Enti in rete L.482/99   

La Fountaneto, un augurio di “convivencia” per Ostana

La Fountaneto, un auguri de convivéncia per Ostana

di Esteve Anghilante

La Fountaneto, un augurio di “convivencia” per Ostana
italiano

Anche quest’anno il Premio Ostana Scritture in Lingua Madre è passato, lascia in eredità a tutti quelli che hanno partecipato un’esperienza di scambio, di arricchimento e di “concivencia” che sono diventati il tratto caratteristico di tutte le giornate del Premio. In questo piccolo borgo di legno e pietra ogni anno si incontrano e dialogano tra loro persone e lingue di tutto il mondo, in una full-immersion di confronti e scambi intellettuali ed umani incastonati nella bellissima cornice delle montagne della Valle Po. Per l’edizione 2015 in particolare rimarrà una testimonianza concreta di quelle giornate passate ad Ostana, dei vincitori del Premio e in generale dello spirito che anima tutta la manifestazione; sulla piazza del paese è rimasta La Fountaneto l’ultima opera dell’artista Barbo Brisiu (Fabrizio Ciarma). 

Specialista dell’intaglio con lama curving (lama da intaglio per la motosega) Barbo Brisiu ha realizzato la sua opera dal vivo, durante il Premio Ostana 2015, nella panoramica piazzetta nel centro de La Vila di Ostana, dove ora rimarrà per dissetare i passanti . 

Per le due giornate del Premio per le Lingue Madri Barba Brisiu ha selezionato due pesanti blocchi di larice nostrano e con la fantasia e la spontaneità che lo caratterizzano li ha incastrati insieme e a dato forma al legno utilizzando solo la motosega e poco altro.

Nella sua mente d’artista c’era un’idea, un’ispirazione: realizzare qualcosa che non fosse una semplice fontana, intesa come sorgente d’acqua dove bere, ma un simbolo per chi l’avvicina, un’esperienza visiva ed emotiva per il passante, un messaggio indelebile da dedicare al Premio Ostana 2015, ai suoi partecipanti, a chi vive nel paese e a tutti quelli vi che andranno a bere; il messaggio è: Convivencia. 

Quando abbiamo commissionato l’opera a Barba Brisiu e gli abbiamo spiegato la manifestazione e la filosofia del Premio Ostana Scritture in Lingua Madre, la parola “convivencia" (quella trobadorica) a continuato a girare per giorni nella sua testa: la convivenza (il vivere assieme), l’incontro, lo scambio, l’accettazione, il rispetto, l’amore, sono tutti valori che si fondono in questa parola occitana, antica come la lingua a cui appartiene, e che sono molto sentiti dalla comunità d’Ostana, in particolare nei giorni del premio per le Lingue Madri. In realtà mi ha confessato Barba Brisiu che fino al giorno prima dell’evento ancora non sapeva bene cosa ne avrebbe fatto di quest’ispirazione; poi ad un tratto nella notte, come sempre accade per le grandi opere, tutti i tasselli sono collisi e l’immagine è risultata chiara. 

Adesso sulla piazzetta di Ostana un uomo un po’ un anziano con il cappello, forse un padre, un nonno o lo zio del paese, tiene una brocca d’acqua in mano e piano ne versa un filo in una pozza, come in un grande bicchiere; sopra la sua spalla un falchetto appollaiato si riposa e tutt’intorno alla pozza: un pettirosso, due colibrì, un'allodola e una ghiandaia si sono fermati a curiosare e a bere; sono presenti tutti gli uccelli simbolo delle lingue madri premiate nell’edizione 2015: il corso (falchetto), l’occitano (pettirosso), la lingua Tutunakú del Messico (colibrì), l’armeno (allodola) e la lingua Saami della Finlandia (ghiandaia) Questa pozza d'acqua dove tutti possono andare a dissetarsi diventa così un luogo di pace, un luogo franco dove incontrarsi e dialogare, serviti da un uomo gentile e premuroso (che potrebbe rappresentare il Monviso che ha difronte, o qualcuno ancora più in alto che veglia su tutti) che offre a tutti l’acqua, la fonte di vita, ed assieme ad essa offre ospitalità e sostegno; è un messaggio di fratellanza e di condivisione che Barba Brisiu è riuscito a scolpire nel legno.

Per essere sicuro che questo messaggio sia chiaro l’opera è anche accompagnata da una scritta intagliata nel legno: “Que pòs t’abeurar de convivencia” che tu possa dissetarti di “convivencia”, un augurio per tutti gli esseri umani e a tutti gli esseri viventi che passando ad Ostana abbiano il bisogno di dissetarsi, nel corpo e nell’anima.

Grazie Fabrizio.

occitan

Decò aqueste an lo prèmi Ostana – Escrituras en Lenga Maire es passat, en laissant a tuchi aquilhi qu’an participat un’experiença d’eschambi, d’enrichiment e de convivéncia, que son venguts la característica de totas las jornaas dal Prèmi. Dins aqueste pichòt vilatge de bòsc e peira que chasque an s’encòntron e devison entre lor de gents e de lengas da tot lo mond, dins un plonjament total en de confronts e d’eschambis intellectuals e umans enchastrats dins la belíssima cornitz des montanhas de la val Pò. Per l’edicion dal 2015 en particular restarè una testimoniança concreta d’aquelas jornada passaas a Ostana, di ganhaires dal Prèmi e en general de l’esperit que ànima tota la manifestacion: sus la plaça dal país es restaa La Fountaneto, la darriera òbra de l’artista Barba Brisiu (Fabrizio Ciarma). 

Especialista de l’en talh embe la lama curving (una lama da talh per la rèssea a motor), Barba Brisiu a realizat son òbra dal viu, durant la manifestacion, dins la panoràmica placeta dal centre de la ruaa de La Vila d’Ostana. ente demorarè per saular lhi passants.

Per las doas jornadas dal Prèmi per las Lengas Maires Brisiu a seleccionat dui pesants blòcs de mèuse nostran e embe la fantasia e l’espontaneïtat que lo caracterizon lhi a enchastrats ensem e a donat forma al bòsc en adobrant ren que la rèssea a motor e pauc d’autre.

Dins sa ment d’artista lhi avia un’idea, un’inspiracion: realizar qualquaren que foguesse pas una simpla fònt, entendua coma sorsa d’aiga ente beure, mas un símbol per qui s’apròcha, un’experiença visiva e emotiva per qui passava, un messatge indelébil da dedicar al Prèmi ostana 2015, ai siei participants, a qui viu ental país e a tuchi auquilhi que lhi anarèn beure: lo messatge es “convivéncia”.

Quora avem comissionat l’òbra a Barba Brisiu e lhi avem explicat la manifestacion e sa filosofia, la paraula convivéncia (aquela trobadorença) a contuniat a virar per de jorns dins sa tèsta: la convivéncia (lo viure ensem en armonia, l’encòntre, l’eschambi, l’acceptacion, lo respèct, l’amor, son totas de valors que se fondon dins aquesta paraula occitana, anciana coma la lenga a la quala aparten, de valors ben sentuas da la comuntat d’ostana, en particular dins lhi jrns dal Prèmi. En realitat Barba Briciu m’a confessat que fins al jorn derant de l’eveniment saubia pas encara ben çò qu’auria fach d’aquela inspiracion; puei tot d’un crèo, dins la nuech, coma càpita sempre per las grandas òbras, tuchi lhi taissèls se son jonchs e l’image s’es esclarzia.

Aüra sus la placeta dal país un òme un pauc ancian embe lo chapèl, benlèu un paire, un vielh o lo barba dal vilatge, ten una bròca d’aiga dins las mans e plan planet ne’n raia n fil dins una pichòta vasca, coma dins un gròs bichèl. Sus son espatla un falquet ajocat se repausa e tot a l’entorn de la vasqueta lhi a un pitrerós, un colibrí, un’aloeta e un gai que se son fermats a curiosar e a beure. Son presents tuchi lhi aucèls símbol des lengas premiaas dins l’edicion 2015: lo còrse (falquet), l’occitan (pitrerós), lo tutunakú dal Méxic (colibrí), l’armen (aloeta) e la lenga sami finlandesa (gai). Aquela flaca d’aiga ente tuchi pòlon anar beure coma aquò deven un luec de patz, un luec franc ente s’encontrar e devisar, servits da un òme gentil e premurós (que poleria representar lo Vísol que a derant el, o qualqu’un encara mai en aut que velha sus tuchi) que semon a tuchi l’aiga, la fònt de la vita, e ensem ofrís d’ospitalitat e de sosten; es un messatge de frairança e de partatge que Barba Brisiu es arribat a escolpir ental bòsct.

Per èsser segur que queste messatge sie clar, l’òbra es acompanhaa decò da un’escricha gravaa ental bòsc: “Que pòsses t’abeurar de convivéncia”, un auguri per tuchi lhi èssers ummans e vivents qu’en passant per Ostana aien da manca de se saular dins lo còrp e dins l’anma.