Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

L’ape

L’aböllho

poesia di Ugo Flavio Piton

L’ape
italiano

Sono una piccola bestiolina di questa terra,

Ma un vecchio proverbio dice come era:

È sempre meglio uno piccolo e buono

Che uno grande, grosso e fannullone!”

Non era proprio ancora nato San Benedetto

Quando io avevo già adottato il suo precetto

Pregare e lavorare” è, per noi api,

Come per le piante, i fiori e le foglie!

Le mie ali battono veloci e fanno rumore

Elevando giornalmente la mia preghiera al Creatore,

Quando fa bello, da uno all'altro fiore

Il miele prezioso raccolgo con nuovo ardore!

Il miele, che tra tutti gli alimenti

È il più dolce e il più nutriente,

Fa bene alla salute e agli anziani

Specialmente piace ancor di più ai bambini!

Una sola cosa non posso sopportare,

Da quel prepotente d’uomo essere maltrattata!

Ma quando capita, non manco di vendicarmi,

Una puntura pronta ho per farlo gonfiare!

occitan

Siouc uno picitto bèstietto de setto tèro,

ma un velh prouvèrbi â di coumà l'èro:

"L'ee toujourn melh un picit e boun

que un grant, groo e couioun!"

Al èro proppi pancâ naisù San Benedet

cant mì aviouc jò adoutà soun precet:

"Priâ e travalhâ" l'ee, per noû aböllha,

coumà per lâ planta, lâ flour e lâ föllha!


Maz ala lâ battan vitte e lâ fan rumour

elevant journalment ma prièro ai Creatour,

cant la .fai bèl, da uno a l'autro flour

lou meèl presioû cöllhou bou nouvèl ardour!


Lou meèl, que de tutti lh'aliment

l'ee lou pi dous e lou pi nutrient,

â fai de ben a la sandà e a lh'ansian

ma, sigur, â plai encâ pi a lh'anfan!


Uno souletto chozo souportou proppi pâ:

da que prepoutent d'omme èse maltratâ!

Ma cant la capitto, mancou pâ de me venjâ,

uno picuro èic prèsto per lou fâ enflâ!


L’ape

L’aböllho

poesia di Ugo Flavio Piton

L’ape
italiano

Sono una piccola bestiolina di questa terra,

Ma un vecchio proverbio dice come era:

È sempre meglio uno piccolo e buono

Che uno grande, grosso e fannullone!”

Non era proprio ancora nato San Benedetto

Quando io avevo già adottato il suo precetto

Pregare e lavorare” è, per noi api,

Come per le piante, i fiori e le foglie!

Le mie ali battono veloci e fanno rumore

Elevando giornalmente la mia preghiera al Creatore,

Quando fa bello, da uno all'altro fiore

Il miele prezioso raccolgo con nuovo ardore!

Il miele, che tra tutti gli alimenti

È il più dolce e il più nutriente,

Fa bene alla salute e agli anziani

Specialmente piace ancor di più ai bambini!

Una sola cosa non posso sopportare,

Da quel prepotente d’uomo essere maltrattata!

Ma quando capita, non manco di vendicarmi,

Una puntura pronta ho per farlo gonfiare!

occitan

Siouc uno picitto bèstietto de setto tèro,

ma un velh prouvèrbi â di coumà l'èro:

"L'ee toujourn melh un picit e boun

que un grant, groo e couioun!"

Al èro proppi pancâ naisù San Benedet

cant mì aviouc jò adoutà soun precet:

"Priâ e travalhâ" l'ee, per noû aböllha,

coumà per lâ planta, lâ flour e lâ föllha!


Maz ala lâ battan vitte e lâ fan rumour

elevant journalment ma prièro ai Creatour,

cant la .fai bèl, da uno a l'autro flour

lou meèl presioû cöllhou bou nouvèl ardour!


Lou meèl, que de tutti lh'aliment

l'ee lou pi dous e lou pi nutrient,

â fai de ben a la sandà e a lh'ansian

ma, sigur, â plai encâ pi a lh'anfan!


Uno souletto chozo souportou proppi pâ:

da que prepoutent d'omme èse maltratâ!

Ma cant la capitto, mancou pâ de me venjâ,

uno picuro èic prèsto per lou fâ enflâ!