Enti in rete L.482/99   

Per un dizionario Etimologico dell’Occitano Alpino

Per un Dizionario Etimologico dell’Occitan0 Alpino: (n. 1) - it. Spiovere

Per un Diccionari Etimologic de l’Occitan Alpenc: (n. 1) Abauchar [ abawʧa:]

A cura de Franco Bronzat
http://www.chambradoc.it/Per-un-dizionario-Etimologico-dellOccitano-Alpino1.page

Per un Dizionario Etimologico dell’Occitan0 Alpino: (n. 1) - it. Spiovere
italiano

Abauchar [ abawʧa:] - it. Spiovere

Morosi nel suo lavoro “ L’Odierno Linguaggio dei Valdesi del Piemonte - Dialetto di Pral” a pg. 350 segnala il verbo abáućā´ “ balcare” cessare di piovere.

Questo verbo aicí non è segnalato ne nel vocabolario di T.G. Pons- A.Genre, ne nel dizionaro di G.Baret, tutti due della val Germanasca. In loco la parola sembra scomparsa.

Del verbe “balcare” cessare di piovere” non ne ho trovata traccia nei vocabolari italiani, mentre balcà “spiovere “ è presente nel vocabolario Milanese-Italiano de G. Banfi, nel Piccolo Dizionario del dialetto bresciano di S. Pinelli: balcà , calmare, desistere. Andare cessando.

Sicuramente G. Morosi, lombardo, doveva conoscere il verbo e utilizzarlo nella sua parlata italiana regionale da darne nel suo studio una forma italianizzata [ balcare].

Secondo i vocabolari lombardi, il senso di balcà è molto più ampio.

Il dizionario di R. Manfredi dedicato alla zona di Pavia riporta: balcà. Alleviarsi e dicesi di dolore. Frenarsi di sdegno. Balcà da pieuv, cominciare a spiovere.

Balcà de piœuv. Spiovere ( Vo. III 1841) nel vocabolario de F. Cherubini che nei vol. 1-2 dal 1839 riporta: balcà, Calmare. Desistere. Cessare. La nostra voce Balcà che pare abbia qualche fondamento nel greco αβαχέωϛ ( quietamente); anche i siciliani usano in questo senso Abbarcari e i sardi Abbacài.

Il vocabolario Bresciano-Italiano di Giovan Battista Melchiori ( 1817) riporta: Balcà. Calmare. Cessare. Desistere. Rimanere, Sostare. Balcà la boria (Calà le arie); Balcà la féer ( Allentare la febbre); balcà l’aqua ( Spiovere. Cessar del piovere).

Sempre F. Cherubini, nel vocabolario Mantovano-Italiano dal 1827 , non riporta il verbo balcà.

In Lombardia la voce balcà sarebbe dunque presente in una parte del territorio ma non nell’area del sud -est.

Il vocabolario siciliano dell’Abate Pasqualino riporta effettivamente la forma Abbarcari. Si dice di dolori, tempeste e simili, mitigarsi, mitescere, remittere. Talora vale cessare affatto, cessare. Dal greco αβαχώ, abacò, quiesco .

Sono pure presenti i deverbali abbarcatu, mitigato, mitigatus; e abbarcamento, mitigamento, remissio.

Antonio Traina nel suo vocabolario cita Abbaccari,: scemare, calmare | Abbonacciare. p. pass. Abbacatu: scemato, calmato | Abbonacciato ( gr. αβαχώ: ho quiete). Abbacamentu s.m. scemamento |abbonacciamento . Abbaccamenti avv. Scematamente .

Per ciò che riguarda la Sardegna il vocabolario di Vincent Porru ci dona abbacái, mil. Balcà, cessare, quietarsi

Come si vede la parola è ben diffusa in Lombardia, Sicilia e Sardegna mentre in Piemonte sembrerebbe sconosciuta. I dizionari piemontesi che ho potuto consultare non la conoscono. L’area occitana ci da qualche esempio di abaucar. Il dizionario di Alibert riporta:

abaucar, v.tr. et intr. Calmer, apaiser, cesser; se calmer, s’apaiser. Syn. amaisar, calar. Dér. abaucament, apaisament. Ety. Germ. balk

La forma siciliana è molto vicina a quella riportata da Alibert, anche abbarcamento = abaucament.

Alibert nel suo dizionario da abaucar come derivato dal germanico balk ma nella sua Gramatica Occitana, questa base non è presente negli Elements germanics delle parlate lengadociane,

Il R.E.W. non ha queste parole ne la base balk.

Lou Tresor dóo Felibrige di Federic Mistral riporta la forma abauca ma pure una forma nord-occitana abaucha (lim.), cat. abalgar, piem. Suisse balcà, cesser, calmer, angl. balk, négliger, calmer, apaiser, cesser.

Il catalano antico conosceva pure questo termine: balcar minvar d’intensitat.

Una parola probabilmente d’origina germanica o greca

, ormai persa fra le pieghe dei libri e del tempo, presente in un area molto vasta che va dalla Sicilia alla Catalogna. 

occitan

Morosi1 dins sun trabalh “ L’Odierno Linguaggio dei Valdesi del Piemonte - Dialetto di Pral2 a pg. 350 signala lo verbe abáućā´ “ balcare” cessare di piovere.

Quest verbe aicí al es pas present ni dins lo vocabolari de T.G. Pons- A.Genre 3, ni dins lo diccionari de G.Baret4, tuts dos de la Val San Martin. A Praal la paraula pareis desconoissuá.

Dal verbe “balcare” cessare di piovere” n’ai pas trobat traça dins los vocabolaris italians, dal temps que balcà “spiovere “ es present dins lo vocabolari Milanese-Italiano de G. Banfi5, dins lo Piccolo Dizionario del dialetto bresciano de S. Pinelli6: balcà , calmare, desistere. Andare cessando.

Segurament G. Morosi, lombard, duviá conoisser lo verbe e se n’en servir dins son parlar italian regional e de n’en donar dins son estudi una forma italianizaa [ balcare].

Segond los vocabolaris lombards lo sens de balcà es ben plus ample.

Lo diccionari de R. Manfredi7 dediat a la zòna de Pavia repòrta: balcà. Alleviarsi e dicesi di dolore. Frenarsi di sdegno. Balcà da pieuv, cominciare a spiovere.

Balcà de piœuv. Spiovere ( Vo. III 1841) dins lo vocabolari de F. Cherubini8 que dins los Vol. 1-2 dal 1839 reporta: balcà, Calmare.Desistere. Cessare. La nostra voce Balcà che pare abbia qualche fondamento nel greco αβαχέωϛ ( quietamente); anche i siciliani usano in questo senso Abbarcari e i sardi Abbacài.

Lo vocabolari Bresciano-Italiano de Giovan Battista Melchiori ( 1817) repòrta: Balcà. Calmare. Cessare. Desistere. Rimanere, Sostare. Balcà la boria (Calà le arie); Balcà la féer ( Allentare la febbre); balcà l’aqua ( Spiovere. Cessar del piovere).

Totjorn F. Cherubini, dins un vocabolari Mantovano-Italiano dal 1827 , repòrta pas lo verbe balcà.

En Lombardia la votz balcà sariá donca presenta dins una partiá dal territòri mas pas dins la partiá dal sud -est.

Lo vocabolari sicilian de l’Abat Pasqualino9 repòrta en efet la forma Abbarcari. Si dice di dolori, tempeste e simili, mitigarsi, mitescere, remittere. Talora vale cessare affatto, cessare. Dal greco αβαχώ, abacò, quiesco .

Sion decò presents los deverbals abbarcatu, mitigato, mitigatus; e abbarcamento, mitigamento, remissio.

Antonio Traina dins son vocabolari 10 dona Abbaccari,: scemare, calmare | Abbonacciare. p. pass. Abbacatu: scemato, calmato | Abbonacciato ( gr. αβαχώ: ho quiete). Abbacamentu s.m. scemamento |abbonacciamento . Abbaccamenti avv. Scematamente .

Per çò que regarda la Sardènha lo vocabolari de Vincent Porru nos balha abbacái, mil. Balcà, cessare, quietarsi

Comà la se vei la paraula es ben difuzaa en Lombardiá, Sicilia e Sardènha dal temps que en Piemont sembla desconoissuá. Lo diccionaris piemontés qu’ai pogut consultar la conoissan pas.

L’areal occitan nos dona qualque exemple de abaucar. Lo diccionari de Alibert11 repòrta:

abaucar, v.tr. et intr. Calmer, apaiser, cesser; se calmer, s’apaiser. Syn. amaisar, calar. Dér. abaucament, apaisament. Ety. Germ. balk

La forma siciliana es ben vesina quèla reportaa de Alibert, mesme abbarcamento = abaucament.

Alibert dins son diccionari dona abaucar comà derivat dal germanic balk mas dins sa Gramatica Occitana, cèsta basa es pas presenta dins los Elements germanics dals parlars lengadocians.

Lo R.E.W. a pas aicèstas paraulas ni la basa balk.

Lou Tresor dóo Felibrige de Federic Mistral dona la forma abauca mas tamben una forma nòrd-occitana abaucha (lim.), cat. abalgar, piem. Suisse balcà, cesser, calmer, angl. balk, négliger, calmer, apaiser, cesser.

Lo catalan antic12 conoissiá tamben aicèsta paraula: balcar minvar d’intensitat.

Una paraula probablement d’origina germanica o greca, dausaüra perduá dins la pleá dals libres e dal temps, presenta ent un areal bien larg, que vai de la Sicila a la Catalonha.

1 Giuseppe Morosi ( Milano 1844-1890)

2 Pral encuèi Praly . Melh sariá la forma Praal < pradal “ estendanha de prats” conforma a la prononciacion locala: pra:l

3 Teofilo G. Pons- Arturo Genre, Dizionario del Dialetto Occitano della Val Germanasca, Ed. dell’Orso, 1997

4 Guido Baret, Disiounari dâ patouà dë la Val san Martin, Alzani Ed., 2005

5 Giuseppe Banfi, Vocabolario Milanese Italiano, Libreria Milanese 1994, ried. 3ª edizione 1874

6 Stefano Pinelli, Piccolo Dizionario del Dialetto Bresciano, note introduttive di Vittorio Mora, Grafo Ed. Brescia 1976, ried. Del 1851

7 Rodolfo Manfredi, Dizionario Pavese-Italiano, coll’aggiunta delle frasi più comuni, Pavia 1874

8 Francesco Cherubini, Vocabolario Milanese-Italiano, 1841

9 Abat Michele Pasqualino, Vocabolario etimologico Siciliano, Italiano, e latino, Palermo MCCCLXXXV (1785)

10 Antonio Traina, Nuovo Vocabolario siciliano-italiano, compilato da Antonio Traina, Palermo 1868.

11 Louis Alibert, Dictionnaire Occitan-Français, Nouvelle Edition, Toulouse, Institut d’Etudes Occitanes, 1977

12 Mercè Costa i Maribel Tarrés, Diccionari del català antic, Barcelona, 2001