Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

La mia lingua

Ma lengo

poesia di Ugo Flavio Piton

La mia lingua
italiano

Fra tutte, la più antica discendente

di quel saggio e illustre latino

che, dopo la sua inevitabile decadenza,

è stato “mescolato” anche in Provenza.

Proprio lì, la mia lingua, ha forgiato

poi di illustri e onorati,

che con amore, destrezza ed intelligenza

hanno fatto onore alla Provenza!

Daniele Arnaudo, il più illustre e celebrato

da Dante, l'unico che e stato onorato

con otto versi in buon provenzale,

sulla sua Commedia, lo ha esaltato!

La nostra lingua, la nostra vera parlata,

il nostro fiorito, gioioso e bel patouà,

è, con qualche piccola differenza,

il fiorito parlar di Provenza!

Con Mireio, un poema bello e meraviglioso,

il Nobel per la letteratura, si è fatto onore

un grande e nobile maestro provenzale,

scrittore e poeta, Federico Mistral!

È dei miei avi, la sua parlata,

la più bella lingua che ci sia stata,

è la prima perché le mie orecchie abbiano udito,

quando la carezza di mamma mi benediva!

occitan

Tra toutta, la pi ansiano disendento

de quée sagge e ilustre latin

que, aprê la fatalo decadenso,

al ee iità decò melenjà en Prouvenso.


Proppi eiquì, ma lengo, il a fourjà

pouetta ilustre e ben ounourà,

que boun amour, adreso e inteligenso

il an fait ounour a la Prouvenso.


Daniel Arnaud, lou pi ilustre e celebrà,

da Dante, l'uniqque que ee iità ounourà,

bou oth verset en boun prouvensal

su sa Coumedìo al a ezaltà pâ mal!


Noutro lengo, noutre vere parlà,

noutre flurì, jouioû e bèl patouà

l'ee, bou quèico picitto diferenso,

lou parlà flurì de Prouvenso!


Bou Mireio, un poueme bèl e meravilhû,

lou Noubèl de la leteraturo â s'ee fait ounour

un grant e nòbble meitre prouvensal,

eicritour e pouetto, Federic Mistral!


L'ee, de miî reire sennhe, soun parlà,

la pi bèllo lengo que li sìe ittà,

l'ee l prumièro que maz aurellha an sentì

aprê la careso de ma mamma que m'avìo beneizì!


La mia lingua

Ma lengo

poesia di Ugo Flavio Piton

La mia lingua
italiano

Fra tutte, la più antica discendente

di quel saggio e illustre latino

che, dopo la sua inevitabile decadenza,

è stato “mescolato” anche in Provenza.

Proprio lì, la mia lingua, ha forgiato

poi di illustri e onorati,

che con amore, destrezza ed intelligenza

hanno fatto onore alla Provenza!

Daniele Arnaudo, il più illustre e celebrato

da Dante, l'unico che e stato onorato

con otto versi in buon provenzale,

sulla sua Commedia, lo ha esaltato!

La nostra lingua, la nostra vera parlata,

il nostro fiorito, gioioso e bel patouà,

è, con qualche piccola differenza,

il fiorito parlar di Provenza!

Con Mireio, un poema bello e meraviglioso,

il Nobel per la letteratura, si è fatto onore

un grande e nobile maestro provenzale,

scrittore e poeta, Federico Mistral!

È dei miei avi, la sua parlata,

la più bella lingua che ci sia stata,

è la prima perché le mie orecchie abbiano udito,

quando la carezza di mamma mi benediva!

occitan

Tra toutta, la pi ansiano disendento

de quée sagge e ilustre latin

que, aprê la fatalo decadenso,

al ee iità decò melenjà en Prouvenso.


Proppi eiquì, ma lengo, il a fourjà

pouetta ilustre e ben ounourà,

que boun amour, adreso e inteligenso

il an fait ounour a la Prouvenso.


Daniel Arnaud, lou pi ilustre e celebrà,

da Dante, l'uniqque que ee iità ounourà,

bou oth verset en boun prouvensal

su sa Coumedìo al a ezaltà pâ mal!


Noutro lengo, noutre vere parlà,

noutre flurì, jouioû e bèl patouà

l'ee, bou quèico picitto diferenso,

lou parlà flurì de Prouvenso!


Bou Mireio, un poueme bèl e meravilhû,

lou Noubèl de la leteraturo â s'ee fait ounour

un grant e nòbble meitre prouvensal,

eicritour e pouetto, Federic Mistral!


L'ee, de miî reire sennhe, soun parlà,

la pi bèllo lengo que li sìe ittà,

l'ee l prumièro que maz aurellha an sentì

aprê la careso de ma mamma que m'avìo beneizì!