italiano

Papà Germano, raccontami ciò che ti ha raccontato tuo padre.

 

A riguardo di cosa? Delle pecore e di qualcosa così? Si si.

Ti posso dire che quando... d'autunno, alla fine dell'estate, verso l'autunno, scendevano a Barbone (antica borgata) e poi mettevano le pecore nella stalla, gli preparavano la lettiera di letame e tutto e poi scendevano a Verdeggia per cenare e dormire. Il cane, avevamo una bella cagnetta che si chiamava Labrina, scendeva con noi, papà gli dava da mangiare e poi gli diceva: "Va' a Barbone dalle bestie".

Al mattino seguente il papà si alzava, facevano colazione (con la mamma) e poi partivano; quando arrivavano lassù non era sulla porta di casa, ma sulla porta delle pecore per fare la guardia.

 

Poi com'era la giornata? Cosa facevano?

 

La giornata poi continuava così: facevano uscire le pecore, le distribuivano e salivano a Rocca Barbone o nei Muntari (località) ed andavano a pascolare; dipendeva dall'erba se andavano da una parte o dall'altra o il tempo se era brutto o bello e a quel punto prendevano la direzione che preferivano o che secondo loro era la più bella.

 

Fino a quando rimanevano a Barbone?

 

Fino a settembre, i primi di ottobre e poi si ritiravano e scendevano in bandita. Dalla nostra parte.. dalla parte di mio padre andavano a Pompeiana in transumanza (bandita) verso il mare, in "bandia" si dice, mentre dalla parte di mia madre, che erano di Realdo, andavano a Valoria, sempre in transumanza. A qui tempi, quando viaggiavano da lassù facevano i bagagli e attraversavano tutti le montagne sia con le pecore che con la mula e ritornavano giù e viceversa di ritorna quando salivano in primavera.. Dipendeva dalla stagione, ma dai primi alla metà di giugno salivano a Verdeggia e poi verso... aspetta... che non voglio dire cose incorrette... luglio salivano sulla punta, ci andavano dalla parte di Verdeggia, che rimane oltre la galleria del Garezzo. Andavano laggiù e ci passavano l'estate perchè c'è 'erba più fresca e più buona e poi d'autunno scendevano. Invece, dalla parte di mia madre, mio nonno Cé e mia nonna Margherita andavano in "Losg" (località) che rimane.., quando sei dal Santo del Saccarello la vedi laggiù nel vallone dove c'è ancora adesso il recinto della "vastera" (il recinto in pietra delle pecore) dove di notte le mettevano a dormire (le pecore) e le mungevano.

 

Grazie papà Germano.