Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2017

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.171 Octobre 2017

Introduzione all'intervista con Jordi Savall sulla questione della sua richiesta d’indipendenza catalana.

Intervent de Jordi Savall sus la question de l’indipendença de la Catalónia.

di Dario Anghilante

Introduzione all'intervista con Jordi Savall sulla questione della sua richiesta d’indipendenza catalana.
italiano

In questo momento così importante per la Catalonia crediamo utile pubblicare questa intervista con Jordi Savall sulla questione della sua richiesta d’indipendenza.

Jordi Savall i Bernadet, grande musicista catalano di fama mondiale (violoncellista, gambista [viola da gamba], direttore d’orchestra, musicologo) ci offre una visione che un po’ ci conforta sul buon senso che regna ancora nelle persone. In questi giorni siamo bersagliati da parole e atteggiamenti che spaventano. In Italia (ma a quanto ci risulta anche in Francia) giornali, radio, televisioni, non fan altro che diffondere falsità e opinioni distorte: “Un referendum che è giunto neppure al 50% dei votanti” (non considerando la situazione di terrore e repressione che il governo spagnolo e la polizia hanno creato per boicotttarlo; che vari seggi elettorali sono stati impediti; che la guardia civile ha sequestrato molte schede elettorali già votate; ecc.). “Gli indipendentisti hanno creato un clima di esaltazione, di terrore e d’intimidazione” (tutti sappiamo che le manifestazioni per l’indipendenza si sono svolte in completa serenità, concordia, spirito pacifico e civile).

È vergognoso sentire che la Catalonia vorrebbe l’indipendenza solo per questione di privilegi economici ed egoismo. La storia di quel popolo non conta? Non conta la repressione che ha subito durante il franchismo? Non si considera il mancato rispetto delle norme di autonomia promesse dallo stato spagnolo?

Si sentono quasi soltanto parole di vuota retorica: “Rispetto della costituzione per un principio di pace e convivenza”. Cosa vogliono intendere con “pace” l’abbiamo visto dalle cariche della polizia su gente che pacificamente andava a esprimere il loro voto, e poi se la costituzione spagnola non da nessuna possibilità ad un popolo di esprimere la sua volontà è semmai la costituzione che bisogna cambiare, non bastonare la gente.

Siamo di fronte ad un fenomeno di disinformazione veramente preoccupante. I catalani dimostrano un livello di civiltà e di pacifismo sicuramente straordinari soprattutto se consideriamo l’esasperazione raggiunta per colpa di un governo che li boicotta e che, nel caso specifico del referendum, dimostra sempre più il suo carattere franchista e fascista

È altresì preoccupante l’atteggiamento dell’Europa. Il parlamento catalano chiede un suo intervento, una sua mediazione, e quella se ne frega. Non è più un fatto interno alla Spagna come dicono da Bruxelles. Vi è oltrettutto una carta europea violata che dice che con metodi democratici un popolo ha il diritto alla sua autodeterminazione e in Spagna la rivendicazione popolare viene considerata alla stregua di eversione con una dura repressione istituzionale, giudiziaria e poliziesca. L’Europa ha il dovere di intervenire di fronte ad una chiara manifestazione di regime fascista da parte di un suo membro o dobbiamo trarre conclusioni funeste sul disegno politico di questa Europa e di chi la governa. 

occitan

Dins aqueste moment tant important per la Catalónia pensem ben de publicar aqueste intervent de Jordi Savall sus la question de l’indipendença de la Catalónia.

Jordi Savall i Bernadet, grand musician catalan de fama mondiala (violoncelista, gambista, director d’orquèsta, musicòlog) nos dona una vision que nos tranquilisa un pauc sus lo bòn sens que pòl encà lhi aver dins las personas. Ent’aquesti jorns sem bersalhats da paraulas e comportaments que fan afre. En Itàlia sobretot (mas en França tanben) jornals, ràdios, televisions, fan ren autre que contar de fausarias: “Un referendum qu’es pas arribat almenc al 50% de votants” (sens considerar la situacion de terror e repression que lo govern espanhòl e la policia an creat per lo boicotar, que un bòn numres de seti electorals son estats barrats, que la gàrdia civil a sequestat de boletins electorals ja votats, ecc.). “Lhi endependentistas an creat un climat d’exaltacion, de terror e d’intimidacion” (tuchi sabem que las manifestacion per l’indipendença se son passaas dins la mai granda serenitat, concòrdia, patz e civiltat).

Fai afre de sentir dir que la Catalónia vòl l’indipendença masque per una question de privilegi e egoïsme. E l’istòria d’aquel pòple cònta pas? E la repression qu’a patit dal franquisme? E las promessas per l’autonomia que lo govèrn espanhòl a fach e ren mantengut?

Sentem esquasi masque de paraulas de pura retòrica: “Respèct de la constitucion per la patz e la convivència”.Mas se la constitucion dona deguna possibilitat a un pòple de dir se e coma vòl se governar es aquela constitucion que chal chambiar e ren massacrar la gent.

Sem denant a una situacion de disenformacion preocupanta. Lhi Catalans demostron un livèl de civiltat e de pacifisme extraordinari se pensem que ne’n pòlon pus d’un govèrn de l’estat espanhòl que despuei d’ans lhi boicòta, qu’es sostancialment franquista e fascista e la maniera de reagir en ocasion dal referendom l’a demostrat.

Es preocupanta tanben l’atituda de l’Euròpa. Lo parlament catalan demanda un siu intervent e l’Euròpa s’en fot. Es pus un afar interior a l’Espanha, lhi a una carta europea che declara que per via democràtica un pòple a lo drech a son autodeterminacion, la revendicacion populara pacifica ven tractaa en Espanha coma eversion e lhi a agut e lhi a de violenças institucionalas, de repressions judiciàrias e policieras. L’Euròpa a lo dover d’intervenir derant a una clara manifestacion de fascisme d’un siu aderent. Tot aquò nos fai pensar seriosament qual es lo dessenh d’aquesta Euròpa e da qui sem verament governats.


Condividi