Enti in rete L.482/99   

Edizione 2016

Premio Speciale - Kola TUBOUSUN

Èdè bí Ìjà/Kíkú Láàyè

Lingua yoruba (Nigeria) - "Premio Ostana scritture in Lingua Madre" edizione 2016

Premio Speciale - Kola TUBOUSUN
italiano

Kola Tubosun è un raffinato linguista, insegnante e scrittore, la cui esperienza professionale comprende professioni come l'editor, il traduttore, il blogger e l'insegnante di lingua nei diversi livelli di istruzione scolastica. Ha lavorato come professore di lingua straniera presso la Southern Illinois University Edwardsvilleand e presso l'Istituto Internazionale di St. Louis, Missouri. Attualmente insegna lingua inglese a Whitesands scuola, Lagos, Nigeria.

Egli è la mente del progetto TweetYoruba, che ha tradotto Twitter in lingua Yoruba, e YorubaName.com, è uno sforzo collettivo per documentare la lingua Yoruba (e altri dialetti e lingue africane). Tiene anche il blog di viaggio Ktravula.com

Kola Tubosun ha pubblicato i suoi racconti e articoli nigeriani ed internazionali in numerose riviste letterarie, come 'The Sentinel', magazine di poesia trimestrale, Concelebratory Shoehorn Review, Sentinel Nigeria, Klorofyl, Saraba Magazine, Acero Literary Supplement, Sostanza soggettiva, Farafina, 234Next, Letterario Internazionale trimestrale, The Moth, The Alestle (SIUE), College of Arts e pubblicazione Scienze (CAS), Orbita Journal, Nigerianstalk.org, guardiano Regno Unito, Ake Review, ed altri.

Un’intervista con lettura poetica:

https://www.youtube.com/watchv=XGT9t__HmwY

Un suo intervento su yoruba Multimedia Dictionary: https://www.youtube.com/watch?v=YtHvG_Mkc60


ANTOLOGIA

TESTO ITALIANO

Parola, Come una Battaglia

Canzone:

Il bambino non ci mette mai molto a crescere (x2)

Ho dato alla luce il mio in un piccolo fagotto.

Il bambino non ci mette mai molto a crescere.

Mi sono svegliato oggi per guardare un portento.

Mio figlio, il piccolo bambino di appena prima

è diventato un rumoroso giovane smunto.

Il piccolo fagotto di bambino di appena ieri

ha ora indossato la voce dei grandi come un indumento.

Il mondo passa come un vento gentile

E i giorni della nostra vita lo rincorrono.

E nelle vicende di tutti i giorni

assistiamo al rinnovamento della penna del creatore.

Dal “bá”, lo sproloquio di un uomo ubriaco,

assistiamo alla danza della saggezza nella mente del bambino.

Non aspettiamo di sentire “bàbá” per intero

per sapere che la conoscenza non dipende da noi adulti.

Eccolo a due anni, con pochi mesi in più

preparando vertiginosamente i bagagli della vita 

come se andasse in battaglia.

Morire da vivi

Non con tutte le patate si può fare la zuppa.

Non tutti i soli asciugano i vestiti

Non tutti i tessuti sono indaco.

Non tutte le acque sono piacevoli sulla pelle.

Ricordo “mille lingue”

e il loro solo desiderio di “lodare il signore”

L’immagine di questo presente stupisce e un po’ spaventa,

ma che altro si può fare con un tale bizzarro allestimento?

Quando cala l’oscurità e copre la terra

e tutte le lingue fanno capriole nei loro letti

come salviamo noi stessi dal peccato dell’oblio?

ANTOLOGIA KOLA TUBOSUN

TESTO YORUBA

Èdè bí Ìjà

Song:

m o éi ṕ dàgbà (2x)

Kékere jòjòló mo bí t’èmi

m o éi ṕ dàgbà

Mo jí lónìí, rí ire ìyanu

m tí mo bí, m kékeré ij́sí

lo ti wá di géndé aláriwo yaya

m kékeré jòjòló ànà

lo ti tún m’òhùn àwn àgbà wọ̀.

Ayé n l bi af́f́ ĺl

j́ ayé wa n sáré tete    

Sùgbọ́ n nínú ìṣ̀l̀ ojojúmọ́

À ń rí tuntun gègé elédùwà

Láti “bá”, ǵǵ bí ni tó n mutí,

a rí bí gbọ́n ṣe n jó sórí mdé; 

Ìgbà tó pe “bàbá” nìkan ḱ la tó m̀

pé ìmọ̀ kìí tàn sọ́d̀ àwn àgbà.

  

mọ ọdún méjì rèé, àt’oṣù dì 

tó n mú ilé ayé p̀n gírí bí ìjàkadi.  

Kíkú Láàyè

Gbogbo iṣu kni iyán

Gbogbo òòrùn ḱ ló le m’áṣ gb

Gbogbo aṣ ḱ l’aró

Gbagbo omi k ló ṣeé re’ra 

Mo ránti “gbẹ̀rún ah́n” àti “yíyin olúwa”  

Iyè irú ìṣe bẹ́ẹ̀ j ni lójú, pẹ̀ẹ̀rù díẹ̀

Sùgbọ́n kí ni a tún le fi irú ̀yà ara bẹ́ẹ̀ ṣe?

Nigbà tí òkùnkùn èrò bá bo’l tán

ti gbogbo ahọ́n bá pa lọ́ĺ lórí

báwo la ó ṣe gba ara wa kal̀ lọ́wọ́ ẹ̀̀ ìgbàgbé?   


Premio Speciale - Kola TUBOUSUN

Èdè bí Ìjà/Kíkú Láàyè

Lingua yoruba (Nigeria) - "Premio Ostana scritture in Lingua Madre" edizione 2016

Premio Speciale - Kola TUBOUSUN
italiano

Kola Tubosun è un raffinato linguista, insegnante e scrittore, la cui esperienza professionale comprende professioni come l'editor, il traduttore, il blogger e l'insegnante di lingua nei diversi livelli di istruzione scolastica. Ha lavorato come professore di lingua straniera presso la Southern Illinois University Edwardsvilleand e presso l'Istituto Internazionale di St. Louis, Missouri. Attualmente insegna lingua inglese a Whitesands scuola, Lagos, Nigeria.

Egli è la mente del progetto TweetYoruba, che ha tradotto Twitter in lingua Yoruba, e YorubaName.com, è uno sforzo collettivo per documentare la lingua Yoruba (e altri dialetti e lingue africane). Tiene anche il blog di viaggio Ktravula.com

Kola Tubosun ha pubblicato i suoi racconti e articoli nigeriani ed internazionali in numerose riviste letterarie, come 'The Sentinel', magazine di poesia trimestrale, Concelebratory Shoehorn Review, Sentinel Nigeria, Klorofyl, Saraba Magazine, Acero Literary Supplement, Sostanza soggettiva, Farafina, 234Next, Letterario Internazionale trimestrale, The Moth, The Alestle (SIUE), College of Arts e pubblicazione Scienze (CAS), Orbita Journal, Nigerianstalk.org, guardiano Regno Unito, Ake Review, ed altri.

Un’intervista con lettura poetica:

https://www.youtube.com/watchv=XGT9t__HmwY

Un suo intervento su yoruba Multimedia Dictionary: https://www.youtube.com/watch?v=YtHvG_Mkc60


ANTOLOGIA

TESTO ITALIANO

Parola, Come una Battaglia

Canzone:

Il bambino non ci mette mai molto a crescere (x2)

Ho dato alla luce il mio in un piccolo fagotto.

Il bambino non ci mette mai molto a crescere.

Mi sono svegliato oggi per guardare un portento.

Mio figlio, il piccolo bambino di appena prima

è diventato un rumoroso giovane smunto.

Il piccolo fagotto di bambino di appena ieri

ha ora indossato la voce dei grandi come un indumento.

Il mondo passa come un vento gentile

E i giorni della nostra vita lo rincorrono.

E nelle vicende di tutti i giorni

assistiamo al rinnovamento della penna del creatore.

Dal “bá”, lo sproloquio di un uomo ubriaco,

assistiamo alla danza della saggezza nella mente del bambino.

Non aspettiamo di sentire “bàbá” per intero

per sapere che la conoscenza non dipende da noi adulti.

Eccolo a due anni, con pochi mesi in più

preparando vertiginosamente i bagagli della vita 

come se andasse in battaglia.

Morire da vivi

Non con tutte le patate si può fare la zuppa.

Non tutti i soli asciugano i vestiti

Non tutti i tessuti sono indaco.

Non tutte le acque sono piacevoli sulla pelle.

Ricordo “mille lingue”

e il loro solo desiderio di “lodare il signore”

L’immagine di questo presente stupisce e un po’ spaventa,

ma che altro si può fare con un tale bizzarro allestimento?

Quando cala l’oscurità e copre la terra

e tutte le lingue fanno capriole nei loro letti

come salviamo noi stessi dal peccato dell’oblio?

ANTOLOGIA KOLA TUBOSUN

TESTO YORUBA

Èdè bí Ìjà

Song:

m o éi ṕ dàgbà (2x)

Kékere jòjòló mo bí t’èmi

m o éi ṕ dàgbà

Mo jí lónìí, rí ire ìyanu

m tí mo bí, m kékeré ij́sí

lo ti wá di géndé aláriwo yaya

m kékeré jòjòló ànà

lo ti tún m’òhùn àwn àgbà wọ̀.

Ayé n l bi af́f́ ĺl

j́ ayé wa n sáré tete    

Sùgbọ́ n nínú ìṣ̀l̀ ojojúmọ́

À ń rí tuntun gègé elédùwà

Láti “bá”, ǵǵ bí ni tó n mutí,

a rí bí gbọ́n ṣe n jó sórí mdé; 

Ìgbà tó pe “bàbá” nìkan ḱ la tó m̀

pé ìmọ̀ kìí tàn sọ́d̀ àwn àgbà.

  

mọ ọdún méjì rèé, àt’oṣù dì 

tó n mú ilé ayé p̀n gírí bí ìjàkadi.  

Kíkú Láàyè

Gbogbo iṣu kni iyán

Gbogbo òòrùn ḱ ló le m’áṣ gb

Gbogbo aṣ ḱ l’aró

Gbagbo omi k ló ṣeé re’ra 

Mo ránti “gbẹ̀rún ah́n” àti “yíyin olúwa”  

Iyè irú ìṣe bẹ́ẹ̀ j ni lójú, pẹ̀ẹ̀rù díẹ̀

Sùgbọ́n kí ni a tún le fi irú ̀yà ara bẹ́ẹ̀ ṣe?

Nigbà tí òkùnkùn èrò bá bo’l tán

ti gbogbo ahọ́n bá pa lọ́ĺ lórí

báwo la ó ṣe gba ara wa kal̀ lọ́wọ́ ẹ̀̀ ìgbàgbé?