Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2017

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.164 Febrier 2017

BAÌO 2012 vista da un sonador

Baïa 2012 vista da un sonador que aüra viu entre Nicaragua e Mexic

Fotografie di Andrea Fantino
Testo di Marco Ghezzo

BAÌO 2012 vista da un sonador
italiano

La musica e la danza sono elementi centrali nella Baio, presenti durante il giorno e la notte. Il ruolo di sonador, poi, gode di una sorta di statuto a parte rispetto alle altre figure del corteo. È l'unico infatti che rompe il vincolo stretto della “compaesanità'' tra i partecipanti. Lo sonador infatti può anche venire da fuori, non essere del paese, non essere della Valle. Da tempo immemore i paesi che scarseggiavano di suonatori reclutavano suonatori anche della Piana purché sapessero nostas dancas. Lo sonador è un ponte tra la Baio e il mondo esterno.

3.jpg

Io sono stato nella edizione del 2012 un sonador che veniva da fuori, da Cuneo. Frequentavo la Valle da anni per la musica e la danza e conoscevo molti ma non era lo stesso, io ero un forestier come molti che negli ultimi 20 anni si sono interessati alla musica tradizionale. Ero stato investito del ruolo di sonador per intercessione di Dario, che da anni è violonista e aveva in mente di potenziare i violini della Baìo de Piassa e allo stesso tempo farmi un regalo indimenticabile. Ora vivo tra Nicaragua e Messico e da lontano percepisco l'emozione per questa edizione a cui non posso partecipare, come una brezza che sorvola l'oceano.

5.jpg

Ero cosciente dell'importanza di questa festa per la gente della Valle, della cura che viene riservata ai preparativi e la lunga attesa (5 anni!) tra un'edizione e l'altra. Avevo partecipato nell'edizione precedente come signur sostituendo una figura che mancava, e a ciascun ballo si parlava di Baio almeno da un anno. Sapevo però che molto lo avrei imparato percorrendo quelle vie gelate, suonando per accompagnare la marcia di questo esercito festoso e far ballare grossi uomini vestiti da signore.

7.jpg

Le grida sguaiate di Baìo! Baìo! Esprimono l'emozione travolgente della festa che, comunque, è un sentimento che va sempre controllato. Il corteo è una struttura gerarchica imprescindibile. Il trucco sta nel saper stare al proprio posto, divertendosi. Interpretare questo sentimento può risultare fantasioso: a me, ad esempio, mi piace pensare che sia un'eredità della disciplina delle truppe napoleoniche che lasciarono un segno così evidente nella maniera in cui vestono i gradi alti della gerarchia nella Baìo.

9.jpg

I cantinier hanno la responsabilità che l'esercito festoso non rimanga mai a secco. Continuano a mettere benzina sul fuoco e sta a ciascuno mantenere il controllo ed evitare che l'ebbrezza attenti alla decenza e al filologico rispetto della tradizione.

11.jpg

La notte è il momento in cui lasciarsi andare, e il momento in cui la Baìo si apre emotivamente all'esterno. Tutti sono invitati a ballare, pure le donne e i forestieri. Anche gli Abbà si rilassano e aprono le danze con la corenta di Abba.

14.jpg

La Baìo è una festa ma soprattutto un rito collettivo, un momento non sacro, ma sacralizzato, in cui si celebra e si inventa l'identità di valligiani. Spesso si rivendica una ipotetica originarietà e tradizione, ma chiaramente la idiosincrasia vuole che si incorporino sempre elementi nuovi. Basta farlo con rispetto e un po' di circospezione.

occitan

La música e la dança son d’elements centrals dins la Baïa, present durant lo jorn e la nuech. Lo ròtle dal sonador, puei, joís d’una sòrta d’estatut a part respèct a las autras figuras dal cortèu. De fach es lo solet que brisa lo liam estrech de la “compaesaneïtat” entre lhi partecipats. Lo sonador pòl decò venir d’enfòra, ren èsser dal país, de la valada. Da temp immemorable lhi vilatges que avion manca de sonadors ne’n reclutavon bèla de la plana, basta que sabesson nòstras danças. Lo sonador es un pònt entre la Baïa e lo mond exterior.

4.jpg

Mi siu estat dins l’edicion 2012 un sonador que venia d’enfòra, da Coni. Depuei d’ans frequentavo la valada per la música e la dança e conoissiu un baron de gent, mas era pas la mesma causa, i ero un forestier coma tanti qu’enti darriers 20 ans se son interessats a la música tradicionala. Siu estat envestit d’aquel ròtle per intercession de Dario, que da tanti ans es violonaire e avia en ment de potenciar lhi violons dins la Baïa de Plaça e al mesme temp me far un regal endesmentiable. Aüra vivo entre Nicaragua e Méxic e de luenh precepisso l’emocion per aquesta edicion a la quala puei pas parcecipar coma un’aureta que sobrevòla l’ocean.

Ero conscient de l’importança d’aquesta fèsta per la gent de la valada, dal soanh que ven reservat ai preparatius e de la lònja atenta (5 ans!) entre un’edicion e l’autra. Aviu partecipat dins l’edicion precedenta coma senhori en remplaçant una figura que mancava e almenc da un an a chasque bal se parlava de Baïa. Sabiu que un baron l’auriu emprés en percorrent aquelas vias jalaas, en sonant per acompanhar la marcha d’aquel exércit festaire e en fasent balar de gròs omenàs vestits da senhoras.

Lhi uchs grossier de Baïa! Baïa! Exprimon l’emocion entraïnanta de la fèsta que, totun, es un sentiment que vai sempre controlat. Lo cortèu es un’estructura geràrquica imprescindibla. Lo truc es dins lo saber estar a son pòst en s’amusant. Interpretar aqueste sentiment pòl resultar fantasiós: a mi, per exèmple, plai pensar que sie un’eretatge de la disciplina des tropas napoleònicas, que an laissat una marca tan evidenta dins l’abilhament di grads auts de la gerarquia dins la Baïa.

Lhi cantiniers a la responsabilitat que l’exércit festaire rèste pas jamai a gola secha. Contúnion a butar de benzina sal fuec e es a chascun de mantenir lo contròl e evitar que l’embriagadura mene còntra la decença e al filologic respèct de la tradicion.

La nuech es lo moment ente se laissar anar e lo moment ente la Baïa se duèrb emotivament a l’exterior. Tuchi son envitats a balar, decò las fremas e lhi forestier. Decò lhi Abà se relamon e duèrbon las dançaa abo la correnta di Abà.

15.jpg

La baïa es una fèsta, mas sobretot un rite collectiu, un moment ren sacre, mas sacralizat, ente se célebra e s’enventa l’identitat de valadencs. Sovent se revéndica un’ipotética originarietat e tradicion, mas clarament l’idiosincrasia vòl que vanen s’encorporar totjorn d’elements novèls. Basta lo far abo respèct e un pauc de duech.




Condividi