancouile le behtie dla bandìa.

Alba, preiti de sourpreiza ma seunsa peiri, i se fait avanti en fazando en salut e demandando da dareui chi rouavount e mè che i se demandassount.

Li pitoudi om i li diount aleuira da venier da de pianure tò couertaie de grose piante, e che lou noun de sia geunt aleht "gnomi". Parè ou direvet hou ichì che ou seumbiavet lou brocci en fazando en gro souris a la meinaa per tenila trancouila. Alba, curieuizi, i set aleuira butai a fare mila doumande per savei mè che i avont fait a rouar parè cheteunti e da parè logn.

Lou "gnomo" brocci ou i at aleuira hpiega che en brut gior tuti sie bouhc e sie piante i avont tacà fua, e coun lou fua i erount bruzìe tute le pitoude mazoun.

I erount gior d'oura parè forta chi subiavet a meh dli bous­soun, e ou pievivet pì da vairo teun. Parè ou i ert alà pouc, na pitouda hplua forse, a tacar fua a net, seunsa poudeilo pì fremar; i sount ruhtie le fiugge, li viei fou, e toute le behtie i sount fuìe pei dreit, a hercar na souhta.

Li "gnomi", chi savont gnieunt dareui alar a pasar la neuit, i sount a là en ten pais ichì apia, dareui le mazoun i erount drole, e pouia en himà de barre de fer. I ant aleuira creiu da trouasse en ten paiio veuid, forse en paiio de ceheuir. Intra dedint a le pitou­de mazoun i ant vut de courieuize file de bance de bouhc.

Touti li "gnomi" del gran bouhc bruzia, htrac mort, i se sount coucia en himà a li liet de bouhc, e parè i se sount endo­rurmi dur, finalment a souhta, soungiando lou vert de sie terre e de sie piante.

Parè i ant durmì trei gior e trei neuit, curia mahchè dal ricord de soun gran bouch vert, seunsa savei che le pitoude drole mazoun i erount en "treno" e che i erount chetant ma proppi chetant logn da sia terra bruzia.

I se sount deveìa en te na hità seunsa arbro e seunsa vert, e dehperà i ant continoua a rehtar de dint al "treno" entant che lou brocci dli "gnomi" ou hercavet de savei heunche fare e dareui alar, vihtando a l'uei da gneunt farse verra.

Depoui deversi gior, lou brocci dli "gnomi" ou tournet da sie gire tot su de gir en dizando a i aoutri d'avei sentì che dimen­gi en hità ou i eret na gran fehta per l'oucazioun del prim "treno" che ou alavet en vers le mountagne. Heunchì i countiarount li "gnomi" a Alba.

E entant the li "gnomi" i countiavount heurichì ad Alba, lou gior ou fenivet, e chii i doueit tournar ou mazoun.

Aht ahta parè che tuti li gior Alba i alavet a trouar sie amis li "gnomi", e li "gnomi" per countracambiar i l'aidivount a cuìer le coucalle, lou bouhc e le cheggne.

En bè gior la meinà i at demandà a sie amis se i se souveni­vount del pais dareui che i s'erount fremà coun le pitoude mazoun chi viaggivount de noun "treno", perché i eret propi curieuzi de verle.

Lou brocci dli "gnomi" ou at aleuira dounà sia paroulà de recourdar e de trouar hou pouht ichì; e en iaggio retroua, tuti enseumbio a Alba i sount alà giu pla val parè che per lou prim iaggio i at avu modda da verra lou pais de Pount e la grosa mazoun dle pitoude mazoun en sle rouè, demandai htahioun.

Alba en iaggio tournai ou mazoun iat countia dla greunta pahtocci a sie durbi, che iant decidu d'alar aoue leui, coun tuti li pareunt, a la fehta pla parteunsa del "treno."

Alba e sie frare, coun l'oucazioun' iant parè hcoutà sounar la banda, verra li i'om del "circo" e mingier lou hucher fait a fil.

Apre enseumbio a touta le geunt che i eret ichì en fehta, i se sont butà a salutar coun la man li fourtunà che en sel "treno" i erount en tren da partier. Ma Alba i eret countenta medem. I aveit capì che douant o depoui, chii aoue i sariret muntai en sel "treno" e i ariret pousu verra cheteunti pouht meraviglieuiz.

italiano

Rosina Gravina (Ronco Canavese - To)

2a Classificata

C’era una volta una bimba, dai rossi capelli, gli occhi grandi e la pelle bianchissima, di nome Alba. Ogni giorno la bimba si alza­va prima del sorgere del sole perchè tanti erano i lavori da fare, e le ore della giornata non bastavano mai. Alba era nata in una montagna bel­lissima, che lei amava tanto, e fino da piccolissima aveva dovuto, come tutti i bimbi del paese, fare tutti quei lavori che erano necessari per il vivere quotidiano della famiglia.

Alba era una bimba molto amata, anche se, essendo la più grande dei fratelli, era considerata quasi una servetta.

Alba andava nel bosco a fare legna, raccoglieva castagne, puliva ogni giorno la casa e lavava alla fontana. Tutti si chiedevano come pote­va una bimba così piccola e delicata fare tutte quelle cose che spesso pesa­vano anche alle mamme.

Alba, anche se al tramonto crollava in un sonno profondo, non si era mai lamentata per la fatica e non aveva mai detto del suo patire per il troppo lavoro.

Ogni mattina, come si è detto, Alba si alzava che era ancora buio e subito iniziava i lavori. Ma quando i primi raggi del sole incominciava­no a farsi vedere da dietro i bricchi, Alba tutte le volte che poteva, lascia­va le sue faccende per guardare lo spettacolo del sorgere del sole. Quando la montagna si schiariva, le sembrava un gigante che si risvegliava. Poi incominciava a vedere in lontananza i particolari: le cime stellate di ghiaccio, le piccole case e le viuzze di borgate, piccolissime per la distan­za, un convento con un campanile, un castello diroccato. Alba sospira­va. Come le avrebbe fatto piacere arrivare fin lassù, e anche oltre, attra­versare vallate e torrenti per scoprire tutti i segreti di quei paesi. Ma era un sogno ad occhi aperti. Ricordava però che quando era piccolissima, e non erano ancora nati i suoi fratelli, suo padre la prendeva sovente sulle spalle per portarla nei prati e nelle campagne. Rivedeva un grande bo­sco, un lago dalle acque blu...

Un giorno Alba, mentre era intenta a raccogliere le pigne che poi trasportava a casa con la sua gerla, e con cui accendeva la stufa, ha visto dietro ad un grande albero una cosa che era come una casa, ma piccolis­sima. La bimba, incuriosita dalla piccola casa, si ferma per vedere quali fossero i bimbi che vi abitavano. Ha dovuto attendere un bel pezzo prima di vedere gli omini arrivare con dei piccoli carri pieni di legna e sacchi del mangiare, seguiti da docili animali del bosco. Alba, sorpresa ma non impaurita, si fa vedere salutando e chiedendo da dove arrivassero e come si chiamassero. Gli omini gli dicono allora di venire da delle pianure tutte ricoperte da grosse piante e che il nome della sua gente è "gnomi."

Così diceva quello che sembrava essere il capo, sorridendo alla bimba per tranquillizzarla. Alba curiosa, si è allora messa a fare mille domande per sapere come avevano fatto ad arrivare così tanti e da così lontano.

Gnomo capo gli ha allora spiegato che un brutto giorno tutti i boschi avevano preso fuoco e con l'incendio erano bruciate tutte le loro piccole case. Erano giorni di vento così forte che fischiava tra i noccioli, e non pioveva più da tanto tempo. Così bastò poco, una piccola scintilla, forse, a incendiare tutto, senza poterlo più fermare. Divorò le felci, i vec­chi faggi, e tutti gli animali fuggirono, in cerca di scampo...

Gli gnomi, non sapendo dove andare a passare in notte, decisero di spostarsi in un paese vicino, dove videro delle strane case posate su sbar­re di ferro. Pensarono di trovarsi in un villaggio abbandonato, forse da cacciatori. Entrarono nelle casette, e vi trovarono curiose file di panche di legno. Tutti gli gnomi della grande foresta bruciata, stremati dalla fatica, si sdraiarono su quei lettini di legno, e siccome erano molto stan­chi e provati, si addormentarono e finalmente al riparo, sognarono il verde della loro foresta ormai bruciata.

Dormirono per tre giorni e tre notti, dolcemente cullati dal ricordo della loro verde foresta, senza sapere che le strane casette erano il treno e che loro ormai erano lontanissimi dalla loro foresta bruciata. Si sve­gliarono in una città senza alberi e senza verde, e disperati continuaro­no a stare rinchiusi nel treno, mentre gnomo capo cercava di capire cosa fare e dove andare, stando attento a non farsi notare.

Dopo alcuni giorni, gnomo capo tornò dai suoi giri tutto eccita­to e disse di aver sentito che domenica ci sarebbe stata nella città una grande festa per in partenza del primo treno che andava verso le mon­tagne. Questo raccontarono gli gnomi ad Alba. E mentre gli gnomi raccontavano questo ad Alba, il giorno tramontava, e lei doveva tor­nare a casa.

Fu così che ogni giorno Alba andò a trovare i suoi amici gnomi che per ricambiare l'aiutavano a raccogliere pigne, castagne e legna.

Un bel giorno la bimba chiese ai suoi amici se ricordavano il posto dove erano arrivati con le case viaggianti chiamate treno, perché tanta era la sua curiosità di vederle.

Gnomo capo si impegnò a ricordare e a cercare il luogo, e quando lo trovò, tutti insieme accompagnarono Alba che per la prima volta vide il paese chiamato Pont e la casa delle case viaggianti, chiamata stazione.

Alba racconta dello straordinario avvenimento ai suoi genitori, che vollero anch'essi recarsi, con tutta la famiglia, alla festa per in partenza del treno.

Alba e i suoi fratellini, per l'occasione, poterono ascoltare in banda, vedere i giocolieri e mangiare lo zucchero filato. Poi, insieme a tutta in folla che era li radunata, salutarono con in mano i fortunati che sul treno stavano partendo. Ma Alba era contenta lo stesso. Aveva capito che prima o poi, anche lei sarebbe salita sul treno e avrebbe visto tanti luo­ghi meravigliosi.