Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

Vecchia stradina

Vellho charieretto

poesia di Ugo Flavio Piton

Vecchia stradina
italiano

Non anima viva si vede o si sente passare,

si sente appena uno piccolo sbuffo d’aria;

ascolta bene, vecchia stradina,

il canto di questa fedele bestiolina.

il vivace grillare del grillo,

sull’orlo del campo, sul muretto;

senza paura la ben viva lucertolina

da una fessura fa capolino!

La cavalletta salta da un buon enrico all’altro,

con il sole, poi salta più in alto,

contenta che è viva, senza preoccupazioni,

senza pensare che, domani, forse non è più!

Quanti pianti, rumori e canti

quando tutto andava bene come d’incanto!

Quante cose belle tu hai visto e sentito,

piccola stradina, adesso non ci sono più!

occitan

d'amo vivo se ve o se sent pasâ,

apeno un briou se sent souflâ;

eicuto ben, vellho charieretto,

lou chant de setto fidèllo bestietto.

Lou vìou frilâ dei mouralhet,

dint la ribbo, sû lou muralhet;

senso pòu l'ardìo gramuzetto,

da uno bacho sort sa têtetto!


La lengouto sauto da un'orlo a l'autro,

bou lou sourelh, pöi, pi aut î sauto,

countento d'ese vivo, senso sousì,

senso pensâ que, douman, magaro papì!


Que de plour, de vèrs e de chant

cant tout anavo ben coumà un incant!

Que de choza bèlla tu â vit e sentì,

picitto charièro, öiro lâ li soun papì!


Vecchia stradina

Vellho charieretto

poesia di Ugo Flavio Piton

Vecchia stradina
italiano

Non anima viva si vede o si sente passare,

si sente appena uno piccolo sbuffo d’aria;

ascolta bene, vecchia stradina,

il canto di questa fedele bestiolina.

il vivace grillare del grillo,

sull’orlo del campo, sul muretto;

senza paura la ben viva lucertolina

da una fessura fa capolino!

La cavalletta salta da un buon enrico all’altro,

con il sole, poi salta più in alto,

contenta che è viva, senza preoccupazioni,

senza pensare che, domani, forse non è più!

Quanti pianti, rumori e canti

quando tutto andava bene come d’incanto!

Quante cose belle tu hai visto e sentito,

piccola stradina, adesso non ci sono più!

occitan

d'amo vivo se ve o se sent pasâ,

apeno un briou se sent souflâ;

eicuto ben, vellho charieretto,

lou chant de setto fidèllo bestietto.

Lou vìou frilâ dei mouralhet,

dint la ribbo, sû lou muralhet;

senso pòu l'ardìo gramuzetto,

da uno bacho sort sa têtetto!


La lengouto sauto da un'orlo a l'autro,

bou lou sourelh, pöi, pi aut î sauto,

countento d'ese vivo, senso sousì,

senso pensâ que, douman, magaro papì!


Que de plour, de vèrs e de chant

cant tout anavo ben coumà un incant!

Que de choza bèlla tu â vit e sentì,

picitto charièro, öiro lâ li soun papì!