Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

Pur che sia

Sinsouvellho

poesia di Ugo Flavio Piton

Pur che sia
italiano

Ero un cane ne piccolo… ne grosso

ne brutto… ne bello… ne cattivo…

Il mio padrone che non sapeva pensare

Di nome Pur-che-sia mi ha voluto chiamare.

Ma non me la prendo…

Addirittura Nemo volle chiamarlo

Giulio Verne, un suo famoso personaggio,

Vuol dire Nessuno, eppure era un saggio!

Ma non me la prendo…

Quando il nome sia molto altisonante

è né più né meno come l’abbigliamento:

Ne l'uno né l'altro fanno l'essere più sapiente!

Non me la prendo affatto…

Malgrado io non sia né brutto né bello,

Il mio dovere l'ho sempre fatto

Anche se mi mancava la scodella del latte!

Pur-che-sia è il mio nome…

Ma vorrei ancor dire al mio padrone:

Fedele cerca di essere tu con il Tuo

Come io sono stato con il mio!

occitan

Erou uno vèso pâ picitto... pâ groso...

pâ brutto... pâ bèllo... pâ roso...

mon patroun que sabìo pâ pensâ

de noun Sinsouvellho al a volgù me butâ.

Ma me nen fauc pâ...

adirituro Nemo al a volgù demanda

Zulle Vèrne un de sî persounagge,

la vol dire Pâ-nun, puro l'èro un sagge!


Ma me nen fauc pâ...

cant lou noun sìe bieen altisounant

al ee ne pi mens coumà l'abilhament:

ne l'un ne l'autre î fan l'ètre pi savent!


Ma me nen .fauc proppi pâ

malgré sìe pâ brutto e pâ bello,

mon dövee l'èic toujourn fait

malgré la me manquesse l'eicouèlo dei lait!


Sinsouvellho l'ee moun noun...

ma voriouc encâ dire a moun patroun:

fidèl cèrcho d'èse tu bou lou Teu

coumâ mi siuc iità bou lou meu!


Pur che sia

Sinsouvellho

poesia di Ugo Flavio Piton

Pur che sia
italiano

Ero un cane ne piccolo… ne grosso

ne brutto… ne bello… ne cattivo…

Il mio padrone che non sapeva pensare

Di nome Pur-che-sia mi ha voluto chiamare.

Ma non me la prendo…

Addirittura Nemo volle chiamarlo

Giulio Verne, un suo famoso personaggio,

Vuol dire Nessuno, eppure era un saggio!

Ma non me la prendo…

Quando il nome sia molto altisonante

è né più né meno come l’abbigliamento:

Ne l'uno né l'altro fanno l'essere più sapiente!

Non me la prendo affatto…

Malgrado io non sia né brutto né bello,

Il mio dovere l'ho sempre fatto

Anche se mi mancava la scodella del latte!

Pur-che-sia è il mio nome…

Ma vorrei ancor dire al mio padrone:

Fedele cerca di essere tu con il Tuo

Come io sono stato con il mio!

occitan

Erou uno vèso pâ picitto... pâ groso...

pâ brutto... pâ bèllo... pâ roso...

mon patroun que sabìo pâ pensâ

de noun Sinsouvellho al a volgù me butâ.

Ma me nen fauc pâ...

adirituro Nemo al a volgù demanda

Zulle Vèrne un de sî persounagge,

la vol dire Pâ-nun, puro l'èro un sagge!


Ma me nen fauc pâ...

cant lou noun sìe bieen altisounant

al ee ne pi mens coumà l'abilhament:

ne l'un ne l'autre î fan l'ètre pi savent!


Ma me nen .fauc proppi pâ

malgré sìe pâ brutto e pâ bello,

mon dövee l'èic toujourn fait

malgré la me manquesse l'eicouèlo dei lait!


Sinsouvellho l'ee moun noun...

ma voriouc encâ dire a moun patroun:

fidèl cèrcho d'èse tu bou lou Teu

coumâ mi siuc iità bou lou meu!